EXPEDITIONS HOME
HIMALAYA

Everest

Dhaulagiri I

Spantik Peak

Diran Peak

Kanghiatse

Makalu 2001

Chiantar 2000

ANDE

Cruz del Sur

Rio La Venta

Patagonia by water

CAUCASO

Pamir Alay

ARTICO

Mt.Nalumasortoq

Islanda
 
Libri, Guide, Video
Panorami a 360°
Posta
Weblink
Forum
diario 1 - 2 - 3 - 4
intervista
mappa
video
Islanda, traversata solitaria Vatnajokull
intervista a Paolo Mantovani





1° solitaria invernale del Vatnajokull, cosa ti resta?
L’aver vissuto la particolarità di questi grandi spazi orizzontali e la solitudine. Ma anche l’aver sperimentato quanta capacità di concentrazione abbia la mente quando è messa sotto pressione, e quanto “ottimismo” si riesca a tirar fuori di fronte alle difficoltà.

Un esempio...
Mi è successo con la rottura del paletto della tenda. Un problema che, lì per lì, non sapevo come risolvere. “Accidenti è già finita” ho pensato. Poi, però, ho proiettato il problema in avanti, alla sera, quando sarebbe arrivato il momento di montarla. E ho trovato la soluzione.
Sì, cavarsela da soli, mantenere la calma, e comunque riuscire a vedere in maniera ottimistica le cose per trasformare positivamente un evento negativo: queste sono le sensazioni che più mi sono rimaste..

Il momento più difficile
Sono stati due. Il primo quando, la notte tra il 3° e 4° giorno, il vento è cambiato e la bufera mi ha costretto a star fermo tutto il giorno. Il vento accumulando la neve mi costringeva a spalare ogni ora e mezza per evitare di ritrovarmi con la tenda sepolta. Anche se, tutto sommato, non è stata una situazione particolarmente drammatica: il più era sapere di dover uscire dalla tenda.
Senz’altro più dificoltosa è stata l’uscita dal ghiacciaio: difficile tecnicamente e anche un po’ pericoloso. C’era poca neve e invece della pista di discesa che mi aspettavo ho trovato una seraccata. Ho dovuto lasciare la slitta e andare a cercare la strada attraverso i seracchi con tutti i problemi che comporta muoversi da solo su un ghiacciaio crepacciato.

Da solo, con quale comunicazione verso l’esterno
Avevo solo il GPS che mi serviva come supporto all’orientamento. Inoltre avevo la possibilità di mandare un segnale di soccorso sulla frequenza di soccorso internazionale. In caso di bisogno (particolarmente grave) si lancia l’SOS, e si aspetta. Non ci sono certezze, se non quella di aver avvisato qualcuno che sei in difficoltà. La mia unica comunicazione con l’esterno era questa.

Perché questa scelta
Per me la vera differenza tra essere solo o in compagnia sta proprio nelle possibilità di comunicazioni che si hanno. E dal momento che avevo deciso per una solitaria ho cercato di farlo… più che mi era possibilile. Poter lanciare un SOS, infatti, resta una possibilità di comunicazione. La mia, quindi, non è stata una scelta assoluta ma una mediazione tra la necessità di sicurezza e il mantenere il più possibile intatta l’“etica”. Anche se per me non era l’etica quanto il cercare di vivere un’esperienza.

Le difficoltà
Non posso dire che sia stata una cosa difficile. Tecnicamente è alla portata di molti. Anche se farlo da soli e in inverno richiede una buona preparazione mentale. Poi è strano ragionare a mente fredda su queste cose, perché quando una cosa ti riesce ti sembra sempre più facile. Una sensazione del tutto simile alla “ritirata” da una via: quando sei giù pensi che magari avresti potuto continuare. In realtà sei già fuori da quel momento “del qui e adesso” in cui hai dovuto prendere una decisione. Ora, che è finita, mi sembra una cosa molto semplice in cui effettivamente non ci sono stati problemi. Se rileggo, invece, il diario della traversata mi accorgo di aver “perso” molte di quelle cose che nella realtà ho provato e scritto.

Come mai è la prima volta che il Vatnajokull viene percorso in solitaria invernale
Penso sia troppo piccolo per i big di questo genere di avventura che si rivolgono essenzialmente ai grandi spazi, ai Poli per intenderci. In realtà era già stato tentato senza successo. Si tratta comunque di un problema abbastanza evidente visto che stiamo parlando del ghiacciaio più grande d’Europa. Per affrontare questo ghiacciaio comunque bisogna essere degli alpinisti, almeno nelle condizioni in cui l’ho trovato quest’anno. Mi ha aiutato molto, infatti, essere guida alpina e l’abitudine a frequentare questo tipo di ambienti; mi ha dato la tranquillità di vagare slegato in mezzo alla crepacciata.

La cosa più bella di questa esperienza
E’ stato molto bello viaggiare con la testa che vaga. E’ come se la tua mente viaggiasse parallelamente al corpo, senza una sintonia con i movimenti e senza fermasi su nulla. Non fai fatica e hai proprio delle sensazioni positive. In realtà dopo un secondo già non ti ricordi a cosa stavi pensando. Guardi l’orologi e ti accorgi che è sera.

La sensazione più forte
Sentirsi proiettato verso gli altri, con la voglia di comunicare tante cose, e non solo quello che stai vivendo in quel momento. E’ un bisogno che esce prepotentemente, da dentro, come un urlo. E il contatto con la natura, il grande spazio, la solitudine fanno da amplificatore a questi bisogni e a queste riflessioni.

Voglie future
Sicuramente di continuare su questa strada di scoperta interiore. Lo spazio orizzontale mi affascina. Richiede molta maturità per essere affrontato e forse non è un caso che mi sia avvicinato, un po’ prima dei 40 anni, vivendolo così positivamente. Anche se devo fare molta esperienza per avvicinarmi alle cose più complicate o lunghe. Mi sono accorto che ho ancora bisogno di darmi dei limiti a breve...





Islanda

PRIMA TRAVERSATA INVERNALE SOLITARIA DEL GHIACCIAIO VATNAJOKULL
da Nord (Kverkjokull) a Sud (Skaftafellsjokull)



Islanda, traversata Vatnajokull

click per aprire la mappa


Particolarità
"Nelle traversate dei grandi spazi orizzontali, magari il livello tecnico richiesto non è particolarmernte elevato mentre invece è elevata la capacità di saper gestire i momenti. Una persona sola riesce a tirar fuori da se stesso delle risorse e a vedere in maniera ottimistica quello che ha davanti."

Freddo
"Sono stato fortunato perché ho avuto solo un po’ di brutto (due giorni tempesta e temperature attorno ai -20/-25 °C nei due giorni di tempesta). Per il resto le temperature pur andando sempre sotto zero sono state accettabili."

orari
"Partivo verso le 10 di mattina e normalmente camminavo fino alle 17,30-18."

Percorso
"Il Vatnajokull è il più grande ghiacciaio d'Europa; la sua superficie è di quasi 10000 Kmq. La quota varia dai 2119m della cima più alta d'Islanda al livello del mare; con un'altitudine media di circa 1500m.

Ho affrontato una salita inziale di circa 1000 metri di dislivello (che ho coperto in 4 giorni, tenendo conto del primo in cui ho camminato in realtà solo 2 ore e del giorno di sosta per il brutto tempo) che poi è stata seguita da 3 giorni di traversata sul piatto e 1 giorno per scendere i 1300 metri di dislivello dall’altra parte del ghiacciaio."




Appendice
Ringrazio tutti coloro che, con il loro aiuto, hanno reso possibile ad un sogno di realizzarsi. Tra gli altri, i miei sponsor: La Sportiva; Grivel; Sky Trab; MSR; Mountain Hardwear.

Per viaggi in Islanda www.bureaudesguides.it






| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.
[include:'/incl/analytics.lasso',Encodenone]