Home page Planetmountain.com
L'alpinista sud tirolese Christoph Hainz, qui in apertura sulla Cima Ovest di Lavaredo in Dolomiti, parlerà venerdì 2 giugno 2017 al Caffé Trentino di Arco del suo modo di interpretare l'alpinismo e le montagne
Fotografia di arch Hainz
Christoph Hainz apre 'Golden Pillar of Ortler' sull'Ortles
Fotografia di ServusTV / Goeberl
Christoph Hainz durante la trilogia invernale sulle Tre Cime di Lavaredo il 23/12/2016, effettuata insieme a Simon Kehrer
Fotografia di Christoph Hainz, Simon Kehrer
Christoph Hainz durante la prima salita di 'Traverso al Cielo', Sas de Putia, Dolomiti (7b, 280m, Christoph Hainz, Simon Kehrer 11/2015)
Fotografia di Simon Kehrer, Christoph Hainz
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Christoph Hainz, L'uomo delle Tre Cime: la serata ad Arco

di

Venerdì 2 giugno 2017 alle 21:00 al Caffé Trentino di Arco (TN) è in programma la serata con Christoph Hainz, uno degli alpinisti e degli arrampicatori più forti e completi degli ultimi 20 anni nelle Dolomiti e non solo. Conduce la serata Vinicio Stefanello editor di PlanetMountain.com



Ci sono appuntamenti che non bisogna mancare. Uno di questi è senz'altro la serata con Christoph Hainz in programma alle 21:00 di venerdì 2 giugno al Caffé Trentino di Arco. Si tratta della prima di un tour italiano organizzato da Salewa – di cui Hainz è da sempre riferimento ed amico - che vedrà il fortissimo alpinista sudtirolese presentare il suo modo di interpretare l'alpinismo, l'arrampicata e la montagna.

Evento nell'evento sarà la proiezione di "Christoph Hainz - L’uomo delle Tre Cime". Un film spettacolare ma anche molto intenso che unisce la sua bellissima ed emozionante salita solitaria della Nord della Cima Grande di Lavaredo ad una parte più intima e personale in cui Hainz racconta se stesso e viene anche raccontato da chi gli è più vicino. Ne esce la figura di un uomo che, partendo dalle "sue" amate Tre Cime di Lavaredo e dalle Dolomiti, come pochi altri ha saputo interpretare l'alpinismo, in maniera molto personale e sempre ad altissimo livello, su tutti i terreni e in tutte le sue forme. Un'esperienza unica e straordinaria quella di Hainz e un viaggio nell'alpinismo che vale la pena conoscere.

Christoph Hainz
Christoph Hainz è un autentico maestro dell'arrampicata e dell'alpinismo che cerca la difficoltà e la bellezza su tutti i terreni: dalle grandi pareti alle difficili vie di arrampicata sportiva, dal ghiaccio alle grandi montagne del mondo. Hainz insomma appartiene a quella stirpe d'uomini che sembrano essere nati per la montagna e l'alpinismo. Non a caso viene da una terra, l'Alto Adige, che ha regalato all'alpinismo alcuni tra i nomi più importanti della sua storia.

Nato nel 1962 a Selva dei Molini, guida alpina dal 1990, Christoph Hainz ha legato il suo nome ad alcune delle più belle salite degli ultimi vent'anni, nelle Dolomiti ma anche nelle montagne di tutto il mondo. Semplicemente fortissimo, è l'aggettivo che normalmente gli dedicano gli alpinisti e i climber. Mentre il giudizio di "bellissime", accompagnato sempre da un "molto impegnative", è il commento che immancabilmente viene riservato alle sue vie. Ma forse è ancora più importante sottolineare la passione, la forza e il coinvolgimento assolutamente eccezionali con cui Christoph Hainz si dedica alla montagna e alla scalata in tutte le sue forme. Una passione e un impegno che non prescinde mai dalla felicità che gli dà lo stare in montagna. Eppure la sua storia con le pareti è cominciata solo a vent'anni. "Forse" spiega Hainz "è perché le montagne erano parte integrante della mia vita di tutti i giorni". Hainz, infatti, aveva imparato a conoscerne i segreti in quel maso a 1500m in cui era cresciuto. E ne aveva assaporato gli orizzonti e la bellezza nel modo più semplice: vivendole giorno dopo giorno. Poi però, a vent'anni, arriva la scoperta della parete. Un incontro fatale visto che otto anni dopo, nel 1990, Hainz lascia il suo lavoro di meccanico d'auto per la professione di guida alpina.

Una scelta di vita per l'alpinismo e la montagna che dà subito i suoi frutti, naturalmente con nuove vie, soprattutto nelle Dolomiti. La primissima, nel 1987, è quella del Pilastro "Walde" sul Mur des Pisciadu nel Gruppo del Sella. Seguita poi da moltissime altre, tutte da 5 stelle. Tra queste meritano un posto speciale "L'apprendista stregone" sulla Cima Scotoni, la "Via in memoria di Friedl Mutschlechner" al Sass dla Crusc, "Moulin Rouge" alla Roda di Vael. E poi, sulla Civetta, "Kein Rest von Sehnsucht" alla Punta Tissi, "Rondò Veneziano" alla Torre Venezia e "Donnafugata" alla Torre Trieste. Da sottolineare, come assolutamente imperdibile, anche il suo trittico di nuove vie sulle pareti nord delle Tre Cime di Lavaredo. Le pareti dove Hainz è di casa e dove ha dettato lo standard di difficoltà con le celeberrime e severe "Phantom der Zinne" sulla Cima Grande, "Alpenliebe" sulla Cima Ovest e "Otzi trifft Yeti" sulla Cima Piccola. Come non si può scordare che Hainz, oltre che sulle Dolomiti, ha lasciato il suo segno anche su una delle più belle montagne del mondo: lo Shivling. Dove, nel 1993, con Hans Kammerlander, ha aperto una difficile via diretta sul Pilastro Nord. Ripetendosi poi, nel 1996, con "Südtiroler Profil" la difficile via aperta sulla grandiosa parete dello Ulumertorsuaq in Groenlandia.

Vanno ricordate anche le sue velocissime solitarie sulla via Franco/Argentina al Fitz Roy, ma anche la solitaria invernale sulla "Superdirettissima" della Cima Grande di Lavaredo. E, ancora, la salita super veloce della via Heckmair sulla Nord dell'Eiger. Era il 2003 ed Hainz salì quei 1800 metri in 4 ore e mezza. Un tempo che stupì tutti, ma Hainz non sembrò dargli peso più di tanto: "Non volevo fare un record" disse "volevo solo salire l'Eiger...". Cosa che rifece ancora. Questa volta però inventando, insieme a Roger Schäli, nel 2007, il suo "Magic Mushroom": la nuova via che sale l'incredibile fungo di roccia della parete nord dell'Eiger. Ma ovviamente non bastava. Hainz non si è mai fermato. Ha continuato ad aprire nuove vie, come quella in solitaria sul Golden Pilar dell'Ortler. Ma anche a "divertirsi" con le sue velocissime salite come quella Favola d'inverno che sulle Tre Cime di Lavaredo gli ha permesso, insieme a Simon Kehrer, di salire in successione e a tempo di record la "Comici-Dimai" sulla Cima Grande, la "Cassin" sulla Cima Ovest e lo "Spigolo Giallo" sulla Cima Piccola. Perché il viaggio e la magia dell'alpinismo per Cristoph Hainz non finiscono mai.


di Vinicio Stefanello

Info: hainzintour.salewa.com

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Favola d'inverno, trilogia d'alpinismo sulle Tre Cime di Lavaredo per Christoph Hainz e Simon Kehrer
28.12.2016
Favola d'inverno, trilogia d'alpinismo sulle Tre Cime di Lavaredo per Christoph Hainz e Simon Kehrer
Il 23 dicembre 2016 sulle Tre Cime di Lavaredo Simon Kehrer e Christoph Hainz con un bellissimo grande tour invernale hanno salito in successione la Via Comici-Dimai sulla Cima Grande (in 2 ore e 30’), la Via Cassin sulla Cima Ovest (in 3 ore e 25’), e lo Spigolo Giallo sulla Cima Piccola (in 1 ora e 28’). I due alpinisti sud tirolesi erano partiti in bicicletta dal Lago d'Antorno alle ore 7:00 e vi hanno fatto ritorno (sempre in bicicletta) alle 20:00. L’intero giro è durato 13 ore mentre il tempo speso complessivo per la salita delle 3 vie è stato di 7 ore e 30’. Il report di Simon Kehrer.
Christoph Hainz sull'Ortles apre Golden Pillar of Ortler
03.11.2016
Christoph Hainz sull'Ortles apre Golden Pillar of Ortler
Il 29/08/2016 sul pilastro sudovest dell’ Ortlers, con i suoi 3905m la montagna più alta del Südtirolo, la guida alpina Christoph Hainz ha aperto in solitaria e a-vista la nuova via alpinistica ‘Golden Pillar of Ortler' (max VI+, 750m).
Christoph Hainz ripropone La maledizione dei camini al Sass dai Tamersc
09.05.2017
Christoph Hainz ripropone La maledizione dei camini al Sass dai Tamersc
Al Sass dai Tamersc in Dolomiti Christoph Hainz ha sistemato La maledizione dei camini (VII-, 390m). Secondo la guida alpina altoatesina questa via d’arrampicata ha 'il potenziale per diventare una bella classica.'
San Vito lo Capo arrampicata: Christoph Hainz e Andrea De Martin Polo aprono November Sun
08.02.2017
San Vito lo Capo arrampicata: Christoph Hainz e Andrea De Martin Polo aprono November Sun
A novembre 2016 Christoph Hainz e Andrea De Martin Polo hanno aperto 'November Sun' (7b, obbl 7a, 270m), una nuova via di più tiri sul Monte Monaco, San Vito lo Capo, Sicilia.
Traverso al Cielo, nuova via sul Sas de Putia in Dolomiti per Simon Kehrer e Christoph Hainz
25.05.2016
Traverso al Cielo, nuova via sul Sas de Putia in Dolomiti per Simon Kehrer e Christoph Hainz
Nell’autunno 2015 le due guide alpine Simon Kehrer e Christoph Hainz hanno aperto Traverso al Cielo, una nuova via d’arrampicata sulla parete sud del Sas de Putia, Dolomiti. Il report di Simon Kehrer
Gratta e Vinci, nuova via in Dolomiti per Hainz e Kehrer
31.05.2012
Gratta e Vinci, nuova via in Dolomiti per Hainz e Kehrer
Il 14/05/2012 Christoph Hainz e Simon Kehrer hanno liberato Gratta e Vinci (7b, 420m), una nuova via di arrampicata aperta da loro nel 2011 sulla parete SO del Sas dai Tamersc, Fanis, Dolomiti
Pressknödl, nuova via sulla Ovest di Lavaredo per Christoph Hainz e Kurt Astner
10.08.2010
Pressknödl, nuova via sulla Ovest di Lavaredo per Christoph Hainz e Kurt Astner
A luglio gli altoatesini Kurt Astner e Christoph Hainz hanno liberato Pressknödl (400m, 7c) sulla Cima Ovest di Lavaredo, Dolomiti.
Christoph Hainz, 4 ore e mezza per la Nord dell'Eiger
24.04.2003
Christoph Hainz, 4 ore e mezza per la Nord dell'Eiger
Christoph Hainz racconta la sua velocissima ripetizione solitaria da record, ma soprattutto ci parla dell'Eiger.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria