Home page Planetmountain.com
Cima Nord di Ushba (4698 m) lungo il Couloir Est (Miroslav Peťo, Maroš Červienka)
Fotografia di Miroslav Peťo, Maroš Červienka
Ushba con le cime sud e Nord (4698 m) e il Couloir Est
Fotografia di Miroslav Peťo, Maroš Červienka
Miroslav Peťo e Maroš Červienka salendo verso la cima Nord di Ushba (4698 m) lungo il Couloir Est
Fotografia di Miroslav Peťo, Maroš Červienka
Sciando il couloir SE di Chatyn Tau (4412 m), Caucaso
Fotografia di Miroslav Peťo, Maroš Červienka

Caucaso: Mt. Ushba prima discesa con gli sci

di

Lo scorso maggio e giugno gli alpinisti slovacchi Miroslav Peťo e Maroš Červienka hanno effettuato una serie di difficili discese con gli sci nel massiccio del Caucaso in Georgia: la cresta SO di Tetnuldi (4858 m), il couloir di Chatyn Tau (4412 m) e soprattutto, il couloir sudorientale dalla cima del Ushba North (4698 m).

Tra fine maggio ed l’inizio di giugno gli alpinisti slovacchi Miroslav Peťo e Maroš Červienka hanno trascorso due settimane nella regione di Svanetia nel nordovest della Georgia per sciare nel massiccio del Caucaso. Raggiunta la cittadina di Mestia il 23 maggio e dopo aver aspettando il miglioramento del tempo, si sono acclimatati salendo il vicino Mt Tetnuldi (4858 m). A causa delle cattive condizioni della neve hanno abbandonato il piano originale di salire e sciare la parete occidentale optando invece per la cresta SO, con Červienka che ha iniziato la discesa da quota 4300m mentre Peťo ha sciato tutta la linea di 1100m dalla vetta fino al ghiacciaio di Kasebi, prima di tornare al villaggio di Adishi.

A causa della sua vicinanza al Mar Nero il tempo instabile è una costante in questa regione. Quando la successiva finestra di bel tempo si è presentata, gli slovacchi hanno tentato l'enorme couloir del Chatyn Tau (4412 m), ma sono stati sorpresi da una tempesta durante il bivacco sul ghiacciaio Chalaadi. Il giorno successivo si sono consolati con la salita al Koruldi Peak (3328 m) e, con ormai pochi giorni a disposizione prima del rientro a casa, hanno optato per una salita in giornata dei 1800 metri del couloir SE di Chatyn Tau, partendo direttamente dal fondovalle da quota 1600 m. Partendo alle 00:30 hanno salito 2800 metri di dislivello per arrivare in cima al Chatyn Tau dopo 10 ore di salita. Un'ora in ritardo rispetto al loro programma, si sono riposati solo brevemente e hanno iniziato la discesa alle 11:00 prima che la neve si trasformasse troppo. I primi 900 metri sono ripidi circa 50-55° con un’esposizione stimata attorno a E3; Maroš ha sceso questa sezione disarrampicando, Peťo invece è sceso direttamente dalla vetta. Questa potrebbe essere la prima discesa integrale della linea aperta dagli esperti sci alpinisti Peter Schoen (Austria) e Trevor Hunt (Canada), che nel 2013 avevano effettuato una calata in doppia sul ghiacciaio nella parte inferiore sul ghiacciaio .

La lunga giornata sul Chatyn Tau ha richiesto due giorni di riposo prima che gli slovacchi fossero pronti per l'obiettivo principale del viaggio, il Mt. Ushba, considerato una sorta di "Cervino del Caucaso". Dalla loro precedente ricognizione credevano che non fosse possibile scendere con gli sci dalla cima sud, mentre la cima nord e il couloir SE sembravano fattibili. Con soli due giorni a disposizione prima del loro volo, dal villaggio di Mazeri (1600 m) hanno proseguito fino al ghiacciaio del Gulli dove hanno trovato un bel posto per la loro piccola tenda a 2900 m.

Partendo alle 2:30 del mattino del 5 giugno, hanno incontrato neve primaverile nel couloir est. Salendo rapidamente, hanno superato del terreno di misto difficile e ripido (60°+) per uscire dal canalone e raggiunge il nevaio sotto la cima nord. Un altro canale esposto li ha portati in vetta, raggiunta 7 ore dopo aver lasciato il bivacco. Il tempo era perfetto e hanno goduto delle viste spettacolari sulle montagne georgiane e russe del Caucauso, poi hanno iniziato a prepararsi per la discesa. Peťo ha aspettato mentre Maroš ha sceso la prima sezione in disarrampicata, ma quando la neve ha cominciato a trasformarsi ha iniziato la sua discesa con gli sci, scendendo 30 metri in dérapage dove il canale era troppo ripido e tecnico per fare delle curve. I due hanno poi sciato il resto del couloir insieme, in perfette condizioni primaverili. Peťo ci ha raccontato "siamo felici che la natura della svanetiana nel suo enorme regno ci abbia permesso di sciare linee così splendide e difficili ..."

Peťo ha concluso: "Secondo le informazioni disponibili (dalle guide alpine georgiane georgiane e russe e dagli sciatori esperti nelle Alpi con cui abbiamo parlato), Ushba non è mai stata sciata prima, nonostante qualche tentativo in passato. Per me la prima discesa del Ushba North è stata la realizzazione di un sogno e la più difficile discesa di sci ripido che abbia mai fatto."

Info: miropeto.sk/blog/strme-snehy-svanetie

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Caucaso 2011: i risultati della seconda spedizione del progetto
23.09.2011
Caucaso 2011: i risultati della seconda spedizione del progetto
Avviata lo scorso 28 luglio, si è conclusa la seconda missione fotografico-scientifica del progetto "Sulle Tracce dei Ghiacciai". Il progetto, ideato e realizzato dal fotografo-alpinista italiano Fabiano Ventura, ha lo scopo di osservare il comportamento dei principali ghiacciai montani del pianeta per comprendere gli effetti dei cambiamenti climatici su questi sensibili indicatori e contribuire così alla tutela del nostro patrimonio ambientale.
Sulle Tracce dei Ghiacciai, seconda spedizione in partenza per il Caucaso
27.07.2011
Sulle Tracce dei Ghiacciai, seconda spedizione in partenza per il Caucaso
Al via la seconda spedizione del progetto "Sulle Tracce dei Ghiacciai" condotta da Fabiano Ventura e l'associazione italiana Macromicro. Dopo il Karakorum, ora tocca al Caucaso.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria