LAB HOME
TECNICHE

Consigli e tecniche

MATERIALI

Attrezzatura e materiali
 

EXPO

Search

Spedizioni

Libri, Guide, Video

Panorami a 360°

Forum

Posta

Weblink
Arrampicata - Soste a spit
- Introduzione
- coll. in serie
- coll. in parallelo
- altri collegamenti
- discesa in doppie
- materiali
SOSTA CON DUE SPIT NON COLLEGATI FRA LORO
Possiamo collegare i due spit in serie o in parallelo, a seconda che la nostra cordata proceda a comando alternato oppure no. Per semplicità consideriamo sempre una cordata formata da due persone, con corda singola.

COLLEGAMENTO IN SERIE
Gli spit vengono collegati tra loro utilizzando la corda di cordata. Metodo semplice e veloce adatto alle vie moderne ben attrezzate e per progressione a comando alternato.

Manovre
del primo di cordata quando raggiunge la sosta
(comando alternato):

posiziona un moschettone con ghiera (A) nel primo spit (in genere il più basso dei due) e si autoassicura con un barcaiolo sulla propria corda (foto 1);

passa un rinvio (B) nel secondo spit (quello posto nella direzione della lunghezza di corda sucessiva, o il più alto dei due) ed effettua un secondo barcaiolo sulla propria corda nel moschettone a monte dello stesso rinvio (B) (foto 2). Perchè il barcaiolo non interferisca con la fettuccia occorre inserire il moschettone nello spit in modo che dopo averlo ruotato su sè stesso la leva d’apertura sia rivolta all’interno della sosta;

posiziona il moschettone della placchetta autobloccante, per recuperare il compagno, nello stesso moschettone a ghiera (A) della prima auto-assicurazione (foto 3).
Il moschettone della placchetta autobloccante deve lavorare sul lato chiuso del moschettone a ghiera (A), ovvero quello senza la leva di apertura.

Così si sono collegati i due punti della sosta senza utilizzare cordini, predisponendo già la prima protezione (rinvio B) per la successiva salita da primo del compagno.
A questo punto recuperando la corda sulla placchetta autobloccante si può far salire il secondo di cordata.

manovre del secondo di cordata quando raggiunge la sosta, prima di proseguire da primo (comando alternato):

rimane assicurato sulla placchetta autobloccante, senza il bisogno effettuare un’ ulteriore autoassicurazione;
recupera il materiale non utilizzato dal compagno (rinvii, friends, ecc...);
consegna al compagno il freno per l’assicurazione in vita (foto 4);
non appena il compagno ha preparato il freno per fare sicura: passa la corda nel rinvio (B) predisposto sulla sosta: è ora assicurato anche dal compagno;
prende con sè la placchetta autobloccante, alla quale è autoassicurato e che userà alla sosta sucessiva per recuperare il secondo;
quindi parte.

E’ di estrema importanza, prima di ripartire per il successivo tiro, moschettonare il rinvio (B) della sosta, in modo da evitare assolutamente di cadere direttamente sul freno per l’assicurazione posizionato sull'imbragatura del compagno. Sulle vie a spit è infatti conveniente assicurare in 'vita' per poter dosare al meglio la corda, sia in salita che in caso di volo. Diventa però fondamentale rinviare la sosta o uno spit vicino ad essa, prima di partire per il tiro sucessivo.

Soste a spit1





Collegamento di due spit


Particolare freno
COLLEGAMENTO IN SERIE
Pro
riduce al minimo il materiale mantenedo la sicurezza;
il minor numero di operazioni e la loro semplicità diminuiscono le possibilità di errore.
Contro
Collegamento vantaggioso solo a comando alternato.
Se gli ancoraggi della sosta non sono spit, ma chiodi, nuts o altre protezioni da terreno tradizionale, la cui tenuta può essere meno sicura, è più sicuro utilizzare il collegamento in parallelo. Su terreno tradizionale occorre in ogni caso una buona esperienza per valutare la solidità degli ancoraggi e collegare tra loro i punti di sosta in modo che le forze siano ripartite tra i singoli punti.
| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.