Home page Planetmountain.com
Scialpinismo Aladağlar: la parte alta della valle Narpuz
Fotografia di Miroslav Peto archive
Scialpinismo Aladağlar: la ripida sezione superiore del couloir sud del Monte Demirkazik
Fotografia di Miroslav Peto archive
Scialpinismo Aladağlar: sciando dalla cima del Monte Demirkazik
Fotografia di Miroslav Peto archive
In cima al Monte Demirkazik, Aladağlar, Turchia. Da sinistra a destra: Miroslav Peťo, Rastislav Križan, Robert Vrlák
Fotografia di Robert Vrlák

Sci ripido sulle montagne dell'Aladağlar in Turchia

di

Il report di Miroslav Peťo che, insieme a Robert Vrlák e Rastislav Križan, ha effettuato alcune nuove discese nel massiccio dell’Ala Dağlar in Turchia, tra cui spicca la prima discesa del Monte Demirkazik lungo la parete sud.

Nell'ambito del nostro progetto Ski the World, lo scorso febbraio abbiamo deciso di dare un'occhiata ai ripidi pendii dell’Aladaglar, la catena montuosa della Turchia. Il nostro team era composto da due miei amici e colleghi guide alpine, Robert Vrlák e Rastislav Križan. Križan lavora presso l'ambasciata slovacca nella capitale turca Ankara ed è un esperto scialpinista. Grazie ai suoi molti anni di servizio diplomatico in Turchia ed in Iran, Rastislav è diventato uno specialista dello sci alpinismo in Medio Oriente.

Dopo il nostro arrivo ad Ankara ed una giornata passata visitando la città sotto la pioggia battente, siamo partiti per un breve viaggio di acclimatamento sul massiccio vulcanico Erciyes (3917 m), che si trova nella stessa direzione dell’Aladaglar. Lì c'è una stazione sciistica sulla parete est dell'Erciyes che abbiamo usato come punto di partenza per il nostro acclimatamento. Dalla fine degli impianti di risalita a circa 2900 metri siamo saliti sulla cima nord lungo la cosiddetta via degli Angeli e abbiamo sciato lo stesso itinerario. È stata una gita ripida e relativamente facile, circondata da spettacolari pinnacoli e torri formate dalle rocce vulcaniche.

Il giorno seguente ci siamo recati nel villaggio di Marti che è diventato il nostro campo base per le nostre avventure in Aladaglar. L'Aladaglar fa parte delle montagne dell'Anti-Toro nel sud della Turchia e geologicamente ricorda un po’ le Dolomiti. Sono un po’ più alte però, con cime che raggiungono quasi i 3800 metri. Ovviamente sono anche molto più selvagge, senza alcun soccorso alpino e senza rifugi. Dato che i punti di partenza sono piuttosto bassi, le gite sono molto lunghe con quasi 2000 metri di dislivello al giorno.

Il primo giorno dopo il nostro arrivo ci siamo diretti nel cuore dell’Aladaglar, nella valle di Narpuz dove si trova la seconda montagna più alta del massiccio: la monumentale Demirkazik (3756 m). Prima di partire per la nostra mini-spedizione in Turchia, Rastislav ci aveva mostrato alcune foto di questa splendida montagna per motivarci e fin dall'inizio era chiaro che il Demirkazik sarebbe stato il nostro obiettivo principale. Abbiamo fatto un giro di ricognizione salendo con le pelli fino al passo Yasemin (3400 m) in condizioni difficili (neve alta, pericolo di valanghe), dove abbiamo scattato delle foto dettagliate della parete sud del Demirkazik. Sembrava che ci fosse una linea continua che potesse essere sciata dalla cima lungo l'enorme canale sud. La domanda più grande però era la barriera di roccia e terreno misto nella parte inferiore della parete, e anche dal nostro punto panoramico da Yasemin non era chiaro se potesse essere sciata.

Dopo il lungo e faticoso giro di ricognizione fino al passo Yasemin ci siamo concessi una giornata di riposo, e siamo andati ad arrampicare nel soleggiato canyon di Kazikli a soli 15 minuti d’auto da Aladaglar Camping a Marti.

Il giorno seguente siamo saliti sul Demirkazik per realizzare il nostro sogno di sciare questa fantastica montagna. Abbiamo iniziato al mattino presto partendo dal campo di Sokullu Pinar a circa 1850 metri. Salendo lungo la valle di Narpuz ci sono volute circa 3 ore per raggiungere la base della parete sud. Nel labirinto di pinnacoli e torri della sua parte inferiore siamo comunque riusciti a trovare una linea continua di neve che ha aperto la strada verso il grande canale sud. Nella neve soffice ci sono volute altre 4 ore per battere traccia fino in cima. Dopo una breve pausa godendoci la splendida vista dall’alto abbiamo iniziato la nostra discesa sugli sci.

La sezione della cima era esposta ma tecnicamente moderata, molto simile alla sezione centrale del canale sud. Il tratto chiave invece era nella parte inferiore della parete, con alcune rampe molto strette e couloir. Siamo stati fortunati ad incontrare buone condizioni che ci hanno permesso di sciare tutta la linea. Stando a Recep Ince, alpinista turco, gestore del campeggio ed esperto dei monti Aladaglar, la nostra è stata la prima discesa con gli sci di questa bellissima montagna.

Dopo quella lunga giornata sul Demirkazik avevamo bisogno di un'altra giornata di riposo. Dopodiché, con solo un altro giorno rimasto, abbiamo fatto un’altra lunga gita in cima alla quarta montagna più alta dell'Aladaglar chiamata Emler (3723 m). Abbiamo raggiunto la vetta salendo per la via classica dalla valle del Karayalak e scendendo lungo il canale ovest. È stata una bella conclusione alla nostra breve ma intensa avventura scialpinistica sulle montagne turche.

Riassunto:
Erciyes (3917 m) – parete est lungo la via Angels route (Traynard S4, E2, 35-45° 600 m, totale 1000m di dislivello fino al Erciyes ski resort)
Yasemin pass (3400 m) – couloir nord (Traynard S4, E2, 35-42°  400 m, parte superiore della valle Narpuz)
Demirkazik (3756 m) – parete sud (Traynard S5+, E3, 35-45°, una sezionef 50°, 1000m di dislivello fino alla valle Narpuz)
Emler (3723 m) – couloir ovest (Traynard S4, E2, 35-43°, 1200m di dislivello fino alla valle Karayalak)

di Miroslav Peťo

Info: miropeto.sk e www.skitheworld.eu

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Caucaso: Mt. Ushba prima discesa con gli sci
15.11.2017
Caucaso: Mt. Ushba prima discesa con gli sci
Lo scorso maggio e giugno gli alpinisti slovacchi Miroslav Peťo e Maroš Červienka hanno effettuato una serie di difficili discese con gli sci nel massiccio del Caucaso in Georgia: la cresta SO di Tetnuldi (4858 m), il couloir di Chatyn Tau (4412 m) e soprattutto, il couloir sudorientale dalla cima del Ushba North (4698 m).
Aladaglar Turchia, prima ripetizione di Nessuno per Aktuyun e Yalcın
17.09.2017
Aladaglar Turchia, prima ripetizione di Nessuno per Aktuyun e Yalcın
Zorbey Aktuyun parla della prima ripetizione di Nessuno (8a+, 470 m) effettuata con Muammer Yalcın sulla Cima Vay Vay nel Gruppo dell’ Aladaglar (Turchia).
Nuove vie trad nell'Ala Daglar (Turchia)
15.09.2015
Nuove vie trad nell'Ala Daglar (Turchia)
Maurizio Oviglia e Recep Ince propongo alcune nuove vie di arrampicata trad nel Pınarbaşı Canyon (Ala Daglar, Turchia)
Cani Randagi, nuova via nell'Ala Daglar, Turchia
21.11.2013
Cani Randagi, nuova via nell'Ala Daglar, Turchia
A giugno Jimmy Palermo, Tommaso Salvadori ed Ivan Testori hanno aperto Cani Randagi (300m, 6b max, 6a obbl), nella Cimbar Valley, Aladaglar, Turchia. La via è dedicata a Don Andrea Gallo e Franca Rame, ed in memoria degli scontri di Piazza Taksim. Il report di Tommaso Salvadori e Jimmy Palermo.
Due nuove vie d'arrampicata sulla Tranga Tower nell' Ala Daglar in Turchia
07.11.2013
Due nuove vie d'arrampicata sulla Tranga Tower nell' Ala Daglar in Turchia
Nel mese di agosto Carlo Cosi, Enrico Geremia, Nicolò Geremia e Andrea Simonini hanno aperto dal basso sull'imponente parete Ovest del Lower Guvercinlik (3000m), Aladaglar due nuove vie: Atomic Folder (600m, 7b+/c (1pA1-nl), 7b obl, RS3) e Mostro Turco (650m, 8a (2pA1-nl), 7b+ obl, S3+.)
Prima ripetizione di Üç Muz nell' Aladaglar in Turchia
13.09.2013
Prima ripetizione di Üç Muz nell' Aladaglar in Turchia
I climbers turchi Zorbey Aktuyun e Evren Kirazli hanno effettuato la prima ripetizione di Üç Muz (650m, 8a), la via aperta nel 2005 da Rolando Larcher, Maurizio Oviglia e Michele Paissan sulla parete est del Demirkazik, Ala Daglar, Turchia.
Aladaglar, due vie nuove per Larcher, Giupponi, Sartori
12.10.2012
Aladaglar, due vie nuove per Larcher, Giupponi, Sartori
Tra luglio e agosto 2012 Rolando Larcher, Luca Giupponi e Nicola Sartori nel Gruppo dell'Aladaglar (Turchia) hanno aperto e liberato “Nessuno”(470m, 8a+ max, 7b obl.) sulla parete Nord della Cima Vay Vay e Radio Eksen (200m, 7c max, 7a+ obl)nella Cimbar Valley.
Ala Daglar, l'arrampicata in Turchia vista da Petit e Bodet
18.09.2012
Ala Daglar, l'arrampicata in Turchia vista da Petit e Bodet
Arnaud Petit e Stephanie Bodet hanno arrampicato nell' Ala Daglar in Turchia dove hanno effettuato, tra le varie salite, anche la prima ripetizione di Red moon and Star di Rolando Larcher e Luca Giupponi.
Kazikli Canyon, il paradiso per l'arrampicata sportiva nel Aladaglar in Turchia
16.01.2012
Kazikli Canyon, il paradiso per l'arrampicata sportiva nel Aladaglar in Turchia
Recep Ince introduce all'arrampicata sportiva nella Kazikli Canyon nella regione del Aladaglar (Turchia).
Cose Turche nell' Ala Daglar, nuova via per Bernasconi e Spini
08.11.2011
Cose Turche nell' Ala Daglar, nuova via per Bernasconi e Spini
Matteo Bernasconi e Davide Spini hanno aperto Cose Turche (300m 7a obbligato/8b?) sul Kizilin Baci (2944m) nel Ala Daglar, Turchia.
Ala Daglar vie nuove in Turchia
15.05.2009
Ala Daglar vie nuove in Turchia
Nel giungo 2008 i triestini Diego Cociancich, Stefano Zaleri e Marco Zebochin hanno aperto due vie nuove in Ala Daglar, Obelix 6b, 340m e L’armata Brancaleone 7a, 360m
Top Secret nuova via nell’Ala Daglar, Turchia
01.10.2008
Top Secret nuova via nell’Ala Daglar, Turchia
Nell’estate 2008 Marco Sterni, Massimo Sacchi, Plinio Botterini e Recep Ince hanno aperto Top Secret in Turchia (650m, max 7°, A1) nuova via in stile classico sulla parete Ovest del Çoban Kiri 2987m (Ala Daglar, Turchia)
La Turchia, l’Ala Daglar e l’arrampicata dei colori
27.07.2007
La Turchia, l’Ala Daglar e l’arrampicata dei colori
Tra le falesie della Kazikli Valley e le pareti della Ala Daglar (Anatolia meridionale, Turchia) Maurizio Oviglia ci propone un viaggio tra i colori e le emozioni della Turchia verticale.
Tempus fugit, Ala Daglar - la Turchia dei fiori
04.07.2007
Tempus fugit, Ala Daglar - la Turchia dei fiori
Dal 2 al 17 giugno Mauro Florit, Marco Sterni, Umberto Iavazzo e Massimo Sacchi hanno aperto “Tempus fugit” 7b 700m sulla parete sud di Kizilin Baci 2944 m, Turchia.
04.08.2005
Ala Daglar, Turchia, due vie nuove per Larcher, Oviglia, Paissan
Nel luglio 2005 Rolando Larcher, Maurizio Oviglia e Michele Paissan hanno aperto due vie nuove nella catena dell'Ala Daglar (Anatolia meridionale, Turchia): via “Uc Muz”, 650 m, 8a max, 7b obbl. sulla parete est del Demirkazik (3757 m); via “Mezza luna nascente” (270 m, 7c max, 7a+ obbl.) sulla parete est del Parmakkaya (2880m).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock