Home page Planetmountain.com
Scialpinismo nella Grecia Centrale: un sirtaki sui pendii del Triggia
Fotografia di archivio Alberto Sciamplicotti
Scialpinismo nella Grecia Centrale: l'inaspettato montagne di neve al cospetto del mare
Fotografia di archivio Alberto Sciamplicotti
Scialpinismo nella Grecia Centrale: Autogrill Ellenico-Style
Fotografia di archivio Alberto Sciamplicotti
Scialpinismo nella Grecia Centrale: Triggia, Thessaly, 2204m
Fotografia di archivio Alberto Sciamplicotti

Alla Ricerca degli Antichi Dei: scialpinismo nella Grecia Centrale

La prima puntata di Alberto Sciamplicotti e Sabrina Beber del loro viaggio, effettuato insieme ad un gruppo di scialpinisti, che ha per meta le montagne della Grecia Centrale.

Non è normale. Siamo a metà del mese di febbraio e ancora non siamo riusciti a risalire un pendio sci ai piedi. La situazione sulle montagne dell’Appennino è questa, purtroppo: aridità totale e mancanza assoluta delle condizioni necessarie per esercitare qualunque attività che abbia gli sci come elemento d’uso. Un inverno che non è mai iniziato, una stagione mai arrivata a compimento con temperature al di sopra della media stagionale (anche se parlare di media a questo punto sembrerebbe voler far riferimento a situazioni che vanno scivolando sempre più nel passato). E allora, che senso potrebbe avere questo viaggio, con un bagaglio che comprende sacche di sci, bastoncini e pelli e per di più volto a montagne lontane da quelle alpine, catene di vette nemmeno troppo alte, poste al centro del Mediterraneo, su una terra che alla gran parte richiama alla mente unicamente spiagge, sole e il caldo dell’estate?

Eravamo riusciti a lasciare le tracce dei nostri sci sulle nevi dell’Olimpo già tre anni fa. Il fascino di scivolare dalla cima dello Skala, la seconda vetta del massiccio dell’Olimpo dopo il Mitikas, era stato immenso. Un sentimento che si era unito alla consapevolezza che era stato lì, in quei luoghi, che si era formato il cuore, il nocciolo da cui si era cresciuta poi tutta la nostra storia e la nostra civiltà. Erano lì le nostre radici, l’inizio della strada su cui era cresciuto tutto ciò di cui siamo bene o male pervasi. Gli dei greci avevano forma, sentimenti ed emozioni più che umane: amplificate alla massima potenza certo, ma solo perché erano null’altro che espressione vere e intime di quel che noi siamo.

Così, una parte della risposta potrebbe trovarsi proprio in questo. Tornare fra i monti della Grecia è in qualche modo provare a ritrovare quel senso dell’umano puro ed essenziale che in questo mondo, votato null’altro che al consumo di sé stesso fino alla sua totale estinzione, sembra essersi perso. Eppure, allo stesso tempo, questo andare è anche un fuggire da questo vivere pieno di quelle contraddizioni che odiate: un sistema che vive e va avanti solo per inerzia lungo binari definiti e che sembrano dirigersi verso una stazione posta in fondo a un baratro; non potete far altro che invocare uno scambio su questa linea ferroviaria che conduca a un’altra soluzione.

Così, in navigazione di notte su un traghetto che fa la spola fra le due sponde del mare Adriatico, provate a immaginare fra le pieghe e le curve di livello di una cartina, itinerari che raccontino ancora di un inverno cercato e voluto e fino a ora non trovato. E benché il vostro credo sia differente, piano a piano nelle menti si forma una preghiera a quegli antichi dei perché esaudiscano i vostri desideri di vita e di fuga.

Per questo, quasi non sembra vero che il primo giorno di questo viaggio i vostri sci ricevano in dono la possibilità di scivolare su un manto bianco. Eppure, nonostante non si tratti della sciata della vita, quella che ricorderete con la gioia di averla vissuta, basta a rendere un po’ meno dura la realtà di un inverno mai nato. Un sentire che non riesce mai a scomparire del tutto: rimane lì, fra le mura del vostro cuore e della vostra mente, gorgogliante come una pentola colma d’acqua lasciata sul fuoco, a far crescere quelle domande cui non riuscite a dare risposta: "Cosa stiamo facendo al mondo? Cosa lasceremo ai nostri figli!"

di Alberto Sciamplicotti e Sabrina Beber

Si ringrazia per il supporto a questo progetto: RRTREK, K2skis
E in collaborazione con:
✔Παννεληνια Ομοσπονδια Ξενοδοχων ΠΟΞ
✔Famissi Hotel ✔Hotel Olympos Mediterranean - Litohoro
✔VisitWestMacedonia
Support #greecetherapy.com

Info: www.facebook.com/inviaggiosciaipiedi

SCHEDA: Monte Triggia, Meteore, Grecia

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Sulle montagne della Grecia alla ricerca degli antichi Dei
13.04.2017
Sulle montagne della Grecia alla ricerca degli antichi Dei
Scialpinismo e telemark in Grecia: alla ricerca degli antichi Dei sulle montagne innevate dell'Epiro ed i massicci dell'Olimpo, Timfi, Smolikas e Lakmos. Di Alberto Sciamplicotti

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
COVER
Via delle Rosine, prima discesa, #iorestoacasa
Federico Ravassard Outdoor Photography