Home page Planetmountain.com
Aiguille de Leschaux (Monte Bianco): la discesa di Denis Trento del canale ovest dalla spalla, gennaio 2020
Fotografia di Denis Trento
Canale Ovest delle Petite Jorasses, Monte Bianco: la discesa di Denis Trento, gennaio 2020
Fotografia di Denis Trento
Aiguille de Rochefort canale est (Monte Bianco): la discesa di Denis Trento, gennaio 2020
Fotografia di Denis Trento
Canale Ovest delle Petite Jorasses, Monte Bianco: la discesa di Denis Trento, gennaio 2020
Fotografia di Denis Trento

Denis Trento e le discese in zona Jorasses del Monte Bianco

di

Il racconto di Denis Trento delle sue discese con gli sci nella zona Jorasses del Monte Bianco: Canale est dell'Aiguille de Rochefort, Canale Ovest delle Petite Jorasses e Canale Ovest dalla spalla dell'Aiguille de Leschaux. Le discese, probabilmente nuove e sicuramente impegnative, sono state effettuate in solitaria.

Un mese abbondante di anticiclone è senza dubbio l’incubo peggiore per gli amanti dello sci fuoripista di qualità. Ma una volta accettato il fatto che bisogna dimenticarsi dell’adorata polvere, lo stato di necessità e la cementificazione generale del manto nevoso possono spingere, a seconda dei casi, a smettere di sciare o a visitare luoghi normalmente poco frequentati in pieno inverno.

In realtà in questo gennaio atipico, ho avuto modo di sperimentare entrambe le fasi: ad inizio mese ho provato a temporeggiare un po’ rispolverando un amore sopito per il misto, ma in seguito, visto che la situazione non accennava a cambiare, ho dovuto giocoforza rimotivarmi con le esplorazioni per tornare sugli sci.

Per quel che mi riguarda, geograficamente la disperazione sciistica fa rima con un solo luogo: la Val Ferret. La spiegazione di questo fatto è duplice: spesso quando le mie gite abituali di sci alpinismo fanno pietà, mi ritrovo a fare fondo qui, tenendo costantemente lo sguardo rivolto verso l’alto; secondo, ma non meno importante, i ripidi e giganteschi pendii che la circondano sono percorribili solo con pericolo valanghe prossimo allo zero.

E così ancora una volta mi sono ritrovato a passare nei pressi del Boccalatte con le pelli ai piedi e come già successo altre volte, quello che doveva essere semplicemente un giro di ricognizione, si è trasformato in una gran bella discesa.

Nella fattispecie ad esercitare un certo magnetismo nei miei confronti è stato il grosso canale che un tempo era percorso dalle guide alpine per salire all’Aiguille de Rochefort. Io seguendo la logica dello sci l’ho percorso fino a sbucare ad un colletto a poca distanza dalla cima delle Aiguille Rouges de Rochefort. La discesa, a parte un primo breve tratto ripido ed esposto, non presentava difficoltà particolari, ma trovare dopo quasi 30 giorni di bel tempo un pendio sopra i 45 gradi con 30/40 cm di polvere valeva ampiamente la prima scammellata di quasi 2000m.

Aiguille de Rochefort Canale est, partendo da un colletto a 3450m non lontano dalla cima del Mont de Rochefort


Anche se sembra strano a dirsi, dopo aver già sciato più volte dalla cima delle Grandes Jorasses, la zona che sovrasta Plampncieux iniziava ad avere un ché di troppo famigliare. E visto che la pressione non accennava a diminuire, era tempo di andare oltre. E dove se non sull’altro versante delle Jorasses?

Nonostante l’accesso a questo settore sia in questo periodo ben difeso da 5 km di piste di fondo e da oltre 1200m di dislivello, il calarsi in una realtà completamente sconosciuta a livello invernale, è stato come per un bambino entrare in un negozio di giocattoli. Navigando a vista nel senso letterale del termine, la curiosità mi ha spinto fino a dietro le Petites Jorasses e poi ancora in alto seguendo il miraggio di un pendio sospeso incassato in una goulotte che moriva a pochi metri dalla cima. A riportarmi sulla terra sono state diverse decine di metri di disarrampicata spinta, dato che il miraggio di un po’ di neve sciabile si è confermato tale.

Anche se ho provato a fare finta di sciare nella parte alta, la disarrampicata negli ultimi 100m è stata veramente tanta per potermi attribuire la discesa in sci di quel ripidissimo canale. Gli oltre 2000m che però ho sciato, e per buona parte su ottima neve, hanno contribuito ampiamente a consolarmi per questa prima NON discesa dal canale ovest delle Petites Jorasses.

Petite Jorasses Canale Ovest - ultimi 100m disarrampicata su difficoltà di II di ghiaccio e M2/3 60/70m

A questo punto, come è ovvio che sia, anche il più potente degli anticicloni deve iniziare a perdere qualche colpo. La prima piccola precipitazione sembrava essere stata poca cosa, ma i venti forti annunciati hanno costretto a rinviare a data da destinarsi i piani di battaglia messi a punto da Davide Capozzi e Alessandro Letey.

Improvvisamente solo e senza obiettivi nell’ultimo giorno di bel tempo, decido di farmi coraggio e fare un’altra puntatina in zona bivacco Gervasutti.
Tanto mi era volato l’avvicinamento la prima volta, quanto non passava granché la seconda. Almeno finché improvvisamente l’innevamento è passato da 1 a 20 cm abbondanti. Quegli inaspettati, anche se relativamente pochi, centimetri di neve nuova mi hanno fatto subito realizzare che il bel canale esposto a ovest, che avevo notato nella precedente visita, incredibilmente forse poteva essere sciabile. Nonostante quel couloir fosse la prima linea ad aver catturato il mio sguardo, il suo orientamento, unito alle condizioni necessarie per arrivarci sotto in sicurezza, ne avevano derubricato la discesa a quanto meno improbabile.

E invece il caso ha riunito tutte le condizioni necessarie: neve vecchia e sicura fino a 2500m di quota, 20cm di neve nuova da lì in poi, un po’ di veli ad impedire scaldate improvvise e in ultimo, uno sciatore abbastanza masochista da trovarsi lì mentre tutto questo si manifestava. Questa discesa era il giusto coronamento ad un periodo molto produttivo dal punto di vista sia alpinistico che sci alpinistico.

Come spesso mi accade, il mettere le pelli in zone nuove fa nascere altre idee, ma ne riparleremo dopo che la neve avrà cemetificato di nuovo, sempre che nel frattempo il vento non si sia mangiato anche quella che già c’era…

Denis Trento

Link: FB Denis TrentoKarposSCARPA, Salice occhiali, ATK Bindings, Grivel, Sci Movement, Pomoca Skins

Aiguille de Lechaux - Canale Ovest dalla spalla

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Monte Bianco: Denis Trento e Filip Babicz aprono Forza Gioele a Pointe de l'Androsace
23.01.2020
Monte Bianco: Denis Trento e Filip Babicz aprono Forza Gioele a Pointe de l'Androsace
Il racconto di Denis Trento che insieme a Filip Babicz ha aperto Forza Gioele (600m, WI3, M7, D7), una nuova via di ghiaccio e misto su Pointe de l'Androsace (4107m) nel massiccio del Monte Bianco
Denis Trento e l'eccezionale sci di primavera sulle montagne della Valle d'Aosta
30.05.2019
Denis Trento e l'eccezionale sci di primavera sulle montagne della Valle d'Aosta
Una primavera anomala dal punto di vista del clima, sfruttata al massimo da Denis Trento che in Valle d’Aosta ha sciato in montagna praticamente ogni giorno, inseguendo "più le belle condizioni che il prestigio della discesa.” per il suo alpinismo. Lo stile, è sempre lo stesso: partenza dal fondovalle e salite in velocità, a volte sfruttando anche la bici per gli avvicinamenti.
Il Monte Rosa Express di Denis Trento e Robert Antonioli
31.08.2018
Il Monte Rosa Express di Denis Trento e Robert Antonioli
Il racconto di Denis Trento del veloce raid nel massiccio del Monte Rosa insieme a Robert Antonioli attraverso il Lyskamm, il Colle del Lys, Punta Dufour e Punta Zumstein.
Denis Trento e Robert Antonioli insieme al fil di cielo sulla Cresta di Rochefort e la traversata delle Jorasses
17.08.2018
Denis Trento e Robert Antonioli insieme al fil di cielo sulla Cresta di Rochefort e la traversata delle Jorasses
Il report di Denis Trento che, insieme a Robert Antonioli, sabato 4 agosto ha abbinato la Courmayeur Mont Blanc Skyrace alla cavalcata della Cresta di Rochefort e alla traversata delle Grandes Jorasses per scendere poi al rifugio Boccalatte e a Planpincieux. Un velocissimo raid che abbina la corsa in montagna all’alpinismo in alta montagna.
Cresta dell'Innominata speed in cordata: Denis Trento e Robert Antonioli sul Monte Bianco
30.06.2018
Cresta dell'Innominata speed in cordata: Denis Trento e Robert Antonioli sul Monte Bianco
Il racconto di Denis Trento che con Robert Antonioli ha salito la Cresta dell’Innominata sul Monte Bianco in soli 6 ore e 10 minuti. Una salita veloce sì, ma interessante soprattutto perché la cordata ha gestito con maggiore sicurezza la salita.
Denis Trento, concatenamento con gli sci della Bonatti e Aigle sul Petit Mont Blanc
27.02.2018
Denis Trento, concatenamento con gli sci della Bonatti e Aigle sul Petit Mont Blanc
Nella zona del Miage nel massiccio del Monte Bianco Denis Trento ha concatenato due couloir mitici dei Petit Mont Blanc: Bonatti e Aigle.
Punta Whymper alle Grandes Jorasses, Denis Trento scende con gli sci il couloir sud ovest
05.04.2017
Punta Whymper alle Grandes Jorasses, Denis Trento scende con gli sci il couloir sud ovest
A fine marzo 2017 Denis Trento ha effettuato quella che potrebbe essere la prima discesa integrale con gli sci del couloir sud ovest della Punta Whymper alle Grandes Jorasses. I video e il racconto della guida alpina e fortissimo sciatore di questa discesa nel massiccio del Monte Bianco di cui, in particolare gli ultimi 400m, dovrebbero essere inediti. In ogni caso, al di là del possibile primato, si tratta di una grande e bella avventura.
Cresta di Rochefort più traversata delle Jorasses in velocità per Denis Trento
07.09.2016
Cresta di Rochefort più traversata delle Jorasses in velocità per Denis Trento
All'inizio settembre, sul Monte Bianco, Denis Trento partendo dal Rifugio Torino ha percorso in successione la Cresta di Rochefort e la traversata delle Grandes Jorasses per poi scendere al rifugio Boccalatte e a Planpincieux e far ritorno al Rifugio Torino. Il tutto, ovviamente a piedi, in poco meno di 9 ore e 30'. Il report di Denis Trento.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock