Home page Planetmountain.com
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Le dichiarazioni di Maestri e Fava sulla via del 1959 al Cerro Torre

di

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, un comunicato ufficiale di Cesare Maestri e una dichiarazione di Cesarino Fava sulla via Egger-Maestri del 1959 al Cerro Torre.

Cerro Torre, Patagonia

Sulla vicenda del Cerro Torre e della via “Egger-Maestri” del 1959 che, com'è noto anche recentemente è stata messa in dubbio, riceviamo, e volentieri pubblichiamo, un comunicato ufficiale di Cesare Maestri e una dichiarazione di Cesarino Fava che faceva parte di quella spedizione.

I due documenti sono stati indirizzati al Comitato Organizzativo del Premio alpinistico 15° Piolet d'or e alla Redazione della rivista Montagnes Magazine, che lo promuove, in riferimento alla candidatura di "El Arca de los Vientos", la via portata a termine il 13 novembre scorso da Ermanno Salvaterra, Rolando Garibotti e Alessandro Beltrami lungo le stesse pareti, Est Ovest Nord, della via “Egger-Maestri”.

Come tutti sanno, è stata la prima volta, dopo 46 anni, che quelle pareti venivano ripercorse fino in cima. E, come tutti sanno, la cordata non ha trovato alcuna traccia del primo “antico” passaggio di Maestri e Egger oltre i primi 300 metri dei 1200 della via. Da qui l'acuirsi dei dubbi. E da qui le dichiarazioni di Maestri e Fava accompagnate dalla lettera dell'avvocato Bonifacio Giudiceandrea che pubblichiamo integralmente, unitamente al comunicato di Cesare Maestri e alla dichiarazione di Cesarino Fava che ribadiscono la salita del 1959.

NOMINATION PIOLET D'OR 2005
COMUNICATO UFFICIALE E RICHIESTA FORMALE

Avv. Bonifacio Giudiceandrea

Sono stato incaricato di portare a Vostra conoscenza l'allegato comunicato ufficiale a firma di Cesare Maestri e la annessa dichiarazione a firma di Cesarino Fava, documenti -da me autenticati- che hanno come oggetto la "Via Egger-Maestri del 1959" sul Cerro Torre.

La necessità di inviarVi il comunicato e la dichiarazione scaturisce dalla lettura di recenti articoli di stampa, secondo i quali fra le realizzazioni alpinistiche candidate alla conquista del premio Piolet d'Or 2005 vi è anche la spedizione denominata "El Arca de los Vientos", portata a termine il 13.11.2005 sul Cerro Torre e qualificata da alcuni organi di stampa come una "prima salita".

Libera ovviamente la Vostra organizzazione di assegnare il riconoscimento alle imprese alpinistiche che lo meritano; ma per ristabilire la verità storica è necessario che venga dato pubblicamente atto che il 31 gennaio 1959 la vetta del Cerro Torre è stata conquistata -per primi e per la salita indicata negli allegati (ora ripercorsa dalla spedizione El Arca de Los Vientos)- da Toni Egger e da Cesare Maestri, accompagnati fino al Colle della Conquista da Cesarino Fava.

Il comunicato ufficiale di Cesare Maestri e la dichiarazione di Cesarino Fava non temono smentita alcuna; purtroppo Toni Egger è deceduto nel corso della spedizione (e la sua memoria continua ad essere infangata senza che lui si possa difendere).

Non dubito che i destinatari della presente, nella correttezza che li contraddistingue, sapranno dare ampia pubblicità -nelle forme e con i mezzi più opportuni- al comunicato di Cesare Maestri e alla dichiarazione di Cesarino Fava, alpinisti di riconosciuta fama mondiale e persone la cui notoria riservatezza non può più costituire alibi per i denigratori.

D'altra parte il premio Piolet d'Or viene riconosciuto non solo alle "prime salite" ma anche alle "eccezionali ripetizioni", per cui il ristabilimento della verità storica con il riconoscimento della prima salita effettuata da Toni Egger e Cesare Maestri non cancella la validità dell'impresa della spedizione El Arca de lo Vientos.

Resto in attesa di assicurazioni circa la pubblicità che verrà data a questa richiesta e porgo distinti saluti

Avv. Bonifacio Giudiceandrea


COMUNICATO UFFICIALE DI CESARE MAESTRI
riguardante la via “Egger-Maestri” dell'anno 1959
di Cesare Maestri

Io sottoscritto Cesare Maestri, preso atto della valanga di polemiche, dubbi, calunnie, incertezze e accuse, mi vedo -mio malgrado- obbligato a ribadire quello che più volte ho già detto, scritto e riscritto, per l'ennesima e spero ultima volta, nel modo più conciso possibile, circa la spedizione con Toni Egger e Cesarino Fava.

Tralasciando tutte le vicissitudini preliminari di quella indimenticabile ascensione e ricordando che sono ormai trascorsi 47 anni dalla conquista del Cerro Torre (le imprecisioni e le umane dimenticanze che negli ultimi anni hanno fomentato polemiche e dubbi non tengono conto di questo particolare non certo insignificante)

dichiaro e torno a ribadire

di avere salito il Cerro Torre con Toni Egger, percorrendo la parete Est fino al Colle della Conquista anche con Cesarino Fava, il quale ci ha fornito fino a qui il suo prezioso appoggio logistico; dal Colle siamo proseguiti in due, Toni Egger ed io, seguendo a tratti lo spigolo innevato di Nord-Ovest e la parete Nord fino a giungere sulla cresta dei funghi sommitali e da questo punto, seguendo le conformazioni ghiacchiate, siamo arrivati in vetta al Cerro Torre il 31 gennaio 1959.

Ritengo pertanto ingiusto, e provocatoriamente scorretto, che la recente ascensione effettuata dalla cordata Salvaterra-Garibotti-Beltrami venga proposta e considerata una prima salita, quando in realtà ripercorre per gran parte la linea e le pareti da me salite con Toni Egger; insomma, a quanto è dato di capire, la cordata in questione ha effettuato una parziale ripetizione della nostra via del 1959, collegandola con una breve variante nella parte bassa e ripetendo alcune lunghezze di un'altra via esistente sulla parete Ovest.

Non è più ammissibile che il mio silenzio, dovuto alla memoria della tragica scomparsa del mio compagno di cordata e a ragioni che ho spiegato mille volte, venga ancora una volta interpretato con scetticismo e addirittura inteso come conferma alle tesi denigratorie succedutesi nel tempo.

Rivendico ancora una volta il diritto ad essere rispettato e, quanto alle dichiarazioni tendenziose e lesive verso la mia persona, denigratorie della mia immagine di alpinista e offensive della memoria di Toni Egger, colgo l'occasione per diffidare chiunque cerchi di screditare la mia parola e, speculando per opportunismo o per motivi di interesse, diffonda intenzionalmente falsità, calunnie e versione difformi da quanto da me detto, ribadito e scritto più volte.

La storia dell'alpinismo è e deve rimanere “pulita” in tutti i sensi, primo fra tutti quello di attribuire la buona fede a chiunque: altrimenti il rischio di “sporcare” qualsiasi impresa diviene inevitabile, con la conseguenza che viene posta in dubbio tutta la storia dell'alpinismo.

Madonna di Campiglio, 30 gennaio 2006

Guida Alpina
Socio Onorario del Club Alpino Italiano
Membro del G.H.M. Francese

Cesare Maestri


DICHIARAZIONE UFFICIALE DI CESARINO FAVA
riguardante la via “Egger-Maestri” dell'anno 1959
di Cesarino Fava

Io sottoscritto Cesarino Fava, per quanto mi compete riguardo alla salita al Cerro Torre dell'anno 1958-59, di fronte alla valanga di polemiche, dubbi, incertezze e accuse, mi vedo obbligato a ribadire quello che più volte ho già detto, scritto e riscritto, per l'ennesima e spero ultima volta, nel modo più conciso possibile, circa quella spedizione con Toni Egger e Cesare Maestri.

Tralasciando tutte le vicissitudini preliminari di quella indimenticabile ascensione e ricordando che sono ormai trascorsi 47 anni dalla conquista del Cerro Torre (le imprecisioni e le umane dimenticanze che negli ultimi anni hanno fomentato polemiche e dubbi non tengono conto di questo particolare non certo insignificante)

dichiaro e torno a ribadire

che lasciata la truna a notte inoltrata, Toni Egger, Cesare Maestri ed io abbiamo risalito rapidamente per le corde fisse il primo grande diedro fino alla base del ghiacciaio pensile.
Qui giunti mi è stato chiesto dai miei due compagni di proseguire con carico fin dove mi fosse stato possibile; così, passo dietro passo, verso sera abbiamo raggiunto il Colle della Conquista; qui giunto, l'imponenza della parete Nord e dello spigolo Nord-Ovest, rappresentavano per me difficoltà che mi sovrastavano.
Toni Egger e Cesare Maestri mi hanno aiutato a superare il grande traverso in discesa, da dove ho proseguito da solo e sfruttando le soste infisse nella salita, fino a raggiungere le corde fisse del gran diedro e da lì la truna.
Sei giorni dopo, indipendentemente dalle mia intenzioni, ho trovato Cesare Maestri prono e semisommerso nella neve.
Che Toni Egger e Cesare Maestri abbiano raggiunto la vetta del Cerro Torre io non ho dubbio alcuno. In quel preciso momento il Cerro Torre era come un gigantesco “iceberg” di neve e ghiaccio smaltato dai venti umidi dell'Ovest e indurito dal freddo. E Toni Egger aveva anticipato di almeno dieci anni l'arrampicata su ghiaccio.
Si è trattato della cordata più forte e più completa che al tempo si poteva immaginare.

A distanza di anni ho tuttora la ferma e precisa convinzione, neppure sfiorata da un ragionevole dubbio, che la cordata Egger-Maestri, data la capacità tecnica e le favorevoli condizioni meteo e ambientali riscontrate i primi giorni della loro permanenza in parete, ha portato a termine la salita lungo lo spigolo Nord-Ovest, la parete Nord e la cresta di funghi di ghiaccio sommitali del Cerro Torre.

Sono convinto che l'ultima, se pur notevole, ascensione operata dalla cordata Beltrami-Garibotti-Salvaterra sulle pareti Est, Ovest e Nord del Cerro Torre, non sia una prima salita (e nemmeno in puro stile alpino perchè sono state fissate delle corde per risalire poi veloci alcune lunghezze) bensì una parziale ripetizione della via originale Egger-Maestri del 1959, collegata con alcune lunghezze di altra via esistente sulla parete ovest e combinata con brevi varianti.

Ribadisco che l'esperienza del 1958-59 è stata una salita molto bella e importante, fatta e portata a termine in silenzio, con pochi mezzi, con profonda passione e gran spirito di sacrificio. Peccato che sia finita in tragedia e soprattutto in polemica.

Trento, 30 gennaio 2006
Cesarino Fava


LINK
Cerro Torre di Salvaterra, Garibotti e Beltrami
15° Piolet d'or


Nella foto: Cerro Torre all'alba (ph Riccardo Milani)

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria
  • Tupac Amaru - Carpe Diem
    la cascata è stata salita nel 97 da carlotti e compagni. r ...
    2015-01-06 / francesco lamo