Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowTorre Patrizia e Sperone della Solitudine

Torre Patrizia e Sperone della Solitudine

Primi salitori: Francesco Leradi, Patrizia Porcu, luglio-agosto 1979
Scheda a cura di: Simone Greci, Enrico Oberto
Area: Alpi Liguri, Gruppo: Catena Argentera - Pépoiri - Matto, Cima: Cima del Baus, Quota: 3067m, Stato: Italia, Regione: Liguria

La Cima del Baus presenta, sul suo versante sud est, una parete tormentata da guglie, muri e speroni, di roccia quasi sempre ottima. Le vie della Torre Patrizia e dello Sperone della Solitudine, aperte in momenti successivi da Francesco Leardi e Patrizia Porcu nel 1979, se concatenate portano direttamente in vetta e sono un invito che non si può declinare a gustare il bellissimo gneiss in salsa classica di questa bella ed appartata montagna.

Lo sviluppo notevole e il lungo avvicinamento consigliano il pernottamento al Rifugio Genova-Figari, dove non resterete delusi dall’ospitalità e dalla cucina.

Se poi si ha tempo e voglia di concatenare queste salite in due giorni successivi, la fatica sarà ripagata dalle emozioni che solo questi angoli delle Alpi Marittime sapranno regalare.

ACCESSO GENERALE

Da Cuneo raggiungere Borgo San Dalmazzo poi risalire la Valle Gesso fino a Gias delle Mosche.

ACCESSO

Dal Rifugio Genova-Figari si segue il sentiero per il Passo di Brocan, fino ad arrivare all’altezza della base della parete Sud-Est del Baus. Lasciato il sentiero si traversa verso destra (senso di marcia), raggiungendo facilmente l’ attacco dello Sperone Patrizia (grosso chiodo con cordino bianco che segnala l’attacco della via). Due ore circa di avvicinamento, neve ad inizio stagione.

ITINERARIO

Si sale qualche metro, quindi si obliqua a desta verso un placchetta nerastra (II e III), che si supera per fessura (IV+), continuando poi la traversata a destra mediante alcune lame (III+) fino ad un punto di sosta sovrastato da un enorme spuntone (30m , s. 1 con chiodo).
Si traversa in un canalino sulla dx e lo percorre (III) uscendone sullo spigolo (III+), poi si rimontano alcune placche compatte in direzione dei due chiodi con cordino (III+; 35 m; s. 2).
Si ridiscende un paio di metri, per prendere una rampetta sulla sx che porta sul filo (IV; s 3 con chiodo e spuntone).
Si attraversa orizzontalmente a sx (IV+) per poi superare un salto con ottimi appigli (IV) e pervenire in una zona di rocce rotte che si seguono a sinistra, fin sotto un evidente diedro (35 m; s 4).
Superato lo strapiombo iniziale del diedro (V-), si prosegue direttamente con stupenda arrampicata ad un altro diedro (IV), che si supera (IV+, sostenuto), fino ad uscire su una comoda spalla a sx (35m; s. 5, chiodo e spuntone).
Si vince un gendarme a sx, si piega a dx per placche erbose (II) a lato del filo, portandosi in un diedrino che si supera (IV, IV + in uscita; 40m; s 5).
Si evita uno strapiombo a sx per un breve diedro (III+), quindi a dx sopra lo strapiombo, (III+) per giungere su rocce più facili in vetta alla Torre Patrizia (30m, s. 7). (Per un’eventuale ritirata, imboccare il canale che scende verso sud ovest, fino ad una spalla – ometto-, poi per tracce di camosci alla base della parete)
Si scende con una corta doppia, si percorre la crestina in direzione del secondo risalto dello sperone, tenendosi a sx di un gendarme (II, 40m, s 8).
Si supera lo sperone sulla dx e, oltrepassato uno strapiombo, ci si riporta verso sx ad un ottimo terrazzino sul filo (IV sostenuto, 30m, s. 9).
Per placca rossastra verso dx (IV) si va sotto uno strapiombo, al culmine di uno spigoletto, poi si scende nel diedro sulla dx dello sperone, e lo si segue fino ad una piccola cengia (IV-); superato il diedro ( (IV+/V), si continua per rocce più articolate (III+, 40m, s. 10).
Si seguono ancora rocce articolate, arrivando sul filo di cresta, in direzione del terzo risalto (III+, 40m; s 11).
Tenendosi leggermente sulla sx, si percorre la facile cresta (anche in conserva), e aggirato un gendarme sulla dx, si arriva ad un colletto, dal quale si scende alla base del terzo risalto (100-120m, II, s. 12).
Si sale il diedro canale incassato (a sx di un canale più ampio), fin sotto un camino strapiombante che si evita sulla dx per una bellissima fessura di roccia rossa, fino ad alcuni blocchi strapiombanti che si evitano ancora sulla dx, uscendo a rocce più articolate ( 55m, IV, V, s. 13).
Si scala una zona di rocce più articolate verso sx che mettono ad una comoda spalla, alla sommità del terzo risalto (30m, s. 14)
Si supera la placca rossastra sovrastante, fino ad un chiodo (IV+),  e con traverso a sx si giunge ad una fessuretta (V+) che occorre salire fino ad un chiodo.  Lungo un diedrino (IV+) si va ad uno strapiombo, inciso da due fessure, e, per quella di sx (V-), si esce ad un ripiano, da cui, superato un breve diedro (IV+), si arriva ad un terrazzino. (50m, s. 15).
Per un muretto leggermente strapiombante (IV+) si giunge a rocce articolate che si seguono (40m, s. 16).
Si segue ora il filo dello sperone evitando un gendarme a sx, che forma un intaglio con la parete e per rocce facili ed un ultimo breve diedro si perviene alla sommità dello sperone, ad una quarantina di metri a SO della vetta (insieme finale di III +, 100m circa)

DISCESA

Verso il Rifugio Remondino: dalle vetta (croce) si percorre la facile cresta verso nord, fino ad incrociare la via normale (bolli di vernice) che portano al Colle delle Culatta. Da qui si scende su traccia e pietraie verso il bellissimo Lago di Nasta, e da esso, sempre seguendo i bolli di vernice, al Rif. Remondino. Questa discesa è la più comoda e veloce, ma riporta al parcheggio del Pian della Casa o al Gias delle Mosche.
Se si fosse lasciata la macchina al lago della Piastra (itinerario per il Rif. Genova-Figari), molte sono le discese possibili, ma la consigliata è la seguente: dal Colle della Culatta, scendere per qualche decina di metri di dislivello verso il Lago di Nasta, poi, appena il terreno lo permette, effettuare un lungo traverso verso sud (a sx faccia al Lago) andando a reperire la traccia (bolli gialli) che porta al Colle di Brocan. Da esso, su traccia segnalata ed agevole, ridiscendere in un’ora al Rif. Genova, ripassando in prossimità della parete percorsa in salita.

MATERIALE

Utili nuts ed una serie di friends fino al Giallo B.D., martello e qualche chiodo per alcune soste e sui tiri.
La seconda parte dell'itinerario (Sperone della Solitudine) è poco attrezzata, ma la roccia, se si segue la via, rimane molto buona su tutto il tracciato, salvo pochissime eccezioni.

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

G. Bergese, G. Ghibaudo, Corno Stella, arrampicate classiche e moderne nel vallone dell’Argentera-Valle Gesso, Edizioni Versante Sud, Milano, 2012.
E. Montagna, L. Montaldo, F. Salesi, Alpi Marittime Volume II, Club Alpino Italiano, Touring Club Italiano, Milano, 1990.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Torre Patrizia e Sperone della Solitudine"

Nessun commento per l'itinerario Torre Patrizia e Sperone della Solitudine

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

D+

VERSANTE

Sud-Est

LUNGHEZZA DISLIVELLO

700m (dislivello complessivo 1706m)

LINK ZONA

Vai all'articolo

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra