Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowVint ani do

Vint ani do

Primi salitori: Ivo Rabanser e Stefan Comploi 07/08/2004. Prima libera:Florian e Martin Riegler 2008
Scheda a cura di: Alex Walpoth
Area: Dolomiti, Gruppo: Sella, Cima: Meisules de la Bièsces, Quota: 2457m, Stato: Italia, Regione: Alto Adige

Bella via sulla sudovest delle Meisules de la Bièsces caratterizzata da un gran tetto, dove si affrontano le massime difficoltà, ma anche da un’arrampicata molto tecnica. 12 tiri aperte dai gardenesi Ivo Rabanser e Stefan Comploi nel 2004 valutate VII A2, poi liberate il 2 marzo 2008 dai fratelli Martin e Florian Riegler, con difficoltà fino a 8a+.

ACCESSO GENERALE

Venendo dalla Val Gardena si sale con la macchina verso il Passo Sella. Al bivio  (Passo Gardena – Passo Sella) si continua sulla strada verso il Passo Sella e dopo 200 metri ca. si trova un piccolo parcheggio in prossimità di un breve ponte.

ACCESSO

Si sale in direzione ovest, verso la parete ben visibile. L’attacco si trova in linea del marcato tetto, pochi metri a destra di una fessura obliqua verso destra, la quale si raggiunge dopo 10 metri su placca.

ITINERARIO

La prima parte della via si sviluppa su magnifiche placche grigie. Il terzo tiro è assai difficile ma ben protetto. Le lunghezze che seguono sono caratterizzate da roccia un po’ più delicata, e gran parte delle protezioni sono da integrare. Un magnifico diedro da proteggere esclusivamente con friends porta sotto il marcato tetto, il quale viene superato tramite un arrampicata molto difficile e atletica. Due ultimi tiri portano in cima, ovvero un bellissimo prato pianeggiante. 

DISCESA

A piedi per la Val Gralba. Innanzitutto traversare la valle in direzione sud, passare sotto le strapiombanti pareti e raggiungere un canale profondo (verso S). Scendere fino a raggiungere un secondo canale (verso ovest), seguendo il quale si arriva alle placche Woodstock (arrampicata sportiva). Adesso seguire un piccolo sentiero che porta alla macchina.

MATERIALE

Le soste sono ben attrezzate, gran parte con almeno un spit. I tiri sono protetti con chiodi normali, è però  necessario integrare con protezioni veloci. Portare quindi un set completo di friends, nr. 2 preferibilmente doppio, eventualmente anche nr. 3 per il diedro. Nel tetto ci sono 3 spit.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Vint ani do"

Nessun commento per l'itinerario Vint ani do

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

8a+

VERSANTE

Sud ovest

LUNGHEZZA DISLIVELLO

350m

LINK ZONA

Vai all'articolo

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
Salewa # Pedroc Hybrid Jacket
Pedroc Hybrid Jacket
Zamberlan # SH Crosser Plus GTX RR
SH Crosser Plus GTX RR
Lizard # Sly
Sly
La Sportiva # Scratch Woman
Scratch Woman
Ferrino # Gariwerd Pant
Gariwerd Pant
Arc'teryx # SL 340 Unisex imbrago
SL 340 Unisex imbrago
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chiodo Fisso
    Ripetuta 2 giorni fa. Via ottima se si vuole piazzare prote ...
    2015-04-26 / Tommaso De%20Zuani
  • Luna Nascente
    Bellissima salita concordo, nel maggio 79 una delle prime ri ...
    2014-12-20 / marco%20 furlani
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda