Home page Planetmountain.com
Punta Grohmann e Cinque dita, Sassolungo
Fotografia di Francesco Tremolada
Il Sassolungo in Dolomiti. Da sinistra a destra: Punta Grohmann, Punta delle Cinque Dita e Spallone del Sassolungo
Fotografia di Francesco Tremolada
Il Sassolungo, Dolomiti: Punta Grohmann, Punta delle Cinque Dita e Spallone del Sassolungo
Fotografia di Francesco Tremolada
Sci alpinismo in Dolomiti: Forcella Cinque Dita
Fotografia di Francesco Tremolada

Punta delle Cinque Dita, Sassolungo, Dolomiti

di

Punta delle Cinque Dita del Sassolungo: il secondo capitolo per esplorare questo gigante delle Dolomiti e la sua storia alpinistica.

Ai tempi dei tempi Sassolungo era un gigante in carne ed ossa. Un gigante, tanto bugiardo e ladruncolo da meritarsi, una volta scoperto con le mani nel sacco, d’essere condannato a sprofondare sotto terra. Quello che vediamo ora è solo la parte superiore dell’enorme briccone (per la cronaca più di un chilometro di roccia slanciata verso il cielo) e le dita della sua mano.

Andarle a trovare, le dita del Sassolungo, non è neanche troppo difficile. Se ne stanno lassù; separate da quel che affiora del Gigante solo dalla Forcella del Sassolungo. Ci s’arriva comodamente con la funivia, appena scodellati dalla macchina sul Passo Sella. Oppure, più faticosamente, arrancando a zig zag per il ripido ghiaione, mentre, i bidoncini del suddetto impianto a fune, ti svolazzano sulla testa facendoti sospettare di aver fatto la scelta più stupida. Per consolazione c’è solo il pensiero che salendo dall’altra parte, da quella di Selva, da quel lungo ed erto canalone che guarda verso l’Alpe di Siusi, la fatica sarebbe stata ben maggiore. Era proprio quello l’antico mare del Sassolungo. Un mare di cui ora resta solo il fondo roccioso, ma che continua ad essere protetto, da un lato dall’alta muraglia sud ovest del gigante e, dall’altra, dalle Cinque dita, dalla Punta Grohmann, dalla Torre Innerkofler e, per ultimo, quasi a chiudere il cerchio, dal Sassopiatto.

Ci s’incontra, dunque, su quella sella. Su quella stretta e un po’ magica finestra affacciata su due mondi dove se ne sta appollaiato, quasi schiacciato tra lo Spallone del Sassolungo e il Pollice delle Cinque dita, il Rifugio Demetz. Da qui, in un attimo, si è tra le dita del gigante. E s’apre un regno di pietra insospettabile.

Se le dita del Sassolungo potessero parlare racconterebbero molte storie. Direbbero dei molti che le hanno percorse. Delle file di alpinisti che d’estate s’avventurano su per lo spigolo nord-ovest del suo Pollice. Di quelli che affrontano, tra su e giù, varianti, fessure e spigoli tutta la traversata delle sue dita. Ma racconterebbero anche di quanti si perdono tra di esse, o sono stati sorpresi dal temporale, o non avevano messo in conto che questa è una montagna alta, affilata e sempre severa.

Vi racconteranno della gioia di arrampicare sospesi nel vuoto, su roccia solida e mai troppo avara di appigli. E, vi parleranno sicuramente di quei temerari pionieri che, per primi, s’avventurarono lassù. Vi diranno che di tutte le cime del Gruppo questa è stata l’ultima ad essere salita. Vi diranno di quel otto agosto del 1890 in cui, il ventenne pittore viennese Robert Hans Schmitt e il cinquantenne orologiaio tirolese Johann Santner, per primi assaporarono la vertigine di issarsi sulla sua esile cima, passando per la forcella dell’Indice e per quelli che, da allora in poi, saranno conosciuti come i camini Schmitt. Ma racconteranno anche di come, rotto l’incantesimo della prima, tutte le pieghe delle sue dita furono percorse e salite. Senza dimenticare, però, la delusione di Ludwig Darmstädter che, con le guide Johann “Stabeler” Niederwieser e Luigi Bernard, si vide sfuggire per 80 metri appena la vetta ancora inviolata. Come potrebbero descrivervi, le Cinque Dita, la faccia della signorina olandese Jeanne Immink che, con le guide Antonio Dimai e Giuseppe Zecchini, compisse la prima ripetizione della via di Schmitt e Santner.

Quella volta, infatti, la fortissima olandese non ebbe nemmeno il tempo di gioire che si vide sbucare Ludwig Norman-Neruda e la guida svizzera Christian Klucker reduci dalla loro prima sulla parete nord-ovest. Chissà se la Immink si è consolata due anni più tardi con la prima traversata della Punta delle Cinque dita. Certo né lei né nessun altro poteva prevedere che quelle rocce avrebbero accompagnato l’ultima notte di Norman-Neruda, precipitato proprio da quei camini Schmitt di cui, ben quattro anni prima, aveva compiuto la prima salita solitaria.

Chissà cosa pensano le dita del gigante di tutte queste storie? Di sicuro sono state tante le vicende che si sono accavallate e inseguite tra le linee di questa mano di pietra. Tante, quante quelle vissute e viste dalla sua dirimpettaia: la Punta Grohmann.

di Vinicio Stefanello

pubblicato su Alp Grandi Montagne #31 Sassolungo

>> Vai alla prima puntata, Dolomiti: l'altro Sassolungo

L'ALTRO SASSOLUNGO
Capitolo 1: Introduzione
Capitolo 2: Punta delle cinque dita

Capitolo 3: Punta Grohmann

Capitolo 4: Torre Innerkofler

Capitolo 5: Dente e Sassopiatto

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Dolomiti: l'altro Sassolungo
25.07.2017
Dolomiti: l'altro Sassolungo
Come si fa a raccontare il Sassolungo senza parlare del Sassolungo? Forse parlando della Punta delle Cinque Dita, la Punta Grohmann, la Torre Innerkofler, il Dente, il Sasso Piatto... Per l'estate 2017, cinque puntate dedicate a questo gigante delle Dolomiti.
Punta Grohmann, Sassolungo, Dolomiti
27.07.2017
Punta Grohmann, Sassolungo, Dolomiti
Il terzo capitolo sul Sassolungo è dedicato alla Punta Grohmann, conosciuta anche come Sasso Levante e Grohmannspitze, alta 3126m e salita per la prima volta nel 1880 da Michael Innerkofler.
Spallone del Sassolungo: una prima discesa con gli sci in Dolomiti per Hermann Comploj
29.03.2016
Spallone del Sassolungo: una prima discesa con gli sci in Dolomiti per Hermann Comploj
Il 20/03/2016 Hermann Comploj ha effettuato una nuova prima discesa con gli sci in Dolomiti, scendendo in solitaria il versante sudovest dello Spallone del Sassolungo 3081m.
Nord del Sassolungo in inverno - non è posto per burattini. Di Ivo Ferrari
10.06.2015
Nord del Sassolungo in inverno - non è posto per burattini. Di Ivo Ferrari
Prendendo spunto dalla salita invernale, non integrale, della Via Soldà al Sassolungo, Ivo Ferrari si immedesima come fittizio terzo compagno di cordata per percorrere, insieme ai britannici Bob Millward e Steve Parr, l’immensa parete nord in quei difficili sei giorni nel dicembre 1976. Questa esperienza invernale sulla nord del Sassolungo è stata raccontata da Millward nel suo ormai famoso articolo No place for brass monkeys, tradotto da Gian Piero Motti e intitolato in italiano Non è posto per burattini. La prima vera salita integrale della via Via Soldà al Sassolungo, aperta da Franco Bertoldi e Gino Soldà nel 1936, è stata effettuata in tre giorni del febbraio 1985 dagli alpinisti altoatesini Kurt Walde e Toni Zuech.
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
26.05.2015
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
Dal 18 al 20 febbraio 2015 Giorgio Travaglia e Alex Walpoth hanno effettuato la prima invernale della Via Esposito - Butta sulla parete nord del Sassolungo, Dolomiti.
Spallone del Sassolungo in Dolomiti
20.12.2013
Spallone del Sassolungo in Dolomiti
Goulotte Raggio di sole e la Cascata dello Spallone, una classica combinazione che porta alla Cima Spallone del Sassolungo. La scheda presentata da Giuseppe Ballico.
Pilastro Magno, Sassolungo, prima invernale per Milani e Travaglia
21.01.2013
Pilastro Magno, Sassolungo, prima invernale per Milani e Travaglia
L'8, 9 e 10 gennaio 2013, Giorgio Travaglia e Francesco Milani hanno ripetuto in prima invernale, con 2 bivacchi in parete, la via "Pilastro Magno" (950m, VI) la via aperta da Ivo Rabanser e Marco Furlani nell'estate del 1993, sulla parete nord-est del Sassolungo (Dolomiti).
La Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder
17.01.2013
La Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder
Il 7 e 8 gennaio 2013, le Guide Alpine Catores Adam Holzknecht e Hubert Moroder hanno realizzato la prima salita di "La Legrima" (WI6 M6 V+, 2 passi A0) la grande linea di ghiaccio e misto sulla parete Nord del Sassolungo (Dolomiti) a lungo inseguita da molti ice climber.
22.09.2005
Nuova via dedicata ad Andrea Andreotti sul Dente del Sassolungo
Il 15 settembre 2005 Ivo Rabanser, Stefano Michelazzi, Giuseppe Ballico hanno aperto la via "Andrea Andreotti", sulla parete SE del Dente del Sassolungo (Dolomiti) con difficoltà di VII+, A3+.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria