Home page Planetmountain.com
Mauro Corona cammina tra i vicoli di Erto e Casso, i piccoli paesi sopra la diga del Vajont
Fotografia di archivio Mauro Corona
Erto durante il massimo invaso del lago del Vajont. Al posto del centro ricostruito c'era una distesa di pascoli.
Fotografia di www.ertoecasso.it
La Diga del Vajont
Fotografia di courtesy www.erto.it

Mauro Corona e il video per andare oltre la tragedia del Vajont

di

Il video inedito di Mauro Corona per ricordare la tragedia del Vajont ma anche per andare oltre quel disastroso 9 ottobre 1963.

"Non fermatevi alla diga del Vajont. Lasciatevi guidare dalla curiosità. Visitate Erto, Casso e i luoghi del Parco Naturale Dolomiti Friulane. Mangiate, vivete, dormite in essi. Abbattete anche voi il muro invisibile che separa la vacanza dall'esplorazione." Mauro Corona




Il Vajont oltre il Vajont. Perché il 9 ottobre non è solo ricordo di morte. A 54 anni dalla tragedia si invita ad andare oltre. Oltre la diga, barriera di cemento che ancora a terra ricordi e pene, oltre la memoria fatta di morte, di vite disperse, di paesi distrutti per guardare all’oggi. Il 9 ottobre, in occasione dell’anniversario del Vajont, nella pagina Facebook di Mauro Corona è stato pubblicato il video, frutto di dieci giorni di riprese.

Lo scrittore ertano suona l’armonica, passeggia tra le sue terre e intanto racconta quello che il Vajont è stato e cos’è oggi il suo paesino. Perchè Erto c’è, è vivo, è rinato grazie all’audacia, al coraggio e alla ribellione di chi pochi giorni dopo il disastro è tornato a occupare le proprie case, a riprendere possesso di quel che restava della propria terra. Oggi il paesino conta circa 300 abitanti, una piccola comunità viva e certa, oggi quanto ieri, che per esistere si debba resistere. Il video vuole raccontare questo. Vuole essere un invito per chi lo guarda a salire in auto, lasciare i parcheggi vicino all’immensa diga e raggiungere Erto e a Casso dove si trovano ristoranti, botteghe, eventi e una natura selvaggia.

Il video sarà poi visibile nel portale ufficiale di Erto e Casso, all’indirizzo www.ertoecasso.it, il portale nato nel 2016 per raccontare la realtà dei due paesini e dare indicazioni concrete su cosa vedere, dove dormire e dove mangiare ai visitatori.

“Il portale, nato nell’estate 2016, funziona bene – spiega Matteo Corona, deus ex machina dell’operazione - Solo nel mese di agosto ha totalizzato più di 1600 visite, un numero enorme per un piccolo paesino come Erto. A riprova di questo picco di interesse, facilitato proprio dall’aver messo a disposizione in un unico indirizzo internet tante informazioni relative al paese e alle sue attività, gli esercenti hanno notato un notevole aumento di clienti nei tre mesi estivi. I post dedicati a Erto, poi, quando vengono postati nella pagina Facebook “Mauro Corona – official” ottengono centinaia di migliaia di visualizzazioni.

Che dire? Pare sia stato centrato l’obiettivo. Il prodotto lo continueremo ad implementare anche per tenere alta l’attenzione degli utenti. Il 9 ottobre, proprio in occasione dell’anniversario del Vajont, verrà pubblicato un contenuto nuovo, inedito e di forte impatto. Servirà a far percepire quello che è stata la tragedia, per chi l’ha vissuta e per le generazioni successive, con occhi diversi.

Il resto sono progetti. L’iniziativa mi ha entusiasmato e ho tutta l’intenzione di estenderla ad altre piccole realtà del Friuli e del Veneto, paesini magari fuori dal grande flusso del turismo di massa ma che non di meno, anzi spesse volte di più, nascondono storie, angoli e bellezze inattesi. Sono convinto di come in montagna non si debba solo resistere ma anche esistere, farsi sentire e farsi ascoltare, proteggere con le unghie e con i denti territori difficili da vivere, vittime dello spopolamento e, a volte, dell’incuria. Il turismo sostenibile, in questa direzione, può fare molto. Quasi tutto, direi”.

Il volo della martora
Una gobba immensa sollevò la luce della luna dalla superficie del lago e la scagliò verso il cielo. Poi il bagliore si spense nel boato di un mare che piombava su Longarone. E in quel momento anche Erto, avviato a diventare una cittadina, sprofondò. E non rinacque mai più.” Da “Il volo della martora” di Mauro Corona

SCHEDA: la falesia Erto

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Diga del Vajont dall'alto, 54 dopo il disastro del Vajont
08.10.2017
Diga del Vajont dall'alto, 54 dopo il disastro del Vajont
Le riprese fatte da un drone realizzate da Alessandro Menafra per ricordare il disastro del Vajont del 9 ottobre 1963.
Mauro Corona, Mauro Bole, Alziro Molin: una giornata alle Tre Cime di Lavaredo
18.07.2017
Mauro Corona, Mauro Bole, Alziro Molin: una giornata alle Tre Cime di Lavaredo
Una giornata di 15 anni fa alle Tre Cime di Lavaredo in Dolomiti con lo scrittore ed alpinista Mauro Corona, con uno dei protagonisti del dry tooling e l'alpinismo agli inizi del 2000 Mauro Bubu Bole e con Alziro Molin, la guida alpina con oltre 90 nuove vie in Dolomiti nonché storico gestore del Campeggio e Ristorante Alla Baita di Misurina. L'articolo è apparso per la prima volta sulla rivista ALPwall nell'ottobre del 2002.
Via ferrata del Vajont, la nuova via ferrata della Memoria sopra Longarone
09.10.2015
Via ferrata del Vajont, la nuova via ferrata della Memoria sopra Longarone
Il 2 ottobre 2015 a Longarone (BL) è stata inaugurata la Ferrata della Memoria, la nuova via ferrata sopra la Gola del Vajont. Un modo, attraverso lo sport, per ricordare il disastro del Vajont del 9 ottobre 1963, come spiegano le Guide Alpine Cortina che hanno costruito il nuovo percorso.
Via ferrata del Vajont, l'idea originale di Fabio Bristot
13.10.2015
Via ferrata del Vajont, l'idea originale di Fabio Bristot
Fabio Bristot, delegato del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), racconta le motivazioni dalle quali è nata la via ferrata della Memoria, la nuova via ferrata che vuole ricordare le 1910 vittime del disastro del Vajont del 9 ottobre 1963.
Vajont 2.0: Il cinquantesimo anniversario visto dalla rete
10.10.2013
Vajont 2.0: Il cinquantesimo anniversario visto dalla rete
Sono passati 50 anni da quel 9 ottobre 1963 quando il Monte Toc franò nel lago provocando un’onda che trascinò a valle tutto ciò che trovava. Il disastro del Vajont non si è mai risolto, lo si comprende in questo 50° anniversario. Lo si capisce anche navigando e ascoltando le voci della Rete, come ha fatto Simonetta Radice.
Erto No Big
03.03.2010
Erto No Big
A pochi passi dai celebre strapiombi di Erto, grazie soprattutto a Mauro Corona, è nato anni fa la falesia Erto No Big. Con quasi 100 vie, aggiornate con questo articolo, questa è diventata una delle più facili e frequentate nella zona di Belluno.
Sandro Neri: 10 anni di Emicrania
04.12.2009
Sandro Neri: 10 anni di Emicrania
Dopo dieci anni di tentativi il bellunese Sandro Neri è riuscito a salire Emirania 8b nella falesia di Ceresera (Belluno).
La grande linea dei sogni di Luca Zardini
10.06.2009
La grande linea dei sogni di Luca Zardini
Il 31 maggio Luca Zardini ha realizzato la prima ripetizione di La grande linea dei sogni 8c+/9a, la difficile via liberata da Adam Ondra lo scorso aprile ad Erto. Con questa realizzazione il climber cortinese centra il gran poker di vie top della falesia.
'La linea dei Sogni' di Erto per Luca Zardini
01.04.2009
'La linea dei Sogni' di Erto per Luca Zardini
Il 14/03 Luca Zardini ha liberato “La linea dei Sogni” (8c+) allungamento della mitica “Sogni di Gloria” nella falesia di Erto (Pordenone).
14.12.2000
'The Big Mother' (Erto), per Cristian Brenna
Cristian Brenna ripete 'The Big Mother', la difficile e bella via liberata da Luca Zardini la scorsa estate nella falesia di Erto (PN).
04.08.2000
Luca Zardini "Canon" libera "The Big Mother" ad Erto
Luca Zardini libera il tiro più difficile di Erto e, molto probabilmente, d'Italia: "The Big Mother" 8c+/9a, ma si attende una ripetizione per "scomodare" il primo 9a pieno italiano.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria