Home page Planetmountain.com
Alex Megos
Fotografia di Immagine grafica © archive Alberto Tadiello
Alex Megos / David Lama
Fotografia di Photo by © archive Alberto Tadiello
David Lama
Fotografia di Immagine grafica © archive Alberto Tadiello

Coffee Break Interview: Alex Megos / David Lama

di

Il climber tedesco Alexander Megos e l'alpinista austriaco David Lama sono i protagonisti dell'ottavo appuntamento del Coffee Break Interview, il progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.

ALEX MEGOS

Daniela Zangrando: Il passo chiave*.
Alex Megos: Il passo chiave. Molto raramente: facile. Molto spesso: sinistra, destra, sinistra, destra. A volte anche sinistra, sinistra o destra, destra. Sempre: la parte più dura della via o del boulder.

D.Z.: Cosa vuol dire spostare il limite?
A.M.: Il senso di spostare il limite sta nell’essere più forte che puoi, nell’arrampicare al massimo delle tue possibilità e nel trovare la via perfetta o il boulder dove mettere in pratica tutte le tue capacità.

D.Z.: I tuoi limiti, ora.
A.M.: Per ora non ho raggiunto i miei limiti. Posso ancora diventare più forte ed essere un climber migliore.

D.Z.: Se non dovessi più fare il climber, cosa faresti? Hai un piano altro, parallelo?
A.M.: Se da qui in avanti non dovessi più essere un climber (cosa che non succederà perché lo sarò sempre) penso che mi lancerei sulla fotografia. Mi diverte abbastanza scattare foto.

D.Z.: Cosa ti piacerebbe cambiare del mondo dell'arrampicata? Di questo che a tutti gli effetti penso sia il tuo lavoro?
A.M.: Vorrei che i climber si sentissero molto più in colpa quando abusano di tallonaggi e incastri di ginocchia. Vorrei che gli venissero gli incubi quando li utilizzano in combinata. ;-)

D.Z.: Descrivimi il luogo. Quel posto che senti tuo. Dove puoi rifugiarti, pensare, distruggere, gridare.
A.M.: Se potessi costruire uno spazio, probabilmente sarebbe una piccola parete per allenarmi, in una cantina dove posso andare quando voglio stare da solo, dove posso allenarmi se voglio farlo da solo e dove posso essere me stesso anche se sono di cattivo umore. Sfortunatamente non ho ancora una parete del genere.

D.Z.: E per ultima cosa un sogno. Che meriti di essere chiamato tale.
A.M.: Il mio sogno è quello di essere capace ad un certo punto, raggiunto il mio limite, di sentirmi come se avessi scalato le cose più difficili che potevo salire, soddisfatto di quello che ho fatto.


DAVID LAMA

Daniela Zangrando: Il passo chiave.
David Lama: Nell’alpinismo la chiave è essere convinto della tua idea.

D.Z.: Cosa vuol dire spostare il limite?
D.L.: Suppongo che spostare il limite (personale) sia qualcosa di molto umano. Fa parte di noi nel momento in cui ci chiediamo fino a dove possiamo spingerci. Altrimenti, come specie, non saremmo arrivati al punto in cui siamo. D’altro canto, spostare il limite può anche essere pericoloso, perché la linea che separa il successo dal suo andare sempre più lontano si assottiglia mano a mano che ci avviciniamo.

D.Z.: I tuoi limiti, ora.
D.L.: Qualsiasi cosa io tenti, credo di poterla fare. Le cose che non tento, invece, non sono né seducenti né fuori dalla mia portata.

D.Z.: Se non dovessi più fare il climber, cosa faresti? Hai un piano altro, parallelo?
D.L.: Ovviamente ho anche altri interessi, ma un po’ di tempo fa ho preso la decisione di dedicarmi completamente all’arrampicata e all’alpinismo. L’alpinismo è ciò che sento come la mia più grande passione e soprattutto le prime ascensioni mi danno l’opportunità di esprimermi in un modo che non ho trovato possibile in nessun altro ambito della vita.

D.Z.: Cosa ti piacerebbe cambiare del mondo dell'arrampicata? Di questo che a tutti gli effetti penso sia il tuo lavoro?
D.L.: Non sono una persona che sta cercando di dire a qualcuno come dovrebbe fare le cose, ma sto provando ad essere all’altezza delle mie aspettative. Se può essere d’ispirazione agli altri, allora è questo il mio contributo al mondo dell’alpinismo.

D.Z.: Descrivimi il luogo. Quel posto che senti tuo. Dove puoi rifugiarti, pensare, distruggere, gridare.
D.L.: No.

D.Z.: E per ultima cosa un sogno. Che meriti di essere chiamato tale.
D.L.: Scalare il versante Nord Est del Masherbrum con un buon stile. Finora è solo un sogno.

Daniela Zangrando 

>> Tutti gli articoli Coffee Break di Daniela Zangrando

* Il termine “crux” in inglese identifica sia “il passo chiave” in senso alpinistico che “la chiave” vista come punto cruciale, soluzione, elemento nodale della vita quotidiana. Gli intervistati sono stati lasciati liberi di intendere o fraintendere il termine a loro piacimento.

Un ringraziamento a Florian Klinger.

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Coffee Break Interview: Peter Ortner / Silvio Reffo
07.02.2018
Coffee Break Interview: Peter Ortner / Silvio Reffo
L'alpinista austriaco Peter Ortner e il climber vicentino Silvio Reffo sono il focus del settimo appuntamento del Coffee Break Interview, il progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Stefano Ghisolfi / Sasha DiGiulian
31.01.2018
Coffee Break Interview: Stefano Ghisolfi / Sasha DiGiulian
I protagonisti della sesta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando, per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo, sono il climber italiano Stefano Ghisolfi e la climber statunitense Sasha DiGiulian.
Coffee Break Interview: Mélissa Le Nevé / Sergey Shaferov
24.01.2018
Coffee Break Interview: Mélissa Le Nevé / Sergey Shaferov
Quinta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. I protagonisti sono la climber francese Mélissa Le Nevé e il climber bielorusso Sergey Shaferov
Coffee Break Interview: Nicola Tondini / Alessandro Baù
17.01.2018
Coffee Break Interview: Nicola Tondini / Alessandro Baù
Nicola Tondini e Alessandro Baù sono i protagonisti della quarta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Jacopo Larcher / Barbara Zangerl
10.01.2018
Coffee Break Interview: Jacopo Larcher / Barbara Zangerl
L’austriaca Barbara Zangerl ed il sudtirolese Jacopo Larcher sono i protagonisti della terza puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Federica Mingolla / Nina Caprez
20.12.2017
Coffee Break Interview: Federica Mingolla / Nina Caprez
Seconda puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. Le protagoniste di questa settimana sono le climber ed alpiniste Federica Mingolla e Nina Caprez.
Coffee Break Interview: Adam Ondra / Hansjörg Auer
13.12.2017
Coffee Break Interview: Adam Ondra / Hansjörg Auer
Parte Coffee Break Interview di Daniela Zangrando, un progetto per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. In questa prima puntata il climber ceco Adam Ondra e l'alpinista austriaco Hansjörg Auer.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria