Home page Planetmountain.com

arrowSpecialarrowBooksarrowLa metafora dell'alpinismo

La metafora dell'alpinismo
La metafora dell'alpinismo
di Enrico Camanni
SCHEDA LIBRO / info:
  • EDITORE: Liaison editrice
  • PREZZO: 12 Euro
  • PAGINE: 67
  • ANNO: 2010
  • LINGUA: italiano
  • TIPOLOGIA: Narrativa
  • ISBN: 978-88-95586-13-7
  • LINK: www.liaisoneditrice.it/node/54

La metafora dell'alpinismo

di Enrico Camanni / Liaison editrice

Mummery e Preuss, Maestri e Messner e l'alpinismo come antidoto al consumismo e alla città globale.

RECENSIONE a cura di Paola Lugo

E’ ancora possibile parlare dell’eterno dilemma della morte del chiodo dicendo qualcosa di nuovo? Sì, può essere possibile e addirittura intrigante e stimolante, se parlare di Mummery e Preuss, Maestri e Messner diventa un’occasione per riflettere su ben altro, ovvero sull’alpinismo come antidoto al consumismo e alla città globale.

Il piccolo saggio di Enrico Camanni pubblicato dalla casa editrice Liaison di Courmayeur (evviva evviva un’altra piccola realtà editoriale di grande qualità, con un catalogo coraggioso e necessario) parte come una breve storia alpinistica in pillole, una specie di agile e piacevole riassunto delle due anime dell’alpinismo classico: da una parte Mummery che rinuncia alla salita del Dente del Gigante poiché Absolutely inaccessible by fair means, e dall’altra Maquignaz che assale la parete di granito con ogni mezzo, scale scalette pioli e picconi, e giunge trionfalmente sulla cima. E poi ancora il gigantismo himalayano delle grandi spedizioni nazionali del secondo dopoguerra, contrapposto a Boardman e Tasker che salgono in stile alpino la montagna di luce, il Changabang con la leggerezza di due studenti in viaggio, per finire con la (non più…) recente diatriba spit sì spit no.

Se La metafora dell’alpinismo fosse tutta qui, sarebbe una piccola delusione. Nulla togliendo alla scrittura di Enrico Camanni che sa raccontare vicende sapute e risapute riuscendo a non annoiare (perché ama ciò di cui scrive, mantenendo al tempo stesso una bella dose di ironia – vedi lo sdegno dei puristi che gridano allo scandalo quando compaiono i moschettoni, per poi  correre a comprarseli…), è un po’ difficile dopo tanti fiumi di inchiostro e di parole riuscire ancora ad appassionarsi alla discussione tra chi vede il salire un pezzo di roccia come pura pratica sportiva, e chi cerca l’avventura dell’inutile e del rischio. A meno che… a meno che non vi sia un ultimo capitolo intitolato Una risposta a Pasolini. Dove capiamo che tutto quello di cui si è parlato nelle 60 pagine precedenti serviva a introdurre la contraddizione fondamentale tra “sviluppo” e “progresso” che Pasolini già nel 1974 aveva lucidamente individuato.

Allora le infinite discussioni tra chi addomestica le montagne con la tecnica e chi cerca di salvare il povero drago assediato assumono un altro peso.  Camanni definisce il duello tra chiodi e fantasia un gioco gratuito e imprevedibile, una pratica dell’inutile assolutamente necessaria nel mondo della città globale, dove tutto è previsto e monetizzato. Se è vero che la conquista dell’inutile come essenza dell’alpinismo non è certo un concetto nuovo, è bene ogni tanto che gli alpinisti, bambini testardi, litigiosi e passionali, ogni tanto se ne ricordino.

Un unico appunto: il libro finisce troppo presto. Ovvero, dopo averci aperto un fertile terreno di riflessione, il libro si conclude bruscamente con un pensiero decisamente ottimista sul destino dell’inutile. E lasciandoci con la voglia di continuare a pensarci e a parlarne.

Paola Lugo

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara