TREKKING HOME
ITALIA - EUROPA

Itinerari

EXTRAEUROPEO

Trekking nel mondo

FERRATE

Dolomiti

CIASPE

Itinerari
 

Spedizioni

Libri, Guide, Video

Interviste

Panorami a 360°

Forum

Posta

Weblink

Search
Dolomiti, Pale diS. Martino
 di Emanuele Falghera
  dal Col Verde al Cant del Gal per il Passo di Ball.
dal Col Verde al Cant del Gal per il Passo Canali.
dal Cant del Gal a Gosaldo per la ferrata "Fiamme Gialle".
Il Gruppo delle Pale di San Martino, ritenuto la più vasta barriera corallina delle Dolomiti, é uno dei più interessanti dal punto di vista naturalistico e geografico ed offre sicuramente - con le sue innumerevoli guglie, torri, campanili e bastionate che cambiano colorazione al variare dell'intensità della luce e delle stagioni - uno degli spettacoli più affascinanti dei Monti Pallidi.
Dal punto di vista geografico le Pale sono suddivise in cinque settori: la Catena Settentrionale, la Catena di San Martino, il Massiccio Centrale, la Catena Meridionale e le Pale di San Lucano, distinti, rispettivamente, dal Passo del Travignòlo, dal Passo Pradidali Basso, dal Passo Canali e dalla Forcella Cesurette.
Tutte le vette del Gruppo sono disposte attorno a quell'enorme e particolarissimo tavoliere roccioso che forma l'altopiano centrale e che si estende, ad un'altitudine tra i 2.500 ed i 2.800 metri, per circa 50 chilometri quadrati.


Le escursioni
Le Pale di san Martino offrono moltissime possibilità agli escursionisti sia con percorsi di fondovalle immersi in splendidi boschi che con itinerari che attraversano il cuore roccioso del Gruppo. Tra questi ultimi ve ne proponiamo tre tra i più belli ed interessanti.

I primi due possono essere considerati dei classici: entrambi, partendo da S. Martino di Castrozza e sfruttando nel primo tratto la cabinovia che porta al Col Verde (facoltativamente anche il secondo troncone di funivia che raggiunge la Cima Rosetta), permettono di raggiungere il Cant del Gal con due percorsi differenti che passano rispettivamente dal Passo di Ball e dal Rifugio Pradidali il primo e per il Ghiacciaio della Fradusta, il Passo Canali ed il Rifugio Treviso il secondo.
Se poi si hanno a disposizione almeno due giorni questi due itinerari possono essere uniti percorrendone uno in senso inverso a quello descritto nella nostra scheda. Si può così, con un pernottamento - al Rifugio Treviso o al Rifugio Pradidali - realizzare un anello con partenza e ritorno al Col Verde o alla Cima Rosetta.

Infine l'ultimo e più impegnativo itinerario, che dal Cant del Gal conduce a Gosaldo attraverso la ferrata "Fiamme Gialle", aggiunge al fascino di un territorio selvaggio, comune anche ai primi due, un percorso attrezzato di sicura soddisfazione.
| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.