Home page Planetmountain.com
Blow it up on the internet (200m, 7b+, Chris Kalous, Jonathan Thesenga 11/2011) Monte Monaco, Sicilia
Fotografia di Jonathan Thesenga
Blow it up on the internet (200m, 7b+, Chris Kalous, Jonathan Thesenga 11/2011) Monte Monaco, Sicilia
Fotografia di Jonathan Thesenga
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Blow it up on the internet, nuova via sul Monte Monaco in Sicilia

di

A novembre gli statunitensi Chris Kalous e Jonathan Thesenga hanno aperto Blow it up on the internet, (7b+, 200m) sulla parete nord del Monte Monaco in Sicilia. Il report della salita di Jonathan Thesenga.

Sono venuto in Sicilia con mia moglie, Brittany Griffith, e i buoni amici Chris Kalous e Whitney Boland. Dopo un paio di giorni d'arrampicata attorno a Capo Gallo e le falesie di Monte Monaco, alla ricerca del miglior potenziale per una nuova via, Chris ed io abbiamo deciso di tentare una linea a destra di "La Lingua Pura" aperta da Albert Leichfried sulla parete nord del Monte Monaco. Abbiamo trascorso tre giorni sulla via, spittando dal basso tranne sul tiro che poi si è rilevato quello chiave, che abbiamo spittato dall'alto (preferendo questo approccio invece di salire i 140m di corde fisse con i jumar per poi continuare a spittare dal basso). Dalla parete la vista sul mare calmo e la bianca ed idilliaca spiaggia di San Vito Lo Capo era splendida e ci ha offerto una bellissima distrazione mentre ci assicuravamo a vicenda.

Dopo aver salito i primi due tiri di "La Lingua Pura" ci siamo avventurati su terreno nuovo, trovando roccia di color marrone ed arancio quasi perfetta, sempre strapiombante e con enormi presoni scolpiti, canne e sottile fessure. I due tetti si sono rivelati pieni zeppi di canne, lasciandoci passare relativamente facilmente (7a-7a+) considerato il tipo terreno. Il penultimo tiro si è rivelato essere quello chiave, con un mix di impegnative sequenze tecniche ed allunghi, regalandoci un'arrampicata pazzesca e strapiombante. Per fortuna un buco a metà tiro offre una tregua alle difficoltà e la possibilità di sghisare prima del boulder finale. Abbiamo poi seguito il tiro finale di "La Lingua Pura".

Dopo aver aperto la via, ci siamo riposati un giorno e poi abbiamo salito tutte le lunghezze in libera per la prima rotpunkt, raggiungendo la cima proprio con l'inizio della pioggia. Siamo rimasti veramente stupiti dalla qualità della roccia e dell'arrampicata, e speriamo davvero che quelli che andranno a ripeterla si divertiranno quanto noi. Chris ed io abbiamo chiamato la nostra via "Blow Up On The Internet", un riferimento scherzoso ad un direttore di una rivista che aveva detto a Whitney che sarebbe stato interessato a pubblicare un articolo sul nostro viaggio in Sicilia, ma soltanto se prima non lo pubblicavamo "alla grande su internet ". Speriamo che questo report non si qualifichi per "alla grande!"

- Blow it up on the internet, Monte Monaco, Sicilia
- La lingua pura, Monte Monaco, Sicilia
- Il volo di Pegasus, new route on Monte Monaco, Sicilia
- Never Sleeping Wall, San Vito lo Capo, Sicilia

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni
  • Vento di passioni
    Leggo solo ora: ripetuta da C. Migliorini ed A.Tocchini il 2 ...
    2016-02-11 / stefano michelazzi