Home page Planetmountain.com
Da sinistra a destra: Sassopiatto, Dente del Sassolungo, Torre Innerkofler e Punta Grohmann, visti da Campitello
Fotografia di Planetmountain
La Torre Innerkofler al Sassolungo in Dolomiti con le sue vie. 1. Diedro Printo 2. Via del Calice 3. Camino Rizzi 4. Hasse - Schrott
Fotografia di Ivo Rabanser

Torre Innerkofler al Sassolungo, Dolomiti

di

Il quarto capitolo sul Sassolungo è dedicato alla Torre Innerkofler, alta 3098 metri ed incastrata tra la Punta Grohmann e il Dente del Sassolungo è un missile di Dolomia che domina Campitello in Val di Fassa.

I sognatori e i bambini sanno dare forma alle nuvole, prima che tutto si disperda nell’aria. Gli alpinisti intuiscono disegni ed ombre, spersi tra le pieghe d’immobili rocce.

“Domina Campitello e sembra sbocciare come un fiore sopra il ripido e incassato bosco della Val Duron, e la si distingue nettamente da Moena ad Alba. Sopra i verdi prati e le bianche ghiaie che la contornano essa si erge verticalissima ed elegante, costituita da due fiamme gialle di purissima dolomia, disposte a guisa di meravigliosa farfalla tesa verso il cielo” (da: “Sassolungo, le imprese e gli alpinisti” di Ivo Rabanser e Dante Colli – ed. Zanichelli). Così appariva la sud della Torre Innerkofler agli occhi di Graziano Maffei. E così il roveretano la descrive in una lettera scritta alla madre di Franco Gadiotti, l’alpinista a cui ha dedicato la Via del Calice aperta, con Giuliano Stenghel, tra le ali della farfalla. Era il 1977 quando i due si avventurarono per la “verticalissima nervatura di grigia roccia” che separa le gialle ali. Ci restarono due giorni, prima di portare a casa una delle vie più belle e difficili della Sud.

L’evocativa descrizione di Maffei, oltre che partenza ideale per la Innerkoffler, sembra l’inizio giusto anche per addentrarsi in questi 500 metri di vertigine gialla, o meglio tra quelle linee così diverse tra loro e così particolari che solo gli alpinisti, anzi solo alcuni di loro, sanno trovare. Se Maffei, infatti, aveva intuito il disegno di una linea certamente effimera e solo tratteggiata dai colori e dalle ombre della parete, molto tempo prima Luigi Rizzi s’era giustamente infilato nel ben più evidente e gigantesco camino-antro che incide tutta la parete. Non per questo però le incognite si potevano dire assenti: lo sa bene chi frequenta le Dolomiti, cacciarsi nel cuore della montagna riserva sempre molte sorprese.

Quel 18 agosto del 1908, Rizzi, insieme ai fratelli Guido e Max Mayer e alla guida Giuseppe Davarda, esplorò l’anima profonda della Sud lottando con il ghiaccio e i bui strapiombi dell’enorme fenditura. Alla fine, dopo quattordici ore, i quattro sbucarono sulla cima, dove li attendeva (bontà sua) la grandine e una notte all’addiaccio. Resta una via elogiata dai ripetitori (pochi), dei quali il primo fra tutti fu nientemeno che Paul Preuss. E resta quella inconfondibile incisione che fa da riferimento per le vie della parete. A destra, infatti, corre proprio la Via del Calice di Maffei e Stenghel. Sempre a destra c’è la via che il tedesco Dietrich Hasse e il bolzanino Sepp Schrott salirono in cinque giorni, nel 1959, seguendo quella gialla e strana esse strapiombante che ne caratterizza la parte iniziale. Poi, parallelo ai camini di Rizzi, sale anche il Diedro Prinoth, una via elegantemente risolta, nel 1958, da Norbert e Franz Prinoth del Gruppo dei Catores di Ortisei.

Un salto nel tempo ci riporta nel 1911, per un altro esempio di alpinismo dei pionieri. Protagonisti non casuali sono, ancora una volta, Luigi Rizzi e il suo partner ideale nonché insuperabile artista nel trovare le vie della roccia, Angelo Dibona. I due (legati ai fratelli Mayer) troveranno la più logica soluzione anche al rebus della poderosa parete Est della Torre. Un ritorno alla sud, invece, senza soffermarci più di tanto nel dire la Hasse-Schrott è nel segno del più puro spirito dell’arrampicata artificiale in voga all’epoca, ci serve per riportare una frase dello stesso Hasse, presa sempre dal già citato libro di Rabanser e Colli: “Devo pensare agli esperti, che così volentieri parlano di vie appianate dai chiodi. Ah, ah miei cari. Provare per credere!”. Come si vede nulla è più immobile dell’alpinismo quando ci si mette a discutere sull’uso dei chiodi - per non scomodare poi l’etica. Ma alla fine, anche in questo campo, le scelte restano sempre personali, e sono tanto più valide quanto più si ha conoscenza delle diversità e delle scelte possibili. Certo occorre saper vedere. Ci vuole cultura anche per scegliere come per trovare le vie. E questo è un compito riservato agli uomini. Le montagne seguono altre strade, sempre spiazzanti, come quella del versante nord ovest della Innerkofler: lì d’inverno le linee di salita si trasformano in splendide cascate ghiacciate per i patiti della piolet traction. Ora però, dopo le aver parlato delle diversità e degli scherzi del versante più severo del Sassolungo, è tempo di lasciare anche la Torre Innekofler per i suoi vicini: il Dente e il Sassopiatto, una coppia che neanche a farlo apposta più diversa di com’è non potrebbe essere.

di Vinicio Stefanello

pubblicato su Alp Grandi Montagne #31 Sassolungo

>> Vai alla terza puntata, Punta Grohmann

L'ALTRO SASSOLUNGO
Capitolo 1: Introduzione
Capitolo 2: Punta delle cinque dita

Capitolo 3: Punta Grohmann

Capitolo 4: Torre Innerkofler

Capitolo 5: Dente e Sassopiatto

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Punta Grohmann, Sassolungo, Dolomiti
27.07.2017
Punta Grohmann, Sassolungo, Dolomiti
Il terzo capitolo sul Sassolungo è dedicato alla Punta Grohmann, conosciuta anche come Sasso Levante e Grohmannspitze, alta 3126m e salita per la prima volta nel 1880 da Michael Innerkofler.
Punta delle Cinque Dita, Sassolungo, Dolomiti
25.07.2017
Punta delle Cinque Dita, Sassolungo, Dolomiti
Punta delle Cinque Dita del Sassolungo: il secondo capitolo per esplorare questo gigante delle Dolomiti e la sua storia alpinistica.
Dolomiti: l'altro Sassolungo
25.07.2017
Dolomiti: l'altro Sassolungo
Come si fa a raccontare il Sassolungo senza parlare del Sassolungo? Forse parlando della Punta delle Cinque Dita, la Punta Grohmann, la Torre Innerkofler, il Dente, il Sasso Piatto... Per l'estate 2017, cinque puntate dedicate a questo gigante delle Dolomiti.
Spallone del Sassolungo: una prima discesa con gli sci in Dolomiti per Hermann Comploj
29.03.2016
Spallone del Sassolungo: una prima discesa con gli sci in Dolomiti per Hermann Comploj
Il 20/03/2016 Hermann Comploj ha effettuato una nuova prima discesa con gli sci in Dolomiti, scendendo in solitaria il versante sudovest dello Spallone del Sassolungo 3081m.
Nord del Sassolungo in inverno - non è posto per burattini. Di Ivo Ferrari
10.06.2015
Nord del Sassolungo in inverno - non è posto per burattini. Di Ivo Ferrari
Prendendo spunto dalla salita invernale, non integrale, della Via Soldà al Sassolungo, Ivo Ferrari si immedesima come fittizio terzo compagno di cordata per percorrere, insieme ai britannici Bob Millward e Steve Parr, l’immensa parete nord in quei difficili sei giorni nel dicembre 1976. Questa esperienza invernale sulla nord del Sassolungo è stata raccontata da Millward nel suo ormai famoso articolo No place for brass monkeys, tradotto da Gian Piero Motti e intitolato in italiano Non è posto per burattini. La prima vera salita integrale della via Via Soldà al Sassolungo, aperta da Franco Bertoldi e Gino Soldà nel 1936, è stata effettuata in tre giorni del febbraio 1985 dagli alpinisti altoatesini Kurt Walde e Toni Zuech.
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
26.05.2015
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
Dal 18 al 20 febbraio 2015 Giorgio Travaglia e Alex Walpoth hanno effettuato la prima invernale della Via Esposito - Butta sulla parete nord del Sassolungo, Dolomiti.
Spallone del Sassolungo in Dolomiti
20.12.2013
Spallone del Sassolungo in Dolomiti
Goulotte Raggio di sole e la Cascata dello Spallone, una classica combinazione che porta alla Cima Spallone del Sassolungo. La scheda presentata da Giuseppe Ballico.
Pilastro Magno, Sassolungo, prima invernale per Milani e Travaglia
21.01.2013
Pilastro Magno, Sassolungo, prima invernale per Milani e Travaglia
L'8, 9 e 10 gennaio 2013, Giorgio Travaglia e Francesco Milani hanno ripetuto in prima invernale, con 2 bivacchi in parete, la via "Pilastro Magno" (950m, VI) la via aperta da Ivo Rabanser e Marco Furlani nell'estate del 1993, sulla parete nord-est del Sassolungo (Dolomiti).
La Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder
17.01.2013
La Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder
Il 7 e 8 gennaio 2013, le Guide Alpine Catores Adam Holzknecht e Hubert Moroder hanno realizzato la prima salita di "La Legrima" (WI6 M6 V+, 2 passi A0) la grande linea di ghiaccio e misto sulla parete Nord del Sassolungo (Dolomiti) a lungo inseguita da molti ice climber.
22.09.2005
Nuova via dedicata ad Andrea Andreotti sul Dente del Sassolungo
Il 15 settembre 2005 Ivo Rabanser, Stefano Michelazzi, Giuseppe Ballico hanno aperto la via "Andrea Andreotti", sulla parete SE del Dente del Sassolungo (Dolomiti) con difficoltà di VII+, A3+.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria