Home page Planetmountain.com
Marcello Bombardi vince a Chamonix
Fotografia di Sytse van Slooten
Marcello Bombardi verso la sua prima vittoria a Chamonix
Fotografia di Eddie Fowke / IFSC
Marcello Bombardi durante la Coppa del Mondo Lead a Chamonix
Fotografia di Eddie Fowke / IFSC
Podio maschile di Chamonix: 2. Keiichiro Korenaga 1. Marcello Bombardi 3. Yuki Hada
Fotografia di Eddie Fowke / IFSC
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Marcello Bombardi: a Chamonix un sogno diventa realtà

di

Intervista al climber Marcello Bombardi dopo la sua prima vittoria di una tappa della Coppa del Mondo di arrampicata Lead, a Chamonix lo scorso 13 luglio 2017.

Giovedì scorso Marcello Bombardi ce l'ha fatta: ha vinto per la prima volta una tappa della Coppa del Mondo Lead. Due giorni di arrampicata assolutamente perfetta hanno permesso al 23enne non solo di centrare la sua prima finale ma poi anche di salire sul gradino più alto del podio davanti al folto pubblico di Chamonix in Francia.

Marcello complimenti. Scusaci la domanda scontata ma: è un sogno che ti si avvera?
Già solo entrare in finale e scalare giovedì sera davanti al pubblico di Chamonix era un sogno che si avverava. Poi è arrivato il top su una via di finale di Coppa del Mondo che ha aggiunto ancora più emozione anche sapendo che la via era facile, infine la vittoria e l’inno italiano… Ci ho messo un po’ a realizzare quello che era successo.

Parlaci della gara allora. Insomma, già con tantissimi top nelle qualifiche la semifinale dev’essere stata complicata, no?
Sì, le vie di qualifica erano molto facili e dovevi fare due top per essere sicuro di passare il turno. La semifinale invece era più dura già da subito e con qualche sezione molto intensa che ha fatto da filtro facendo cadere anche alcuni dei concorrenti più forti come Sebastian Halenke e Domen Skofic. Io sono riuscito a scalare veloce e deciso, ho azzeccato i giusti metodi per superare quelle sezioni e sono arrivato in alto dove mi ha fermato un ennesimo passo molto duro a centrare un buco.

Poi sei entrato in finale. Per la cronaca, la tua prima nella Coppa del Mondo…
Appena sono caduto in semifinale ho capito dallo speaker che ero in testa alla classifica provvisoria, ero già contento perché significava che alla peggio sarei finito 15° ed era già un buon risultato per me in Coppa del Mondo. Allo stesso tempo sapevo però di essere andato molto bene e quindi speravo di guadagnare altre posizioni. Poi i concorrenti che uscivano dopo di me continuavano a cadere più bassi e ho iniziato a fare il conto alla rovescia e sperare di entrare nei primi 8. Alla fine sono caduti tutti sotto o come me, tranne Stefano Ghisolfi, e mi sono qualificato per la mia prima finale di Coppa del Mondo… È stata una grande emozione sapere che avrei scalato di nuovo il giorno seguente nella piazza principale di Chamonix con ancora più pubblico e show.

Come ti sei sentito in isolamento di uscire? E quando hai finalmente iniziato a salire?
Ero semplicemente entusiasta e gasato per l’atmosfera della situazione. C’era un solo passaggio all’inizio della via che mi preoccupava, non centrare bene la presa a forma di vulcano del lancio iniziale, cosa che poi non si è rivelata così difficile. Per il resto sapevo di stare bene ed essere in forma, non ero agitato o teso, ero concentrato a scalare bene come in semifinale e volevo andare forte! Una volta che ho iniziato a salire sono riuscito a staccare la testa da ogni pensiero e pensare solo alla scalata che per me è la cosa migliore per dare il massimo.

Sotto il top, per prendere la penultima presa, hai fatto un piccolo miracolo…
Per andare alla penultima presa bisognava fare un piccolo dinamico alla tacca montata sopra il volume, non si vedeva bene e quindi non sapevo quanto fosse buona. Una volta in posizione non ho avuto tempo di pensare molto, ero semplicemente esaltato perché ero quasi al top ed ero carico per arrivare in catena. Ho lanciato sperando di avere ancora abbastanza stimolo per riuscire a fermare la tacca e così è stato. Mi è arrivata subito una scarica di adrenalina ed eccitazione che poi ci ha messo un bel po’ a passarmi.

Allora quando hai capito di aver vinto?
Non credevo di vincere fino all’ultimo momento, ero ancora su di giri dalla salita che avevo fatto e già solo sapere che potevo arrivare sul podio mi mandava fuori di testa. L’ultimo concorrente a salire era Stefano Ghisolfi, è veramente in forma quest’anno e sapevo che se non avesse fatto errori avrebbe fatto top anche lui e mi sarebbe stato davanti per il punteggio della semifinale.

Hai anche fatto il tifo per tuo compagno di squadra. È un atteggiamento da vero sportivo e grande amico, ma anche una cosa che sembra bellissima dell’arrampicata…
Sì, speravo molto di vedere Ste chiudere la via e vincere la tappa, io sarei stato già più che contento con un secondo posto. Fare doppietta italiana sul podio di Chamonix sarebbe stato esaltante! Purtroppo ha commesso un errore ed è caduto sull’ultima sezione della via ma la stagione è ancora lunga ed è molto in forma, sono sicuro che avrà modo di rifarsi.

Questo risultato arriva da lontano. Ci racconti un po’ le cose che sono state importante per arrivare a questo traguardo? Quanto conta la preparazione fisica, ma anche quella mentale?
Beh intanto un grande risultato si raccoglie solo con una buona preparazione e grande dedizione. Per me è importante concentrarmi a fondo su un obiettivo se voglio ottenerlo e cercare di curare ogni dettaglio della preparazione. Devo sicuramente ringraziare il mio allenatore Roberto Bagnoli, e se da due anni ad oggi ho fatto un grande salto di qualità non è solo grazie alla mia dedizione ma anche alle sue schede di allenamento e alla precisione con cui ce le prepara. La preparazione fisica è ovviamente la base di ogni prestazione sportiva, le fondamenta, poi ci devi costruire sopra tutto il resto come tecnica, rapidità di salita, capacità di leggere la via, preparazione a gestire mentalmente le situazioni difficili… Penso di essere migliorato molto anche su tutti questi aspetti!

E che ci dici dell’alimentazione e di altri fattori come il recupero, il sonno ecc?
Non seguo una dieta precisa, cerco solo di mangiare sano e bilanciato. Il riposo invece penso che conti molto, da quest’anno ho capito veramente che arrivare riposati alla seduta di allenamento successiva certe volte non vuol dire banalmente che ti stai allenando poco ma che stai lavorando meglio e questo ti permette di trarre più benefici da ogni singolo esercizio. Inoltre a settembre dell’anno scorso ho lasciato gli studi universitari per dedicarmi al 100% alla scalata, cosa che non sarebbe stata possibile senza il supporto del Centro Sportivo Esercito, e questo mi ha permesso di avere più tempo libero per dedicarmi meglio alla preparazione di inizio anno. Un altro fattore importante penso che sia confrontarsi sempre e ascoltare i consigli di altre persone che ti vedono scalare. Spesso possono aiutarti molto a correggere dei dettagli che poi fanno la differenza.

Fai parte della nazionale italiana, che sta vivendo un bel momento. Quanto conta sentirsi parte di un grande gruppo?
Sì, sta crescendo molto il gruppo della nazionale quest’anno, non solo come livello e risultati ma anche come gruppo, organizzazione, supporto di tecnici, raduni, progetti… Conta tanto per gli atleti essere in buona compagnia durante le trasferte ed avere un supporto tecnico durante la gara. I buoni risultati che stiamo avendo quest’anno sono ovviamente frutto anche di tutto il lavoro che c’è dietro noi atleti.

Ultima domanda d’obbligo: Olimpiadi. Cosa ne pensi, cosa speri e come ti stai preparando?
Sono molto contento che l’arrampicata sia entrata nelle Olimpiadi di Tokyo 2020, da atleta sarebbe veramente un sogno partecipare. Riguardo la formula della combinata sono convinto che non deve essere stato facile per l’IFSC decidere dal momento che il CIO ha dato la disponibilità di un solo set di medaglie. Molti atleti del circuito internazionale non sono motivati ad allenarsi nelle discipline che non praticano ma a me piace cambiare stimoli e quindi proverò pian piano ad aumentare il carico di allenamento sulle altre specialità oltre alla lead. Col boulder ho già iniziato da quest’anno facendo molte più gare, prima o poi inizierò anche con la speed. Sarà interessante vedere nei prossimi anni quali atleti riusciranno ad adattarsi meglio e più velocemente alle tre discipline.

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Marcello Bombardi grande vittoria a Chamonix nella World Cup Lead
14.07.2017
Marcello Bombardi grande vittoria a Chamonix nella World Cup Lead
La seconda tappa della Coppa del Mondo di arrampicata Lead 2017 è stata vinta ieri sera a Chamonix da Marcello Bombardi e dalla slovena Janja Garnbret. Stefano Ghisolfi 7°.
Laura Rogora, Matteo Gambaro, Marcello Bombardi, Matteo Menardi, Silvio Reffo… l’inarrestabile arrampicata degli italiani in falesia
24.01.2017
Laura Rogora, Matteo Gambaro, Marcello Bombardi, Matteo Menardi, Silvio Reffo… l’inarrestabile arrampicata degli italiani in falesia
Arrampicata sportiva: le ultime realizzazioni di Laura Rogora (La Gasparata 8c+/9a a Collepardo), Matteo Gambaro (Anchorage 8c+ a Terminal, Val Pennavaire), Marcello Bombardi (Cose preziose 8c+, Il libro in Val di Susa), Matteo Menardi (Child in Time 8c+, il Gladiatore 8c+ e Drumtime 8c+ a Fonzaso) e Silvio Reffo (Thunder Ribes 9a, Massone, Arco)
Romain Desgranges e Anak Verhoeven vincono gli Europei di Campitello di Fassa
01.07.2017
Romain Desgranges e Anak Verhoeven vincono gli Europei di Campitello di Fassa
Campitello di Fassa: Romain Desgranges (Fra) e Anak Verhoeven (Bel) sono i nuovi campioni europei di arrampicata lead. Argento per Adam Ondra (Cze) e Mina Markovic (Slo). Bronzo per Jakob Schubert (Aut) e Jessica Pilz (Aut). Per l'Italia 6° posto di Laura Rogora e 7° di Marcello Bombardi.
Marcello Bombardi e Claudia Ghisolfi vincono la Coppa Italia Lead 2015
23.09.2015
Marcello Bombardi e Claudia Ghisolfi vincono la Coppa Italia Lead 2015
Domenica 20 settembre 2015 Marcello Bombardi e Claudia Ghisolfi si sono aggiudicati la Coppa Italia Lead 2015 nella terza e ultima tappa di Padova. La vittoria di tappa è andata a Stefano Ghisolfi e Jenny Lavarda.
Jenny Lavarda e Marcello Bombardi, Campioni Italiani Lead
06.12.2011
Jenny Lavarda e Marcello Bombardi, Campioni Italiani Lead
Sabato 3 dicembre ad Aprica si è disputato il 27° Campionato Italiano Lead, vinto da Jenny Lavarda e Marcello Bombardi.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria