Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowVia Pilastro Massarotto

Via Pilastro Massarotto

Primi salitori: Heinz Grill, Stefan Comploi e Ivo Rabanser, 20 e 28 agosto 2011
Scheda via a cura di: Ivo Rabanser
Area: Dolomiti Gruppo: Pale di San Martino Cima: Spiz di Lagunàz, Pilastro Massarotto, Pale di San Lucano Quota: 2338m Stato: Italia Regione: Veneto

L’itinerario si sviluppa lungo il pilastro panciuto di placche scure, che delimita sulla sinistra il diedro Casarotto/Radin, alzandosi sopra il selvaggio Boràl di Lagunàz, per lo più nascosto allo sguardo di chi percorre la Valle di San Lucano. Si tratta di un’ascensione di carattere compiutamente alpinistico, che richiede senso d’orientamento e una buona resistenza fisica, tenendo conto anche la lunga via di discesa, in uno dei luoghi più selvaggi e isolati delle Dolomiti! La linea di salita supera la poderosa struttura rocciosa, ricercando con logico percorso e collegando fra di loro i punti di minore resistenza. Presenta un’arrampicata varia, per placche e fessure, su roccia di ottima qualità, salvo sulla cuspide sommitale dopo il grande cengione, dove alcuni tratti richiedono attenzione.

ACCESSO GENERALE

Baita del Tita 785 m, in località Mezzavalle, che si raggiunge da Taibon Agordino percorrendo la strada asfaltata in Valle di San Lucano.

ACCESSO

Dalla Baita del Tita, si sale nel fitto bosco e poi per ammassi di frane fino sotto le rocce della Terza Pala di San Lucano. Si attacca lo zoccolo alquanto sulla sinistra, in corrispondenza di un canale incassato ed ascendente verso destra, difficilmente individuabile dal fondovalle (30 minuti).
Si risale questo canale erboso, seguendo le tracce di passaggio e gli ometti segnavia, per circa 150 m (I e II). Al suo termine si traversa a destra nella boscaglia e si sale zigzagando per rocce sporche d’erba e arbusti, piegando in alto progressivamente verso sinistra fino ad una grande cengia erbosa (I e II).
Spostarsi sulla cengia una trentina di metri a destra, poi salire una rampa erbosa e superare un salto di rocce più ripide, quindi per zolle erbose e cespugli fino alla grande cengia che taglia interamente la parete Sud della Terza Pala di San Lucano, dividendo l’alto zoccolo dalla parete vera e propria (II e un breve tratto di IV+). In alternativa si può salire quest’ultimo tratto, tenendosi in corrispondenza dello spigolo di buona roccia e poi lungo le rocce di destra, fino alla cengia suddetta (II e III).
A questo punto si percorre la cengia verso sinistra, oltrepassando lo spigolo ed un tratto molto esposto, quindi proseguire per la cengia più larga ed inclinata (ottimo posto da bivacco in comoda nicchia). Superato un breve salto roccioso si continua lungo la prosecuzione della cengia, fino ad uno sperone che precipita nel Boràl di Lagunàz (I e II); (ore 3).

DISCESA

Il ritorno dallo Spiz di Lagunàz è notoriamente laborioso e complesso: dalla cima dello Spiz di Lagunàz si segue la breve cresta in direzione Nord, contornando l’imbuto di un camino, fino al primo ancoraggio di calata (su un pino mugo) in prossimità dello spigolo Nord-Est.
1) calata di 45m, giungendo ad un terrazzino sulla sinistra orografica del profondo camino percorso dalla  via Comici. Prossimo ancoraggio servito da due chiodi con cordino.
2) calata di 50m, allontanandosi dal camino, fino ad un terrazzino. Spostarsi sulla cresta, passando fra due gendarmi, ed abbassarsi sul versante Nord (in direzione del Boràl di Lagunàz) fino ad una clessidra con cordino, sopra un salto verticale (40m; II).
3) calata di 50m nel vuoto, ad un terrazzo (comodo posto per bivacco) sul fondo del canale divisorio fra lo Spiz e la Torre di Lagunàz.
A questo punto occorre risalire sulla Torre di Lagunàz: si seguono delle esili cenge traversando per circa 50 m il versante Ovest della Torre (in direzione della Quarta Pala di San Lucano). Si risale un colatoio incassato e ad una diramazione ci si tiene sulla destra, per portarsi in un anfiteatro detritico. Si continua su rocce insicure, spostandosi progressivamente verso sinistra ad un caminetto, quindi ancora a sinistra e per una rampa-canale raggiungere la sommità della Torre di Lagunàz 2296 m (180m; II, III e III+); (ore 1.30).
Dalla Torre di Lagunàz abbassarsi brevemente verso Nord ad un ripiano sotto i mughi, dove è collocato il primo ancoraggio di calata, servito da un masso incastrato con cordino.
1) calata di 45m, in prossimità dello spigolo, fino ad un piccolo gradino. Prossimo ancoraggio con chiodi e clessidra.
2) calata di 40m, sul versante occidentale dello spigolo, fino ad una cengetta con ottima clessidra e cordino.
3) calata di 45m, quasi tutta nel vuoto, che deposita in prossimità della Forcella della Torre. Ad uno dei grossi blocchi appoggiati sull’insellatura, è appesa la custodia zincata del libro delle salite.
Da qui si rimonta il ripido crinale erboso del Monte di San Lucano, fino all’altezza di una cengia erbosa che permette di traversare a sinistra, sopra una verticale parete. Si percorre questa stretta cengia, seguendo una traccia di camosci (comodo posto per bivacco in un anfratto) e girando la cresta sul versante settentrionale. Si scende ora per una fascia di rocce articolate (100 m; II e qualche passaggio di III) alla cresta che collega il Monte di San Lucano alla Quarta Pala (100m; II e qualche passaggio di III). Passando in prossimità dell’Arco di Bersanèl si seguono delle tracce che in direzione Ovest conducono alla Forcella di Gardés 1998 m (ore 1.30; ore 3) Seguendo il sentiero si scende direttamente nella Valle di San Lucano, passando per la Casèra di Gardés 1774m e raggiungendo infine l’abitato di Còl di Prà 843m (ore 1.30; ore 4.30).

MATERIALE

Normale dotazione alpinistica.

NOTE

Calcolare 12-14 ore, per la sola via.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Via Pilastro Massarotto"

12-11-2019, Santiago Padrós
Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una roccia sorprendente, attraversa il Pilastro dello Spiz di Lagunaz con eleganza. Abbiamo trovato difficolta nella individuazione del percorso, infatti già trovare il chiodo dell'inizio non e facile (bisogna salire più di 50 metri a sinistra dei tiri dello zoccolo). Sbagliati 4-5 tiri, e fatta una piccola variante nei tiri 10 e 11, salendo più a sinistra per evitare delle cascatine! Tra l'assenza di protezioni e la continua difficolta della progressione ci a sembrato un itinerario impegnativo. Noi abbiamo usato una serie di friends fino il 3 Camalot, 12 rinvii e 3 chiodi, oltre cordini vari. Insomma 10 ore in parete, soddisfazione nella impresa e i mie più grandi complimenti ai creatori di una via cosi bella, nella valle dei sogni... Ripetuta il 19/09/2019. Santiago Padrós
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

VI+ e 3 passaggi di A1

VERSANTE

Ovest

LUNGHEZZA DISLIVELLO

1300m (di cui 600m di zoccolo)

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini