Home page Planetmountain.com
Rock Master Duello 2017: Julia Chanourdie
Fotografia di Klaus Dell'Orto
Rock Master Duello 2017: Adam Ondra
Fotografia di Klaus Dell'Orto
Coppa del Mondo Speed 2017 di Arco: Vladislav Devlin
Fotografia di Klaus Dell'Orto
KO Boulder: Gabriele Moroni
Fotografia di Klaus Dell'Orto

Adam Ondra e Julia Chanourdie vincono il Rock Master ad Arco

di

Il 31° Trofeo Rock Master di Arco è stato vinto con la formula del Duello sabato 26 agosto da Adam Ondra e Julia Chanourdie. La quarta tappa della Coppa del Mondo Lead invece è stata vinta da Jakob Schubert e da Jain Kim, mentre la Coppa del Mondo Speed è stata vinta da Vladislav Deulin e Anouck Jaubert. Marcello Bombardi è secondo nel Rock Master Duel. Gabriele Moroni è 2° nel Boulder. Ludovico Fossali è 3° nella Speed.

Detto della serata di Arco Rock Legends 2017 con Mike Kosterlitz, Janja Garnbret e Margo Hayes proclamati vincitori, il Rock Master ha ovviamente anche ospitato la grande arrampicata di gara con la quarta tappa della Coppa del Mondo Lead e Speed. 72 atlete e 85 atleti hanno partecipato nella Lead dove, dopo cinque anni di assenza, si è presentato a sorpresa anche Alexander Megos. Il super climber tedesco ha macinato prese come nessun altro, dominando nettamente sia la qualificazione sia la semifinale e l’attesa per il 24enne in finale era altissima. Uscito come ultimo però Megos è caduto praticamente subito finendo ultimo della finale, vinta dal grandissimo austriaco Jakob Schubert a cui è scaduto il tempo dopo sei minuti mentre era ancora sulla via. Adam Ondra si è piazzato secondo davanti all’austriaco Max Rudigier, per la prima volta sul podio in una Coppa del Mondo Lead. Ondra e Rudigier erano caduti dalla stessa presa e come da regolamento sono stati spareggiati in base al risultato della semifinale. I migliori degli italiani sono stati Marcello Bombardi con il 9° posto (primo degli esclusi quindi dalla finale), seguito da Francesco Vettorata (16°) e Stefano Ghisolfi (18°).

Anche in gara femminile il cronometro ha giocato la sua parte: arrampicando molto lentamente la coreana Jain Kim è stata fermata dai giudici dopo sei minuti alla 38° presa, la stessa dove pochi minuti prima era caduta la svizzera Anne-Sophie Koller che, in base al risultato inferiore della semifinale, si è aggiudicata quindi la sua prima medaglia d’argento. La medaglia di bronzo è andata alla slovena Janja Garnbret, caduta dalla 32° presa come la francese Julia Chanourdie e la statunitense Ashima Shiraishi; le tre sono state spareggiate dal risultato del round precedente. Laura Rogora è stata la migliore tra le azzurre chiudendo al 10° posto davanti a Claudia Ghisolfi (19°).

Duello
È stato il Duello ad assegnare il trofeo Rock Master e per il terzo anno consecutivo, e per la quarta volta in assoluto, il più veloce di questa spettacolare disciplina è stato Adam Ondra che è sceso sotto il minuto - per l’esattezza 58’’53’ il suo tempo - per battere il sempre più in forma Marcello Bombardi. Jakob Schubert si è piazzato terzo, battendo nella piccola finale il giapponese Keiichiro Korenaga. Nella gara femminile Julia Chanourdie si è aggiudicata il suo primo Rock Master battendo Janja Garnbret. Lo sprint per il terzo posto è stato vinto dall’inglese Molly Thompson Smith che ha battuto la belga Anak Verhoeven.

Boulder
Quest’anno il KO Boulder aveva una starting list davvero impressionante, indubbiamente c’erano i migliori al mondo di questa disciplina. Reduce da diversi infortuni la statunitense Alex Puccio ha celebrato alla grande il suo ritorno chiudendo tutti e quattro i blocchi al primo tentativo. La serba Stasa Gejo si è piazzata seconda davanti alla slovena Katja Kadic. Nella gara maschile è stato necessaria una superfinale per spareggiare il vincitore della Coppa del Mondo 2017 e 2015 Jongwon Chon ed il fortissimo azzurro Gabriele Moroni. Alla fine il sud coreano ha avuto il meglio sul novarese, mentre il russo Aleksej Rubtsov si è piazzato terzo. Fuori dal podio quindi Jan Hojer, Jernej Kruder, Michael Piccolruaz, Keita Watabe, e Giorgia Tesio, Aya Onoe e Anna Stöhr.

Speed
La quarta tappa della Coppa del Mondo Speed è stata vinta dal russo Vladislav Devlin, ai danni dell’iraniano Reza Alipourshenazandifar che è caduto in finale. Il modenese Ludovico Fossali è salito sul terzo gradino del podio dopo aver battuto nella piccola finale l’ucraino Danyil Boldyrev. Nella categoria femminile la russa Iulia Kaplina ha regalato con la sua falsa partenza la vittoria alla francese Anouck Jaubert, mentre nella piccola finale una caduta è costata cara alla polacca Anna Brozek, che ha dovuto cedere il terzo posto alla russa Anna Tsyganova.

Rock Junior
Come da tradizione Arco ha anche ospitato centinaia e centinaia di giovani climbers che in due giorni - giovedì e domenica - hanno dimostrato che grande capacità atletica può sposarsi tranquillamente con puro divertimento. Per tutte le classifiche visitate www.rockmasterfestival.com

COPPA DEL MONDO LEAD
MASCHILE
1 Jakob Schubert AUT 39
2 Adam Ondra CZE 38+
3 Max Rudigier AUT 38+
4 Yoshiyuki Ogata JPN 34+
5 Keiichiro Korenaga JPN 33+
6 Thomas Joannes FRA 26+
7 Hannes Puman SWE 26
8 Alexander Megos GER 11+

9 Marcello Bombardi ITA
10 Romain Desgranges FRA
11 Masahiro Higuchi JPN
12 Elan Jonasmcrae CAN
13 James Pope GBR
14 Ramón Julian Puigblanque ESP
15 Hanwool Kim KOR
16 Sean Bailey USA
16 Francesco Vettorata ITA
18 Stefano Ghisolfi ITA
19 Christoph Hanke GER
20 Martin Tekles GER
21 Domen Skofic SLO
22 Sebastian Halenke GER
23 Yuki Hada JPN
24 Fedir Samoilov UKR
25 Shinichiro Nomura JPN
26 Naoki Shimatani JPN
27 Hiroto Shimizu JPN
28 William Bosi GBR
29 Loïc Timmermans BEL
30 Yuval Shemla ISR
31 Tomas Ravanal CHI
32 Alberto Gotta ITA
33 Javier Cano Blazquez ESP
34 Lucas Uchida CAN
35 David Firnenburg GER
36 Campbell Harrison AUS
36 Alex Khazanov ISR
38 Mario Lechner AUT
39 Rustam Gelmanov RUS
40 Simon Lorenzi BEL
41 David Barrans GBR
42 Noah Ridge USA
43 Takuma Numajiri JPN
44 Jan Hojer GER
45 Cesar Grosso BRA
46 Georg Parma AUT
47 Bobby Taft Pittman USA
48 Matthias Schiestl AUT
49 Felipe Ho Foganholo BRA
50 Jernej Kruder SLO
51 Sébastien Berthe BEL
52 Sungbo Seo KOR
52 Ka-chun Yau HKG
54 Lorenzo Carasio ITA
55 Jonatan Flor Vazquez ESP
56 Milan Preskar SLO
57 Benjamin Hanna USA
58 Khosro Hashemzadeh IRI
59 David Oberprantach. ITA
60 Shane Messer USA
61 Josh Levin USA
62 Martin Bergant SLO
63 Galo Hernandez ECU
63 Alessandro Zeni ITA
65 Alex Fricker CAN
66 Chi-fung Au HKG
66 Benjamin Ayala CHI
68 Carlos Granja ECU
69 Giorgio Bendazzoli ITA
70 Ram Levin ISR
70 Kyle Murdoch CAN
72 Edwin Crucerira ECU
73 Jean Ouriques BRA
74 Santiago Schmidt ARG
75 Aidan Doyle CAN
76 Max Hammer USA
77 Oscar Rivadeneira ECU
78 Tsun-ting Ip HKG
79 Katleho Pobe RSA
80 Ivan Filipiuk UKR
81 Hei-yeung Lam HKG
82 Dherek Rengifo ECU
83 Bryam Moreno ECU
84 Santiago Christensen ARG
85 Gustavo Gabriel Munne Suarez ARG

FEMMINILE
1 Jain Kim KOR 38
2 Anne-Sophie Koller SUI 38
3 Janja Garnbret SLO 32+
4 Julia Chanourdie FRA 32+
5 Ashima Shiraishi USA 32+
6 Anak Verhoeven BEL 31+
7 Jessica Pilz AUT 31+
8 Molly Thompson-Smith GBR 20+

9 Tina Johnsen Hafsaas NOR
10 Margo Hayes USA
11 Laura Rogora ITA
12 Salomé Romain FRA
13 Katherine Choong SUI
14 Risa Ota JPN
15 Ekaterina Kipriianova RUS
16 Claire Buhrfeind USA
17 Kyra Condie USA
18 Mathilde Becerra FRA
19 Hannah Schubert AUT
20 Claudia Ghisolfi ITA
21 Mina Markovic SLO
22 Ievgeniia Kazbekova UKR
23 Brooke Raboutou USA
24 Delaney Miller USA
25 Hélène Janicot FRA
26 Moe Yoshimura JPN
27 Iva Vejmolova CZE
28 Julia Fiser AUT
28 Sol Sa KOR
30 Mia Krampl SLO
31 Dinara Fakhritdinova RUS
32 Nolwenn Arc FRA
33 Hannah Slaney GBR
34 Tjasa Kalan SLO
35 Muriel Ruíz Larramendi Arangoa ESP
36 Jiwon Bae KOR
37 Tjasa Slemensek SLO
38 Netta Fredman ISR
39 Magdalena Röck AUT
40 Valentina Aguado ARG
41 Jenny Lavarda ITA
42 Homare Toda JPN
43 Seunghyun Kim KOR
44 Meagan Martin USA
45 MORIWAKI Honoka JPN
46 Anna Tsyganova RUS
47 Minseon Kim KOR
48 Natalia Grossman USA
49 Carroll Chauncey USA
50 Kitty Morrison GBR
51 Jennifer Wood GBR
52 Bronwen Karnis CAN
53 Alejandra Contreras CHI
54 Rut Casas Mur ESP
55 Jana Messner ITA
56 Katrin Amann SWE
56 Irina Kuzmenko RUS
58 Pia Graham CAN
59 Monika Prokopiuk POL
59 Marisa Romero USA
61 Andrea Rojas ECU
62 Lucinda Ann Stirling AUS
63 Dana Monteith CAN
64 Emily Gonzalez ECU
65 Chloe Earle CAN
66 Alisson Vizuete ECU
67 Wai-ping Yu HKG
68 Victoria Gimenez ARG
69 heeyeon Park KOR
70 Anastasiia Fesenko UKR
71 Suet-ying Lam HKG
72 Mckenzie

COPPA DEL MONDO SPEED
MASCHILE
1 Vladislav Deulin RUS 5.83
2 Reza Alipourshena. IRI fall
3 Ludovico Fossali ITA 10.00
4 Danyil Boldyrev UKR false start

5 Gian Luca Zodda ITA
6 Leonardo Gontero ITA
7 Alessandro Santoni ITA
8 Libor Hroza CZE
9 Stanislav Kokorin RUS
10 Guillaume Moro FRA
11 Arsenii Bogomolov RUS
12 Carlos Granja ECU
13 Aleksandr Shikov RUS
14 Marcin Dzienski POL
15 QiXin Zhong CHN
16 Dmitrii Timofeev RUS
17 Michael Finn-Henry USA
18 Rafal Halasa POL
18 Stanislao Zama ITA
20 Cristian Dorigatti ITA
21 Jan Kriz CZE
22 Noah Bratschi USA
23 Merritt Ernsberger USA
24 Lukas Knapp AUT
24 Juan Martin Peña ECU
26 Luke Rodley USA
27 Gabriele Randi ITA
28 Max Hammer USA
29 Matthias Erber AUT
30 Chi-fung Au HKG
31 David Piccolruaz ITA
32 Jordan Romig USA
33 Georgy Artamonov RUS
34 Galo Hernandez ECU
35 Leonardo Sandrin ITA
36 David Firnenburg GER
37 Oscar Rivadeneira ECU
38 Ivan Filipiuk UKR
39 Dmytro Lysenko UKR
40 Javier Cano Blazquez ESP
41 Isaac Estevez ECU
42 Alessandro Cingari ITA
43 Bryam Moreno ECU
44 Ka-chun Yau HKG
45 Hei-yeung Lam HKG
46 Jonatan Flor Vazquez ESP
47 Gustavo Gabriel Suarez Munne ARG
48 Santiago Christensen ARG
48 Filip Schenk ITA
48 Nicholas Strong USA

FEMMINILE
1 Anouck Jaubert FRA 8.11
2 Iuliia Kaplina RUS false start
3 Anna Tsyganova RUS 7.91
4 Anna Brozek POL fall

5 Aurelia Sarisson FRA
6 Andrea Rojas ECU
7 Edyta Ropek POL
8 Elena Timofeeva RUS
9 Klaudia Buczek POL
10 Alla Marenych UKR
11 Farnaz Esmaeilzadeh IRI
12 Mariia Krasavina RUS
13 Silvia Porta ITA
14 Patrycja Chudziak POL
15 Elisabetta Dalla Brida ITA
16 Victoire Andrier FRA
17 Elma Fleuret FRA
18 Nina Lach AUT
19 Anastasiia Golikova RUS
20 Martina Zanetti ITA
21 Alexandra Elmer AUT
22 Giorgia Randi ITA
23 Claire Buhrfeind USA
24 Francesca Vasi ITA
25 Sara Morandini ITA
26 Natalia Wos POL
27 Kyra Condie USA
28 Monika Prokopiuk POL
29 Anastasiya Zaichenko UKR
30 Alessandra Zanetti ITA
31 Brooke Raboutou USA
32 Kobra Lakzaiifar IRI
33 Giulia Medici ITA
34 Natalia Grossman USA
35 Grace Digiorgio USA
36 Ashima Shiraishi USA
37 Emily Gonzalez ECU
38 Giorgia Tesio ITA
39 Rut Casas Mur ESP
40 Alisson Vizuete ECU
41 Valentina Aguado ARG
42 Victoria Gimenez ARG
43 Alejandra Contreras CHI
43 Marisa Romero USA
43 Muriel Ruíz De Larramendi Arangoa ESP

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Arco Rock Legends: Mike Kosterlitz, Margo Hayes e Janja Garnbret le leggende 2017
26.08.2017
Arco Rock Legends: Mike Kosterlitz, Margo Hayes e Janja Garnbret le leggende 2017
Venerdì 25/08/2017 è stata celebrata la12esima edizione di Arco Rock Legends. Al climber scozzese e Premio Nobel per la Fisica 2016 Mike Kosterlitz è stato consegnato il Climbing Ambassador by Dryarn® di Aquafil. Alla statunitense Margo Hayes è andato il Wild Country Rock Award, mentre la slovena Janja Garnbret ha ricevuto il La Sportiva Competition Award. Gli altri candidati erano Adam Ondra, Stefano Ghisolfi, Domen Škofic e Shauna Coxsey.
Mike Kosterlitz è arrivato ad Arco per il Climbing Ambassador
23.08.2017
Mike Kosterlitz è arrivato ad Arco per il Climbing Ambassador
Venerdì 25 agosto ad Arco, Mike Kosterlitz sarà l’ospite d’onore della 12° edizione degli Arco Rock Legends, gli Oscar dell’arrampicata sportiva. Al climber e Premio Nobel per la Fisica 2016 sarà consegnato il Climbing Ambassador by Dryarn® di Aquafil. I candidati del Wild Country Rock Award sono Stefano Ghisolfi (Ita), Margo Hayes (USA) e Adam Ondra (Cze), mentre Shauna Coxsey (GB), Janja Garnbret (Slo) e Domen Škofič (Slo) sono stati nominati per il La Sportiva Competition Award.
Arco Rock Legends 2017: decise le 6 nominations per gli Oscar dell'arrampicata sportiva
08.08.2017
Arco Rock Legends 2017: decise le 6 nominations per gli Oscar dell'arrampicata sportiva
Venerdì 25 agosto 2017 tornano gli Oscar dell’arrampicata sportiva con la dodicesima edizione di Arco Rock Legends durante la 31 edizione del Rock Master. I candidati del Wild Country Rock Award sono Stefano Ghisolfi (Ita), Margo Hayes (USA) e Adam Ondra (Cze), mentre per il La Sportiva Competition Award sono stati nominati Shauna Coxsey (GB), Janja Garnbret (Slo) e Domen Škofič (Slo). Il prestigioso Dryarn Climbing Ambassador sarà consegnato al climber e Premio Nobel per la Fisica Mike Kosterlitz.
A Mike Kosterlitz, Nobel per la Fisica 2016, il Climbing Ambassador degli Oscar dell’arrampicata di Arco
27.06.2017
A Mike Kosterlitz, Nobel per la Fisica 2016, il Climbing Ambassador degli Oscar dell’arrampicata di Arco
Il 25 agosto 2017 ad Arco (Trentino, Italia) Mike Kosterlitz, Premio Nobel per la Fisica 2016 e leggenda del mondo dell'arrampicata, sarà premiato con il Climbing Ambassador by Dryarn® di Aquafil.
Mike Kosterlitz, Nobel per la fisica
06.10.2016
Mike Kosterlitz, Nobel per la fisica
A Mike Kosterlitz è stato assegnato il premio Nobel per la fisica. Lo scozzese, oltre che per suo genio applicato alla scienza, ha brillato anche come arrampicatore e alpinista lasciando segni indimenticabili soprattutto in Valle dell'Orco, come la celeberrima Fessura Kosterlitz che porta il suo nome. L'articolo di Giovanni Battimelli.
Mike Kosterlitz e il Nuovo mattino gli anni favolosi dell'arrampicata raccontati da Ugo Manera
09.08.2017
Mike Kosterlitz e il Nuovo mattino gli anni favolosi dell'arrampicata raccontati da Ugo Manera
Ugo Manera racconta l'incontro con Mike Kosterlitz e quanto il fortissimo climber scozzese - futuro premio Nobel per la Fisica 2016 a cui il 25 agosto prossimo sarà consegnato il Climbing Ambassador ad Arco - influì nei primi anni '70 non solo sull'arrampicata in Valle dell'Orco ma anche su Gian Piero Motti e Gian Carlo Grassi protagonisti di quello che poi verrà conosciuto come il Nuovo mattino.
Mike Kosterlitz e ciò che ha lasciato agli arrampicatori
02.08.2017
Mike Kosterlitz e ciò che ha lasciato agli arrampicatori
La concretezza umana e contagiosa di Mike Kosterlitz, la sua arrampicata e l'eredità lasciata a tutti i climber raccontata da Giovanni Massari. In attesa degli Arco Rock Legends che, venerdì 25 agosto 2017, vedranno il Premio Nobel per la Fisica 2016 ricevere il Climbing Ambassador ad Arco, continuiamo a pubblicare testimonianze sull'importanza della sua intensa esperienza come climber in Italia agli inizi degli anni '70.
I figli della Fessura Kosterlitz: il mito dell'arrampicata in fessura della Valle dell’Orco
26.07.2017
I figli della Fessura Kosterlitz: il mito dell'arrampicata in fessura della Valle dell’Orco
Un mito, un desiderio destinato a rimanere chimera per buona parte degli scalatori: ecco cos'era negli anni '70 e '80 la fessura Kosterlitz in Valle dell'Orco, salita per la prima volta all'inizio degli anni 70 dallo scozzese Mike Kosterlitz. Il premio Nobel per la fisica 2016 sarà ad Arco il 25 agosto 2017 per ricevere il premio Climbing Ambassador by Dryarn® di Aquafil durante gli Arco Rock Legends 2017. Di Maurizio Oviglia.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria