Home page Planetmountain.com

Ricordando Roberto Bassi

di

Il 28 settembre a 10 anni dalla scomparsa di Roberto Bassi per ricordarlo e per farlo conoscere la Sezione CAI SAT di Mattarello (TN) organizza una proiezione c/o la Sala polivalente del centro S. Vigilio di Mattarello.

Il 28 settembre ricorre il 10° anniversario della scomparsa di Roberto Bassi. Per ricordarlo e per farlo conoscere a chi ancora oggi scala sui suoi capolavori, la Sezione CAI SAT di Mattarello (TN), insieme agli amici di Roberto, il 22 ottobre alle ore 20,30 ha organizzato una proiezione presso la Sala polivalente del centro S. Vigilio di Mattarello.

Ma chi era Roberto Bassi? Per i climbers - immaginiamo e speriamo non numerosi - che non ne sapessero nulla, ricordiamo che nei primi anni '80, insieme a pochissimi altri, Roberto fu lo scopritore - meglio sarebbe dire uno dei primissimi esploratori - delle immense possibilità della galassia di roccia di Arco ma anche, e soprattutto, uno dei principali interpreti di un nuovo modo di intendere la scalata. In quegli anni infatti, Bassi, allora giovanissimo, con Heinz Mariacher, Maurizio "Manolo" Zanolla, Luisa Iovane, Bruno Pederiva faceva parte di quel gruppo (visionario e controcorrente) che fu uno dei motori dell'evoluzione dell'arrampicata in falesia e in parete, e che insieme a pochi altri rivoluzionò tutti i concetti, i pre-concetti e le credenze fino ad allora imperanti tra gli arrampicatori. La loro base era la Valle di Arco, il loro obiettivo un sogno che li assorbiva totalmente. Tanto da divenire uno stile di vita: Roberto si dedicò con una passione smisurata a quest'avventura, le rocce di Arco divennero la sua casa, le linee sulla roccia la sua espressione. Vie come Honky Tonky alla Spiaggia delle lucertole o Zanzara ai Colodri sono solo dei piccoli esempi, di quello stile e di quella sua passione. Sono state moltissime, infatti, le realizzazioni di Roberto, sempre al vertice della difficoltà ma anche dei risultati agonistici (vinse tra l'altro i primi due Campionati Italiani di arrampicata sportiva nel 1985 e 1986), ma quello che sicuramente non si scorda, e non va scordato, è lo stile e la passione che metteva in quest'attività. Una passione che potrebbe sembrare quasi eccessiva per chi non ha respirato l’aria di quegli anni in cui nasceva la "nuova" arrampicata: erano i tempi di un sogno che, nei viaggi vagabondi per le rocce di Arco e di mezzo mondo, ricercava spazi di libertà e di vita “altra” e “diversa” dalla routine. Era un sogno, un’avventura e una speranza inseguita quasi inconsciamente, a volte da ribelli, sempre contro gli schemi, sempre con la voglia di rischiare il nuovo. Sono passati solo 10 anni dall’incidente stradale che fermò la vita di Roberto, ne sono passati più di 20 dal periodo magico della “scoperta” di Arco. Molte cose sono cambiate da allora. Sono cambianti gli arrampicatori e gli uomini, forse sono cambiati anche i sogni… Si sa: il tempo non si ferma, non torna mai in dietro, ma ripensare a Roberto Bassi, ritornare a quegli anni sicuramente può servire per capire da dove si è partiti ed anche per i sogni di progetti futuri. Può servire per pensare ad altri anni, quelli a venire, perché diventino intensi e irripetibili, come quelli che ha percorso sulla roccia e nella vita Roberto.
Otre le Vette, Belluno
RICORDANDO ROBERTO
22 ottobre 2004
Sala polivalente Centro S. Vigilio
MATTARELLO - TRENTO

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria