Home page Planetmountain.com

arrowIce arrowItinerari arrowCampitello Dry-Ice

Campitello Dry-Ice - Grotta delle Ciaole - Monte Croce Matese

Primi salitori: Giorgio Ferretti (assicurato da Andrea Di Donato, 6 gennaio-12 gennaio 2009. 1° ripetizione Giorgio Ferretti 21/02/2009
Scheda a cura di: Giorgio Ferretti
Area: Appennino Centrale, Gruppo: Monti del Matese, Cima: Grotta delle Ciaole - Monte Croce Matese, Quota: 1957m, Stato: Italia, Regione: Molise

La Grotta delle Ciaole è stata scoperta e valorizzata da Giorgio Ferretti di Lanciano a partire dal gennaio 2007 con la prima salita del Canale di Destra. Quindi, tra il 2008 e il 2009, l'opera di Ferretti è continuata con la sola compagnia del suo saccone da parete o, a volte, con amici più o meno esperti ma sempre molto pazienti. L’apertura sistematica di queste vie è la logica continuazione delle altre numerose salite effettuate sulla neve “pressata” del Monte Miletto e del Monte Pandoro che si sono susseguite dal febbraio 2002. Un'attività che nelle prime uscite Ferretti ha svolto insieme a Cristiano Iurisci, promettente alpinista classico che poi ha continuato a collezionare prime salite di media difficoltà sia sul Miletto che sulla Gallinola. Le cascate di ghiaccio della Grotta delle Ciaole probabilmente sono le più meridionali d’Europa salite e relazionate. Per un appassionato dell’ice-climbing queste rare colate del sud sono dei veri gioielli da collezione. Buona scalata e che il freddo sia balcanico!

ACCESSO GENERALE

Raggiungere Campitello Matese. Salire sulle piste di Campitello Matese (zona fine del piazzale parcheggio) per 500mt, poi girare a dx verso la pista di collegamento con l'ultimo impianto di destra del comprensorio (fine corsa dello skilift). In corrispondenza dell'ultimo pilone alto dello skilift entrare nella splendida faggeta dove inizia il sentiero estivo per la grotta delle Ciaole (sui tronchi sono visibili tracce di vernice contrassegnanti il sentiero). Una volta usciti dal bosco (30' in caso di traccia su neve non battuta recentemente) si scorge il ripido versante nord, costituito nella parte bassa da una parete rocciosa che si innalza in crescendo da sx verso dx.
Le vie attualmente salite ed attrezzate si trovano verso l'estrema destra della barra rocciosa quindi poco prima della grotta delle Ciaole. Nell'ultimo tratto di "sentiero" (20-30') si effettua un traverso in lieve salita puntando verso la grotta delle Ciaole ed entrare nel primo sgrottamento che si incontra 50mt prima sulla sx dove vi sono le prime vie dx completamente chiodate a fix inox e sosta con anello. (1 ora dal parcheggio).Traversando ancora a sx troviamo la cascata classica della parete (3 tiri) sempre con soste attrezzate inox + anello e un fix a tiro. Ancora a sx troviamo un'altra colata attrezzata di due o tre lunghezze a seconda del ghiaccio presente nell’ultimo tratto ripido per uscire dalla goulotte.

ITINERARIO

L1 30mt M7 WI 5 R4. La prima parte molto strapiombante costituita da agganci di piccozza e ramponi. Il resto del tiro sale il camino di roccia e ghiaccio fino a diventare una colata verticale che termina sotto un tetto (sosta fix inox con anelli).

Note: Variante di S1: Dalla sosta traversare a dx (5mt) fino alla sosta di "Appendicite" (fix inox con anelli) dove parte la spendida seconda lunghezza in comune con questi primi tiri.

DISCESA

In doppia o top-rope.

NOTE

Attenzione: dall’uscita del bosco l’avvicinamento si svolge in un ambiente con forte rischio di caduta valanghe. Avere una conoscenza, preparazione e valutazione delle condizioni del manto nevoso, sono le misure di sicurezza utili oltre che a noi anche agli operatori turistici della zona visto che scaliamo in un area densamente popolata da turisti nel periodo invernale essendo una notevole località sciistica di riferimento del sud Italia. Un attenta valutazione delle condizioni della montagna e una adeguata preparazione fisica e tecnica potrebbero evitare l’insorgere di problemi con gli enti locali ed eventuali divieti di frequentazione del sito. L’A.R.V.A. indossato la pala da neve e la sonda nello zaino sono obbligatori. Utili gli sci da alpinismo o le racchette da neve. Le vie sono state aperte dal basso e attrezzate con fix inox lungo i tiri, le soste con anelli di calata. Per la salita degli itinerari su ghiaccio e misto (dry-tooling) è indispensabile avere l’attrezzatura classica da cascata (8-10 viti, 10-12 rinvii e due mezze corde da 60mt).

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Campitello Dry-Ice"

Nessun commento per l'itinerario Campitello Dry-Ice

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

M7 WI 5 R4

VERSANTE

Nord

LUNGHEZZA DISLIVELLO

30m

LINK ZONA

Vai all'articolo

RICERCA cascate di ghiaccio

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós