Home page Planetmountain.com
Enrico Mosetti in salita prima della prima discesa integrale del Modeon del Buinz (Alpi Giulie) insieme a Piero Surace il 29/01/2021
Fotografia di Piero Surace
Enrico Mosetti effettua la prima discesa integrale del Modeon del Buinz (Alpi Giulie) insieme a Piero Surace il 29/01/2021
Fotografia di Piero Surace
Piero Surace effettua la prima discesa integrale del Modeon del Buinz (Alpi Giulie) insieme a Enrico Mosetti il 29/01/2021
Fotografia di Enrico Mosetti
Modeon del Buinz (2554m) nelle Alpi Giulie. In rosso la linea integrale discesa da Enrico Mosetti e a Piero Surace il 29/01/2021, in giallo il traverso esplorato nel 2008 da Marko Kern e nel 2014 da Mario Di Gallo
Fotografia di Simone De Cillia

Modeon del Buinz, prima discesa integrale nelle Alpi Giulie di Enrico Mosetti e Piero Surace

di

Il report della guida alpina Enrico Mosetti che il 29 gennaio insieme a Piero Surace ha completato la prima discesa integrale di Modeon del Buinz (2554m) nelle Alpi Giulie.

Ho iniziato a fare scialpinismo a 14 anni perché mi ero stufato di sciare nelle tracce degli altri. A 17 anni ho iniziato con discese più ripide per la stessa ragione. Con il tempo mi sono sempre più allontanato dagli itinerari battuti e dalle montagne più alla moda, perché di sciare dove era già passato qualcuno mi pesava.

Negli anni ho imparato, almeno un pochino, a saper leggere la neve e le condizioni per portare i miei sci un pò più in la, o quantomeno prima che ci passassero altri. Non è poi questo il vero scopo dello sci lontano dalle piste battute? Lasciare la propria effimera traccia su di un pendio immacolato. Un esercizio di stile tanto bello quanto inutile.


Ci sono discese per le quali ho impiegato anni prima di portarle a compimento, altre per le quali sto ancora pazientemente aspettando il momento perfetto. La neve, il vento, il rischio, la luce perfetta. Non è poi questa la vera essenza dello “sci ripido” o come lo si vuole chiamare? Saper leggere le condizioni, saper cogliere l’attimo, che duri un’ora o una settimana.

Il valore di una discesa non è dato soltanto dallo sciare (o scendere, o perdere quota sugli sci) dai tanti sciatori forti tecnicamente che si sono avvicinati alla montagna vera. Ma quanto di questi sono veramente alpinisti, in grado di saper leggere le condizioni ideali, e quanti ancora di cogliere il momento? In tempi non sospetti dissi che ormai abbiamo sciato su vie di misto, cosi come su vie di roccia, e quel che conta davvero è lo stile. Ecco appunto, lo stile. Non è solo sciare bene, e anche farlo nel momento giusto e capire quel momento.

Ormai più di dieci anni fa mi vietarono (giustamente) di andare sulle tracce di un altro, su una prima discesa, a pochi giorni di distanza, perché non si fa, non era modo. Non è modo. Non si tratta di aggiungere semplicemente un’altra tacca sulla propria cintura. All’epoca avrei potuto fregiarmi di una ripetizione eccellente, ma non avrei capito nulla del gioco.

Sono cresciuto con questa idea e negli anni sono sempre rimasto insofferente alle tracce altrui. Di chi passa prima - come segno di rispetto - e di chi passa subito dopo, di chi non ha fantasia. A questo proposito mi vengono in mente le mitiche discese del Mallory o del Gervasutti sul Monte Bianco con le gobbe. Dove è finita l’etica nello sci? Dove è finito il rispetto per la montagna, per la linea, per chi è passato prima di te...


La cima del Modeon del Buinz l’ho avuta per anni fuori della finestra del mio monolacale da 30 metri quadri. Ogni mattina lo vedevo li. Sapevo che quella bella parete era stata sciata nel gennaio del 2008 da Marko Kern; Marko aveva trovato una soluzione al salto inferiore con un lungo traverso verso destra fino a forcella Riomoz. Itinerario ripetuto da Mario Di Gallo nel 2014. Per anni ho lasciato perdere quella parete proprio perché quel traverso non mi andava giù.


Poi l’altro giorno risalendo con Piero Surace verso forca de La Val, per una gita tranquilla vedo il canale di uscita dalla parete perfettamente innevato, di solito di li vengono giù delle grosse slavine e pelano il canale nel quale resta solo erba e roccia. Non ci pensiamo su più di tanto e portiamo i nostri sci su quella linea. Neve perfetta, anche se un po’ di vento di troppo e qualche sasso affiorante fanno stare le antenne dritte. La discesa di per sé non è la più ripida, anche se l’esposizione è sempre notevole.

Abbiamo gradata la discesa 5.2/3 E4 (600m), ma la vera difficoltà è proprio cogliere l’attimo e avere il coraggio e la consapevolezza che è il momento giusto.

Link: Facebook Enrico MosettiInstagram Enrico Mosettienricomosettiblog.tumblr.com
Enrico Mosetti è Ambassador Ferrino

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Gola Nord della Veunza, bella prima discesa in sci per Cecon, Limongi e Mosetti
06.03.2018
Gola Nord della Veunza, bella prima discesa in sci per Cecon, Limongi e Mosetti
Il racconto di Saverio D’Eredita della prima discesa con gli sci della Gola Nord della Veunza (Gruppo del Mangart, Alpi Giulie) effettuata venerdì 2 marzo da Enrico Mosetti, Davide Limongi e Zeno Cecon.
Enrico Mosetti, la Caroline Face e lo sci estremo in Nuova Zelanda
21.11.2017
Enrico Mosetti, la Caroline Face e lo sci estremo in Nuova Zelanda
Intervista all'alpinista friulano Enrico Mosetti che insieme ai britannici Ben Briggs e Tom Grant ha effettuato in Nuova Zelanda le prime discese con gli sci della Caroline Face sul Monte Aoraki / Monte Cook e del Malte Brun.
Caroline Face, grande prima discesa con gli sci sul Monte Aoraki in Nuova Zelanda per Mosetti, Briggs e Grant
30.10.2017
Caroline Face, grande prima discesa con gli sci sul Monte Aoraki in Nuova Zelanda per Mosetti, Briggs e Grant
Il 27 ottobre l’alpinista friulano Enrico Mosetti ed i britannici Ben Briggs e Tom Grant hanno effettuato la prima discesa in sci della Caroline Face, la difficile e pericolosa parete sudest del Monte Aoraki / Monte Cook (3724 m) in Nuova Zelanda. Un’impresa definita sin da subito dai media locali come assolutamente storica.
Panta rei, nuova cascata di ghiaccio in Valbruna per Enrico Mosetti e Tine Cuder
29.01.2017
Panta rei, nuova cascata di ghiaccio in Valbruna per Enrico Mosetti e Tine Cuder
Alpinismo: il racconto di Enrico Mosetti che in Valbruna il 24/01/2017 insieme a Tine Cuder ha salito Panta rei, una nuova via di ghiaccio e misto in Valbruna (Alpi Giulie).
Enrico Mosetti e lo sci nella Cordillera Blanca in Perù
27.11.2015
Enrico Mosetti e lo sci nella Cordillera Blanca in Perù
Il racconto di Enrico Mosetti sul suo mese in Perù e le discese in sci dell' Artesonraju (6025m) e del Tocllaraju (6034m).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock