Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowVia Comici - Dimai

Via Comici - Dimai

Primi salitori: Emilio Comici, Giovanni & Angelo Dimai, 1933
Scheda a cura di: Planetmountain
Area: Dolomiti, Gruppo: Tre Cime di Lavaredo, Cima: Cima Grande, Stato: Italia

Via “simbolo” dell’arrampicata in Dolomiti. Impegnativa, soprattutto se percorsa in libera, è molto frequentata per la bellezza dell’arrampicata e l’eleganzza della linea. La via è ben chiodata portare nuts e friends.

ACCESSO GENERALE

I punti di partenza ideali sono Cortina d'Ampezzo ed Auronzo raggiungibili da nord attraverso la Pusteria e da sud con l’autostrada A27 e poi lungo la statale. Per gli itinerari delle Tre Cime da entrambi i paesi si deve poi raggiungere Misurina, da Cortina valicando il Passo Tre Croci. Infine da Misurina si imbocca la strada a pagamento che risale fino alla base dei versanti meridionali delle Tre Cime. Si lascia l’auto al parcheggio del rifugio Auronzo, dove termina la strada. Per dormire l'ideale è pernottare al rifugio Auronzo o al rifugio Lavaredo, quest’ultimo si raggiunge in 15 min. lungo la strada sterrata (chiusa al traffico) posto proprio sotto le pareti sud, con vista sul favoloso Spigolo Giallo. L’avvicinamento si effettua in tempi brevi data la vicinanza alla parete.

ACCESSO

Dal rifugio Lavaredo si segue il sentiero che conduce alla forcella Lavaredo. Si segue una traccia verso sinistra che attraversa alla base delle pareti nord. La via attacca sulla sommità di uno zoccolo che si sale da sinistra verso destra lungo una fessura a gradoni.

DISCESA

Lungo la cengia circolare si raggiunge verso destra il percorso della via normale sul versante sud. Si scende in un canale camino con due corde doppie da 50 m. Si continua arrampicando fino alle ghiaie sottostanti si seguono gli ometti verso sinistra e poi una breve doppia porta in prossimità di una forcella. Si raggiunge la forcella (versante sud-est) che si affaccia su un ripido canalone (est) che si può scendere con numerose corde doppie o arrampicando 2. Il salto finale si evita traversando lungo una cengia verso sinistra e raggiungendo il canalone detritico che divide la Cima Grande dalla Piccola.

MATERIALE

La via è ben chiodata portare nuts e friends.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Via Comici - Dimai"

23-08-2012, Tom Krul
Una veramente bella esperienza anche se... Abbiamo giá letto dei bivacchi. Siamo arrivati all´attaco alle 6:45 credendo di essere veloci. L´ultimo tiro abbimo finito con tramonto alle 20:25!!! Perché? Perché era agosto, sabato e tempo ideale (stabile, molto caldo, senza temporali). Sopra noi tanta gente che ci ha bloccato per ore sulle soste, anzi una GUIDA TEDESCA con cliente ci ha hanno superato e poi cliente non riusciva neanche tirarsi sui rinvii! Idioti... Questi e altri che non erano preparati a fare sta via veloci hanno trovato la discesa con ultima luce. Grazie a questi "gentili" noi e l´ultima coppia abbiamo dovuto bivaccare. Per fortuna la notte era calda. Quindi attentenzione ai coglioni, non dipende solo dalla vostra forma (l´ho fatta in libera). Peró vale la pena farla:-)
05-08-2008, gca
bella via abbastanza continua nei primi tiri..consiglio di fare la variante costantini in cima anche se più dura..
21-05-2008, giorgio
una via veramente aerea e nei prima 6-7 tiri continua svlle difficolta.dopo lo zoccolo iniziale c'e il tiro piu duro in libera dove i chiodi non danno molta fiducia soprattutto uno che sporge almeno2-3 centimetri....di importaza storica massima e da ripetere assolutamente
11-09-2006,
Un mito! La chiodatura nei primi tiri sul giallo è abbondante e sicura tanto da permettere di salire tranquilli e magari provare anche la libera...sopra, lungo la var. Costantini l'impegno si mantiene piuttosto elevato vista la scarsa chiodatura, specie nel primo tiro che, a parer mio, sfiora il 6.
24-07-2006, Francesco Scazzoli
Ottima via su di un paretone memorabile, molto chiodati i tiri più duri, da non sottovalutare assolutamente i tiri finali, sono duri, con pochi chiodi ed a ormai energia finita
21-07-2006, Elio
Vista dall'attacco la parete incute timore, quando ci sei dentro è accattivante; il grande Emilio ha abilmente aggirato gli strapiombi più pronunciati tracciando un percorso che si discosta di poco dalla verticale e senza passaggi violenti anche se la continuità si fa sentire nelle braccia negli ultimi tiri. La roccia, per essere in Lavaredo, è buona e la seconda parte è picevole nonostante alcuni tratti di roccia bagnata. Per la valutazione delle difficoltà penso che la relazione più attendibile sia quelle della vecchia guida di Lele Di Noia.
28-06-2006, Fabio sandri
i primi 300m molto belli roccia abbastanza buona ed i chiodi ci sono (terranno?)la variente costantini in uscita secondo mè è meglio anche se però è priva di protezioni...ciao
09-09-2005, Ivan Nenkov
Wonderful route.Early start is recommended. The rock is still good, although there are places where one should be careful. The middle part is harder and very interesting. The last 3 pitches are easy (3-4 UIAA) but could be a problem because of the exhaustion. The overnight can be spent on the South face - there are many stone - made shelters and is recommended if the dark or mist catch you before you have start your descending. I really enjoyed the climb.
03-07-2005, antonio antonio
Grandiosa salita.Molto chiodata severa nelle difficolta' e continua nella prima parte,esposta e strapiombante.
22-09-2004, Mik Roberto
Via stupenda e per la prima metà sempre aerea ed esposta. Roccia nei primi tiri non sempre buona poi migliora. La chiodatura è più che abbondante anche se non sempre ispira fiducia. Il primo tiro della variante Costantini è un buon VI vista anche la difficoltà a proteggerlo. Poi si segue per cinque lunghezze un evidente camino-fessura con scarse protezioni fino a giungere sulla cengia.
18-09-2004, Ghin
Via di una bellezza non comune e per essere Tre Cime roccia splendida.
10-06-2004, Piero Pagliani
La prima volta la parte ci intimidiva e pioveva, ma abbiamo fatto i primi tre tiri, ché tanto lì la pioggia non arriva, per provare. Era così bella che siamo ritornati due giorni dopo. Magnifica e sicura. Altre cordate? Solo due.
08-09-2003, ENRICO DOMENIGHINI
SICURAMENTE UNA CLASSICA DI NOTEVOLE IMPEGNO E DI GRANDE SODDISFAZZIONE! LA ROCCIA SECONDO ME E' DISCRETA (PRIMA PARTE) SOPRATTUTTO SE SI VUOLE PASSARE IN LIBERA (COSA DA ME NON FATTA) ED ALCUNI CHIODI (POCHI) DI DUBBIA TENUTA.. AL TRAVERSO SOPRA IL TETTO FINALE SI PUO' DARE UN BEL 5 E L'ULTIMO TIRO HA UN PASSO DI 5/5+ IN USCITA. EMILIO ERA UN GRAN BECCO!!! ANDATE A FARLA MERITA!
20-08-2003, Andrea Andrea
Bella via, ma troppa gente. Variante Costantini stupenda, di V/V+ sostenuto, ma pochissimi chiodi (una dozzina in tutta la variante, comprese le poche soste chiodate!)
21-07-2003, MARCO
bella via!!!!!!!un po' troppo frequentata...alle 6.30 eravamo gia' tre cordate all'attacco.(americani e sloveni)bella sopratutto la prima parte...e i tiri di 7° si possono azzerare.si forse gli ultimi tiri son di piu' che 3°.prorio una via da fare, specialmente per l'esposizione e l'ambiente esaltante.attenzione alla temperatura...con il freddo le cose cambiano!!!
11-02-2003, Renzo Caimi
Quando l'ho salita fra giapponesi, inglesi, francesi e tedeschi sembrava di essere in piazza del Duomo. Nei primi tiri il vuoto è impressionante e non tutte le soste buone. La roccia invece è molto buona.Nella seconda parte non è semplicissimo trovare la via e i chodi sono rari, la via si mantiene comunque sempre bella. La nicchia era fradicia e il traverso in alto lo ricordo impegnativo, anche perchè comincia a farsi sentire la stanchezza. Comici e i Dimai sono dei miti . Andate sotto la parete e capirete il perchè.
20-09-2002, damiano giordani
bellissima via su roccia solida,la Variante merita per la qualità della roccia,la via e tutta chiodata per la variante portarsi qualche dado e friends.Può capitare come a noi di arrampicare attorno ai 0°
10-08-2001, Francesco Scandolin
La via è molto bella per la verticalità della parete. Difficoltà piuttosto sostenute.Molti chiodi. Consigliabile la variante Costantini, su bella roccia grigia,anche se meno chiodata della via originale.
03-08-2001, Carmelo Motta
Via assolutamente da fare, la roccia è molto meglio di quello che sembra e i tratti più duri sono azzerabili. In discesa le doppie del canalone sono in vista dello Spigolo Giallo e si "prendono" risalendo ad una forcelletta ...(ma gli ometti vi porterebbero a dx,faccia a valle, ad una terrazza verso la Cima Ovest !).
20-02-2001, Marco Taboni
Bella via, ben chiodata e con passaggi non estremamente difficili se afrontati con un buon allenamento fisico. Gli ultini tiri dopo il traverso non sono sicuramente III, ma a parer mio almeno V/V+
11-10-2000, Superti Alessandro
P.S. Confermo che anche noi abbiamo trovato gli ultimi due tiri di una dufficoltà ben superiore al 3° grado delle relazioni. O abbiamo seguito una variante (IV+/V-) oppure c'è una evidente sottovalutazione.
14-09-2000, Paolo Marchiori
Bella e impegnativa, notevole esposizione. Non ho trovato così facili come derscritti, i tiri dopo gli strapiombi, in particolare il primo tiro in diedro, il traverso dopo la grotta, e i due tiri finali (che assolutamente non sono di 3°..)
29-08-2000, Alessandro Superti
Per andare contro corrente si può dire che ci sono troppo chiodi, almeno fino alla cengia e la roccia è, tutto sommato, mediocre.Tuttavia, inquadrata nell'epoca in cui è stata salita, la via riacquista un fascino particolare,soprattutto pensando al numero esiguo delle protezioni utilizzate dai Dimai e da Comici e al fatto che quest'ultimo la percorse nel '37 in solitaria e in poco più di tre ore !
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

7

DIFFICOLTÀ OBBLIGATORIA

5+/A1

VERSANTE

Nord

LUNGHEZZA DISLIVELLO

550m

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
Arc'teryx # Alpha SV Jacket
Alpha SV Jacket
Petzl # Djinn Axess
Djinn Axess
Ortovox # Ortovox 3+
Ortovox 3+
Salewa # Pantalone Salewa Orval
Pantalone Salewa Orval
AKU # SL Sintesi GTX
SL Sintesi GTX
Zamberlan # Precisa
Precisa
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello