Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowFalesia arrowAnnot

Annot

Scheda a cura di: Maurizio Oviglia
Stato: Francia, Regione: Provvenza, Località: Annot (Provvenza)

Sapevate che Annot, una piccola cittadina di Provenza, a metà strada tra Nizza ed il Verdon, è diventata uno dei centri europei più rinomati della scalata in fessura? Già famosa per le sue vie di arrampicata sportiva sul grès e, ovviamente, per i suoi blocchi che spesso fanno pensare ad una piccola Fontainebleau del sud, ad Annot mancava solo il trad a completare l’offerta! Forse, pensando al trad, ed in particolare alla scalata in fessura in terra di Francia, tutti avrebbero ritenuto più adatte le Aiguille di Chamonix che la Provenza. Invece... il grès a volte fa scherzi strani e, proprio ciò che fino a 10 anni fa appariva agli occhi dei francesi poco "sportivo" e quindi non degno di fittonatura, oggi si è rivelato un piccolo Utah in miniatura, con tanto di roccia gialla e rossa ad accendere la fantasia senza bisogno di varcare l’oceano. Il tutto, poi, ancor più interessante proprio perché non attrezzato, adatto quindi ad essere protetto con i friend.

La versione trad di Annot è merito principalmente di Lionel Catsoyannis e Antoine Barbier. A loro va il ringraziamento per le decine di fessure pulite e spazzolate (il gres non fa male alle mani ma non è certo granito, necessita di pulizia e preparazione prima di essere salito senza sbriciolarsi al nostro passaggio) che rendono questo sito unico in Francia e una tappa obbligatoria per tutti gli amanti della scalata in fessura.

Nonostante ad Annot si parli di trad da quasi dieci anni la frequentazione sembra sia tuttora limitata a pochi appassionati e, a parte gli addetti ai lavori, fuori dai confini francesi non sono molti a conoscere le meraviglie di questo sito. Certo, esiste un sito web dedicato, e anche un meeting che porta lo stesso nome, ma le informazioni non sono di facile reperimento ed in rete si trovano poche fotografie che rendano realmente l’idea della bellezza e della particolarità di queste vie. Ho deciso quindi condividere alcune immagini e informazioni pratiche indirizzate soprattutto a chi si avvicina ad Annot per la prima volta, in cui orientarsi sui settori e sulle vie da fare non è del tutto evidente.

La falesia dove sono concentrate il maggior numero di vie "trad" è quella più appariscente, rivolta a sud-ovest, che sovrasta la strada che collega Annot a Nizza. Contrariamente a quanto potrebbe sembrare, l’accesso avviene dal paese (e non direttamente dalla strada) seguendo un sentiero diagonale che permette di guadagnare con circa 30 minuti di camminata una serie di cenge sospese da cui è possibile attaccare le vie. I sentieri sono ben segnalati e fanno parte di un circuito escursionistico molto frequentato, che si snoda attraverso il bosco e guadagna la cima della falesia. Le aree di arrampicata, viceversa, non sono ben indicate ed occorre orizzontarsi (oltre che un po’ di intuito) con la mappa presente nella guidina che potrete trovare in paese.

Esistono numerosi settori, ma per una prima visita (soprattutto da chi viene da lontano) è conveniente indirizzarsi verso le vie più belle ed estetiche, ovvero le fessure che si trovano disposte sui due piani della falesia principale. Al settore la Vire Inter, potrete trovare alcune fessure di media grandezza, con difficoltà che spaziano dal 5c al 7a e qualche lunghezza più difficile. Le salite più classiche con cui cominciare sono Dedicata alla Val di Mello e Lake Placid. Poco più a destra si trovano altre classicissime fessure sul 6a/6b con frequenti incastri di dita, tutte ottimamente proteggibili con due serie di friend. Sulla sinistra della cengia, non perdetevi Spitalgie, una via unica nel suo genere, un muro strapiombante a buchi proteggibile con kevlar (da passare voi stessi nelle clessidre) e friend di traverso. Davvero una chicca! Intraprendete però questa salita solo se avete un solido 6c a vista!

Un altro settore molto interessante è il piano di sotto, la Vire du bas. Qui le vie sono in generale più selettive e l’ambiente più arioso (la cengia di attacco è a volte attrezzata a corde fisse) ma alcune fessure e diedri sono davvero di gran classe! Imperdibili sono i 6c di L’Arche e Le Marc à Sein. Se siete amanti delle fessure fuori misura potrete trovare qua e là ciò che fa per voi, in questo caso però munitevi di almeno due o tre numeri 5 e 6 in modo da assicurarvi un’adeguata protezione. Più a destra, vale la visita il settore Cascade, su roccia rossa che ricorda davvero lo Utah. Qui i tiri sfiorano i 30 metri e le fessure sono principalmente di dita (benvenute le dita fini, se avete delle salsicce al posto delle mani meglio passiate oltre). Non sottovalutate il sole! Considerate che questi settori sono all’ombra solo alla mattina presto e al tardo pomeriggio e che può far veramente caldo!

Se vi trattenete più di due giorni potrete completare la visita con qualche settorino minore, che nasconde sempre qualche bella chicca, oppure sperimentare una delle vie lunghe (le trovate sul blog).

Infine, prima di lasciarvi alla scoperta di queste meraviglie, eccovi in sintesi alcune informazioni utili ad una prima visita. Buon divertimento!

ACCESSO

Annot si raggiunge da Torino o Milano in circa 4/5 ore, percorrendo l’autostrada da sud (Savona/Nizza) oppure oltrepassando le Alpi attraverso il Col di Tenda o il Colle della Maddalena. Il paese si trova a soli 20 km da Castellane e quindi è facilmente abbinabile con una visita al Verdon o alle falesie della zona di Nizza o della Provenza in generale.

Accesso alla falesia: parcheggiare alla stazione, ritornare verso il paese per circa 100 metri, attraversare la ferrovia con il sottopassaggio e seguire l’unico sentiero che in direzione sud sale verso la falesia. Lungo il percorso si incontrano numerosi settori di arrampicata sportiva e blocchi, ma è solo dopo aver passato la cosidetta Chambre du Roi (un tunnel tra i blocchi che immette in un ambiente ristretto circondato da lisce pareti) che troverete le prime fessure. Lungo il sentiero alcuni piccoli risalti possono essere utilizzati per un primo approccio per coloro che necessitino di prendere confidenza con la posa delle protezioni.

LOGISTICA

Numerosi campeggi e hotel in paese, tutti elencati nella guida

NOTE

Gradazione: la gradazione delle vie è espressa in scala francese, nessuna ulteriore indicazione sul grado di esposizione dei tiri o la proteggibilità. Fate attenzione quando sulla guida c’è il segnale di pericolo o il teschio… abbastanza intuibile che si tratti di tiri pericolosi o che richiedano una buona dose di morale per essere superati! La valutazione dei tiri ci è apparsa in generale corretta, comunque più generosa che in USA o a Cadarese/Valle dell’Orco, ma più severa che sulle Aiguilles di Chamonix.

Altre raccomandazioni: come in generale su tutte le vie trad di ultima generazione, che non presentino chiodi o spit lungo il tracciato) intraprendetele solo se padroni del grado, senza fare pericolose equivalenze tra il grado che siete abituati a superare in falesia e quello su una via completamente da proteggere. Ricordate che oltre a scalare dovrete fermarvi per piazzare i friend e che questo non sempre è agevole. Preparatevi a gestire il materiale osservando bene il tiro prima di cominciare a scalare, se utilizzate tutte taglie nei primi metri poi non le avrete più per il seguito e sarà giocoforza fermarvi!

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Escalade Traditionelle ad Annot, di Marie-line Madelaine e Lionel Catsoyannis. La potrete trovare nei bar o le edicole del paese e costa 15 euro.

Condividi questo articolo

COMMENTI per la falesia "Annot"

Nessun commento per la falesia Annot

Scheda / falesia
SETTORI
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

Le mezze stagioni, la falesia è esposta a sud e quindi è frequentabile nelle belle giornate invernali, ma raramente in estate

MATERIALE

Indispensabili due serie di friend, compresi i 5 ed i 6 (misure BD) per le fessure più larghe ed i microfriend per quelle piccole (è sempre indicato nella guida quando servono). Per alcune fessure serve triplicare le misure, altrove sono indispensabili i kevlar da passare nelle clessidre. I nut non sono sempre utili, ma potete portarne una serie con voi per sicurezza. Le soste sono spittate e attrezzate per la calata, non servono (anzi sono banditi!) martello e chiodi! Utile il casco. Molto utili (ma non indispensabili) i guanti da fessura. Utilizzate scarpette non troppo strette ma comunque precise, a lato delle fessure si trovano spesso bellissimi buchi che è conveniente sfruttare! Ad Annot si può scalare comodamente con una corda singola, per chi preferisce sfalsare le corde può portare due mezze, ma normalmente i tiri sono lineari. Portare inoltre qualche rinvio e fettucce per allungare le protezioni, quando occorre.

TIPO ROCCIA

Gres

ESPOSIZIONE

Sud

LINK

www.tradannot.over-blog.com

VOTA / falesia
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / falesia

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA falesie

REGIONE

Nome falesia

Altre falesie in Provvenza
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria