Home page Planetmountain.com
Marco Maganzini sale il ghiaccio iniziale nel Canale dell’Orco alla Punta dell’Orco sopra Val Genova nel Gruppo dell’Adamello, per poi effettuare la probabile prima discesa in sci con Alessandro Beber e Claudio Lanzafame il 22/03/2019
Fotografia di archivio Beber, Lanzafame, Maganzini
Prime curve per Claudio Lanzafame nel Canale dell’Orco alla Punta dell’Orco sopra Val Genova nel Gruppo dell’Adamello (Alessandro Beber, Claudio Lanzafame, Marco Maganzini 22/03/2019)
Fotografia di archivio Beber, Lanzafame, Maganzini
Il tracciato del Canale dell’Orco alla Punta dell’Orco sopra Val Genova nel Gruppo dell’Adamello disceso in sci da Alessandro Beber, Claudio Lanzafame, Marco Maganzini il 22/03/2019
Fotografia di archivio Beber, Lanzafame, Maganzini
Alessandro Beber, Marco Maganzini e Claudio Lanzafame dopo la discesa del Canale dell’Orco alla Punta dell’Orco sopra Val Genova nel Gruppo dell’Adamello il 22/03/2019
Fotografia di archivio Beber, Lanzafame, Maganzini

Punta dell'Orco: Beber, Lanzafame e Maganzini discesa con gli sci del Canale dell'Orco

di

Il report di Marco Maganzini sulla probabile prima discesa con gli sci del 'Canale dell’Orco', effettuata il 22/03/2019 insieme a Alessandro Beber e Claudio Lanzafame sulla Punta dell’Orco (3.069m) sopra la Val Genova nel Gruppo dell’Adamello.

L’alpinista-esploratore di fine ‘800 Douglas William Freshfield descriveva la Val Genova (la superba Valle che dalla Val Rendena si incunea nel cuore dei gruppi Adamello e Presanella) come la "Versailles d’Italia", a noi invece piace descrivere la sua ultima valle laterale lato destro orografico (il cosiddetto vallone del Matarott) come "l’Argentière della Rendena" (cit. Ale Beber). Si tratta infatti di un affascinante anfiteatro glaciale ricco di cascate che ad ogni inverno si trasforma in un regno incantato remoto ed isolato.

Con questo report vorrei incuriosire e contribuire a ‘far conoscere’ quello scrigno della Val Genova che è il Matarott (anche se, come tutte le persone che hanno a cuore qualcosa, da un lato ci sarebbero la gelosia e la tentazione di tenerlo per sé!).

Il Canale che abbiamo avuto la fortuna di poter sciare si trova sul lato destro del Vallone, nascosto ed incastonato come una pietra preziosa tra le pieghe della parete nord/ovest della Punta dell’Orco, intuibile e parzialmente visibile dalla zona del Rifugio Mandrone.

L’avventura che abbiamo vissuto al suo cospetto ci ha regalato delle emozioni importanti non legate unicamente alle difficoltà intrinseche della discesa, delle pendenze, dell’esposizione ecc. ma quanto piuttosto scaturite dallo spirito di ricerca ed esplorazione, dalla voglia di scoperta, dalla soddisfazione derivante dall’esteticità e logicità del canale...

Tutti valori che caratterizzano la quintessenza dello "scialpinismo", che forse sono le cose più belle al di là delle difficoltà in sé ...

Alle volte la ricerca, la piacevole scoperta che l’intuizione di una linea e la realizzazione visiva della sua fattibilità danno una soddisfazione e regalano un piacere pari alla discesa stessa sci ai piedi.

Noi siamo stati fortunati perché abbiamo trovato il Canale in grande spolvero (nel vero senso della parola!), anche se ce la siamo un po’ anche meritato perché non era la prima volta che ci recavamo da lui. Infatti ne valeva proprio la pena!

Ne valeva la pena recarsi più volte in questo stupendo angolo selvaggio ed isolato della Val Genova, giungere ai piedi di questo remoto Canalone, provarlo, esserne respinti, corteggiarlo, esserne respinti nuovamente ed imparare così ad ascoltarlo per capire quando poter nuovamente ritornare.

Ne valeva la pena osservare da lontano questa Linea ogni volta che mi recavo in Adamello, intuendone una possibilità di discesa e chiederle di aspettarmi.

Ne valeva la pena guardarla e studiarla con il binocolo dal rifugio Mandrone in maniera quasi maniacale.

Ne valeva la pena decidere che fosse giunto il momento giusto per tornarci, avere la voglia di riprovarci nuovamente, scalarlo e buttare giù le punte da questo Canalone di 600m che tanto si è fatto desiderare ma che tanto ci ha saputo dare.

Ne valeva la pena condividerlo con gli amici ed assaporarlo assieme curva dopo curva, dedicandolo infine a chi ci vuole bene e ci stava aspettando a casa un po’ in pensiero...

di Marco Maganzini

Note: Il Canale è stato sciato integralmente fino al salto di ghiaccio finale, dove abbiamo fatto una calata in corda doppia.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Parete Sud Pietra Grande, nuova discesa in Dolomiti di Brenta di Cozzini e Lanzafame
09.03.2019
Parete Sud Pietra Grande, nuova discesa in Dolomiti di Brenta di Cozzini e Lanzafame
Il 14 febbraio 2019 Andrea Cozzini e Claudio Lanzafame hanno sciato una linea da loro chiamata 'Why don’t you get a job?'. Si tratta in tutto probabilità della prima discesa con gli sci della della parete Sud Sud/Est di Pietra Grande, Dolomiti di Brenta.
Pietra Grande, una prima discesa in Dolomiti di Brenta per Claudio Lanzafame e Marco Maganzini
08.02.2019
Pietra Grande, una prima discesa in Dolomiti di Brenta per Claudio Lanzafame e Marco Maganzini
Claudio Lanzafame e Marco Maganzini hanno effettuato una prima discesa sulla parete Nord Ovest della Pietra Grande in Dolomiti di Brenta. Il report di Lanzafame di True Love, salita e poi sciata il Il 20/12/2018
Cima Brenta, grande nuova via invernale per Alessandro Beber e Matteo Faletti
28.12.2018
Cima Brenta, grande nuova via invernale per Alessandro Beber e Matteo Faletti
Alpinismo invernale nelle Dolomiti di Brenta: sulla parete Est di Cima Brenta, Alessandro Beber e Matteo Faletti hanno aperto CRAM, una importante nuova via di ghiaccio e misto di 550 metri che affronta difficoltà fino a AI5, M6, 90°. Il doppio report di Beber e Faletti.
Cima Brenta - parete Sud con gli sci per Alessandro Beber e Marco Maganzini
05.02.2015
Cima Brenta - parete Sud con gli sci per Alessandro Beber e Marco Maganzini
Il video della discesa in sci della parete Sud di Cima Brenta da parte di Alessandro Beber e Marco Maganzini

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni