Home page Planetmountain.com
La Scala di Giacobbe di Bernard Amy, Monte Rosa Edizioni
Fotografia di Bernard Amy
Alberto Paleari e Bernard Amy
Fotografia di Bernard Amy

Tra angeli e demoni: Bernard Amy e La Scala di Giacobbe

di

Una breve chiacchierata con l'alpinista e scrittore francese Bernard Amy sul suo ultimo libro La Scala di Giacobbe. Di Simonetta Radice.

"Non sapete dove andrete domani?"
"No."
"Allora siete l’uomo più libero che ci sia."

Un monaco parte per ritirarsi in solitudine nel deserto e scopre il piacere della scalata. Un marinaio di lungo corso si pone domande sull’essenza della libertà e finisce con l’aprire nuove vie sulle Dolomiti. Un alpinista diventa speleologo per cercare l’ultimo luogo ancora scevro da qualsiasi traccia umana. Uno scrittore cerca incessantemente le parole giuste per descrivere le proprie esperienze nelle terre alte. L’ultimo libro di Bernard Amy - “La scala di Giacobbe” edito da MonteRosa edizioni – esplora attraverso una serie di appassionanti racconti gli interrogativi alla base dell’azione di ogni alpinista. Quando la libertà di andar per monti si trasforma in schiavitù? L’alpinismo esisterebbe senza la sua narrazione? Qual è l’essenza dell’avventura? Esistono davvero luoghi non contaminati dall’uomo?

“La frontiera tra libertà e schiavitù è segnata dal desiderio” dice Bernard Amy, che ho incontrato per una breve chiacchierata. “L’uomo passa da uno stato di “servitù volontaria”, in cui la libertà suscita addirittura paura, a uno apparentemente opposto in cui diventa ossessione, e che finisce per farlo prigioniero”. La libertà sembra quindi essere non tanto una conquista, quanto piuttosto un gioco infinito a cui tendere, uno stato sempre agognato e mai raggiunto. È la stessa tensione del monaco che, nel racconto dà il titolo al libro, cerca il dialogo con Dio: alla fine sono i gesti stessi del suo stesso salire a suggerirgli che “per parlare a Dio bisogna tacere e lasciar parlare il proprio corpo. Che cos’è in fondo arrampicare se non “dare realtà al sogno di Giacobbe e salire noi stessi la scala degli angeli”? Ma se Dio è per definizione l’ineffabile, le montagne hanno un lungo rapporto con la parola e con la narrazione. Esisterebbe l’alpinismo senza il suo racconto? “Sarebbe presuntuoso pensare che i primi scrittori di montagna abbiano inventato l’alpinismo” continua Bernard Amy. “Gli esseri umani non hanno certo aspettato il signor De Saussure (che ha inaugurato l’alpinismo storico ndr) per provar sulle cime le emozioni dell’alpinista. E anche prima che esistesse l’alpinismo, gli uomini hanno raccontato la montagna, penso agli eremiti cinesi, e a un bellissimo libro come “Montagna Fredda” di Shan Han.”

Nell’ultimo racconto, “Le Parole per Dirlo”, il protagonista si trova alle prese con quelle che Casarotto chiama “le strettoie del linguaggio”, sempre inadeguate a rendere conto della complessità dell’esperienza vissuta. “Ma questo non capita solo in montagna” aggiunge puntuale Bernard Amy “la comunicazione tra esseri umani è spesso vittima delle strettoie del linguaggio, anche in pianura!”.

È un libro denso quest’ultimo di Amy, eppure, o forse proprio per questo, capace di tenere il lettore incollato alle pagine, con l’illusione di trovare una risposta alle domande che ci assillano. Ma il compito di un buon libro è quello di sollevare le domande giuste. E quando le domande sono giuste, accade che, a volte, la vita stessa risponda.

“Lontano, sopra la terra degli uomini, tracciando lentamente sul pendio il nostro pulito e difficile cammino, siamo arrivati in cima alla montagna nello stesso momento del sole. Intorno a noi, il mondo immenso ci accoglieva. L’ho visto chiaro e trasparente nella sua evidenza. È entrato in me, e non ho più saputo chi, di lui e di me, stava creando l’altro.”

di Simonetta Radice

info: Monterosa edizioni

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
In difesa dell'alpinismo, l'intervento di Bernard Amy al Convegno Nazionale del CAAI
04.02.2014
In difesa dell'alpinismo, l'intervento di Bernard Amy al Convegno Nazionale del CAAI
Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'intervento Bernard Amy del 26 ottobre 2013, in occasione del Convegno annuale del Club Alpino Accademico Italiano, durante il quale l'alpinista e scrittore francese è stato insignito della carica di Socio Onorario del CAAI.
Il mio Everest di T. Howard Somervel
06.08.2016
Il mio Everest di T. Howard Somervel
Il mio Everest di T. Howard Somervell, l'autobiografia e il racconto delle prime epiche spedizioni sulla montagna più alta da parte di uno dei pionieri dell'alpinismo himalayano. Erano gli anni venti dello scorso secolo e T. Howard Somervell, alpinista, chirurgo, pittore e missionario, ci racconta e descrive un mondo che non c'è più. Tradotto per la prima volta in italiano da Monterosa edizioni. La recensione di Simonetta Radice
I 3900 delle Alpi, alla ricerca di montagne e di un alpinismo spesso ignorati
10.05.2016
I 3900 delle Alpi, alla ricerca di montagne e di un alpinismo spesso ignorati
I 3900 delle Alpi: nel nuovo libro di MonteRosa edizioni, Alberto Paleari, Erminio Ferrari e Marco Volken raccontano le cime di... quasi quattromila metri, un mondo di vette bellissime per un alpinismo altrettanto bello e ricco di storie spesso non conosciuto se non ignorato. La recensione di Simonetta Radice.
Simonetta Radice vince il Blogger Contest.2015. Sul podio anche Previtali e Madinelli
12.10.2015
Simonetta Radice vince il Blogger Contest.2015. Sul podio anche Previtali e Madinelli
Simonetta Radice è la vincitrice della quarta edizione del Blogger Contest organizzato da altitudini.it. Al secondo posto di questa sfida fra blogger che scrivono di montagna e alpinismo è Emilio Previtali, al terzo posto Giorgio Madinelli.
Dal Sinai al Kanchenjunga: l'alpinismo in punta di piedi di Nives Meroi e Romano Benet
23.09.2014
Dal Sinai al Kanchenjunga: l'alpinismo in punta di piedi di Nives Meroi e Romano Benet
Prendendo spunto da "Sinai" il libro di Nives Meroi e Vito Mancuso edito da Fabbri, Simonetta Radice in questo incontro con Nives Meroi esplora il senso dell'andare per montagne, della libertà e del "sacro" per la coppia Meroi & Benet.
Le sfide della mobilità sostenibile, dalle città alle Alpi. Di Simonetta Radice
16.09.2013
Le sfide della mobilità sostenibile, dalle città alle Alpi. Di Simonetta Radice
Al via la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile: dalle città alle terre alte alla ricerca di un equilibrio possibile. Di Simonetta Radice
L'hotel della morte lenta: Raymond Lambert tra le Alpi e il Monte Everest
09.09.2014
L'hotel della morte lenta: Raymond Lambert tra le Alpi e il Monte Everest
Un libro e un alpinista poco conosciuto in Italia: da poco uscita la versione italiana di "A l'assaut des quatre mille" di Raymond Lambert (Monterosa Edizioni). La recensione di Simonetta Radice

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria