Home page Planetmountain.com
Jim Bridwell, uno dei personaggi chiave della storia dell'arrampicate nello Yosemite e non solo
Fotografia di Marco Spataro
Billy Westbay, Jim Bridwell e John Long nel 1975 dopo la loro salita in giornata di The Nose, El Capitan, Yosemite.
Fotografia di archive Sender Films
Jim Bridwell e la Via del Compressore, Cerro Torre, Patagonia
Fotografia di archivio Jim Bridwell
Jim Bridwell
Fotografia di arch. Giovanni Groaz

Jim Bridwell, l'arrampicata e l'alpinismo da protagonista dagli anni 60

di

Un ritratto intervista del 2002 dell'arrampicatore ed alpinista Jim Bridwell, uno degli indiscussi protagonisti dell'arrampicata in Yosemite e sulle pareti del mondo a partire dagli anni sessanta, scomparso il 16 febbraio 2018 all'età di 73 anni. Di Vinicio Stefanello.

23 giugno 1975. All’indomani della prima salita in giornata del Nose, Jim Bridwell, Bill Westbay e John Long posano davanti a El Cap. E’ l’istantanea di un’epoca. Capelli lunghi, coloratissimi pantaloni e gillets, i tre sembrano usciti da un romanzo di Kerouac, e dall’epopea dell’on the road. Un viaggio iniziato da Jim Bridwell nei primi anni ’60, e che lo vede ancora protagonista.

Per Jim, testimone e arrampicatore d’eccezione in Valle e sulle pareti di tutto il mondo, Yosemite: "E’ l’esplorazione. L’arrampicata interpretata a livelli sempre più alti. Un’avventura iniziata con la mia ‘scoperta’ della prima libera sulle Stovelegs, e poi continuata, sempre sul Nose, da Ray Jardine". Un percorso che si è evoluto: "Ora, nello Yosemite, l’arrampicata libera è alla sua massima espressione, con salite molto difficili come quelle dei fratelli Huber" E ancora: "Con velocissime ripetizioni che abbattono tutti i record sulle big walls più dure. E di cui Dean Potter è uno degli interpreti migliori".

Ma qual è il trip che Jim ha inseguito per tutti questi anni? "La mia via ideale deve contenere molti elementi. Innanzi tutto l’aspetto mentale, il boldness, rappresentato dall’incognita e dal pericolo. Poi deve mischiare insieme varie abilità, come l’artificiale e l’arrampicata libera". La via perfetta, insomma: "Non deve dimostrare le capacità di uno specialista ma la completezza dell’arrampicatore." Ne è un esempio: "la Salathè, che si avvicina a questo ideale anche se forse manca di un tratto d’artificiale più duro…".

Come dire una gran via non perde mai lo smalto. Anche se: "Molte vie classiche dello Yosemite sono ormai l’ombra di quello che erano. Infatti, su Sea of Dreams ai 39 buchi originali se ne sono ora aggiunti più di 200. E Pacific Ocean Wall ha 40 buchi nuovi…"

E’ la ricerca della sicurezza: "Si, la sicurezza sembra essere diventata la cosa più importante. Ma è inaccettabile che non si rispetti quello che altri hanno fatto. In fondo è una mancanza di rispetto verso sé stessi…". Insomma, bisogna accettare il rischio: "L’ho detto, mi piacciono le vie con il rischio, anche se non vado alla ricerca del suicido. L’arrampicata non è per tutti. E non penso che sia corretto distruggere il passato con le ambizioni personali. Non dipingiamo i baffi sulla Gioconda!"

Ma ci sono gli spazi per fare qualcosa di nuovo? "La gente va a fare le vie che sono facili da raggiungere. Adesso, per esempio, il focus è tutto su El Cap. Ma ci sono moltissime vie più lontane che vale la pena di salire. Come sulla Sud dell’Half Dome. O come in Alaska, dove si può mettere a frutto l’arrampicata di Yosemite. Lì arrampicare è molto impegnativo, richiede tutto: artificiale, ghiaccio e coraggio. Il futuro è questo."

Mentre il futuro di Yosemite: "E’ già arrivato. Come avevo previsto da un paio di anni, hanno già fatto i primi ‘girdle traverse’, con le traversate dell’Half Dome e del Cap. Poi c’e l’altro aspetto, che rispetto molto, delle salite da sotto, a vista, dove ci vuole coraggio, molto bold. E uno degli interpreti migliori, in questo momento, è il giovane inglese Leo Houlding. Ammirabile!" Insomma tante possibilità per una Gioconda senza baffi. E a proposito di capolavori: "Non dimentichiamoci quello che ha fatto Lynn Hill, una piccola ragazza che ha saputo salire tutto il Nose in libera…".

di Vinicio Stefanello

pubblicato su Alp Grandi Montagne #9 Yosemite, 2002

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Jim Bridwell, addio a The Bird leggenda dell'arrampicata mondiale
17.02.2018
Jim Bridwell, addio a The Bird leggenda dell'arrampicata mondiale
Jim Bridwell ci ha lasciati. Ieri, 16 febbraio 2018, se n'è andato a 73 anni una delle assolute leggende dell'arrampicata e dell'alpinismo di tutti i tempi.
Jim Bridwell, il punto di vista sul Cerro Torre
13.03.2012
Jim Bridwell, il punto di vista sul Cerro Torre
Le riflessioni dello statunitense Jim Bridwell sulla schiodatura della Via del Compressore sul Cerro Torre.
Giochi olimpici del Campo Bridwell 2006
03.06.2015
Giochi olimpici del Campo Bridwell 2006
Il video dell’alpinista belga Sean Villanueva che documenta i cosiddetti ‘Giochi olimpici del Campo Bridwell’, tenutasi al cospetto del Cerro Torre in Patagonia nel 2006.
Associazione Help Jim Bridwell, il rendiconto sulla raccolta di aiuti
27.09.2012
Associazione Help Jim Bridwell, il rendiconto sulla raccolta di aiuti
Riceviamo e pubblichiamo il resoconto inviatoci da Giovanni Groaz, per conto dell'Associazione help Jim Bridwell, circa gli aiuti raccolti e inviati all'alpinista statunitense dopo l'appello del 2008.
Un appello per Jim Bridwell
03.12.2008
Un appello per Jim Bridwell
Un gruppo di guide alpine e amici trentini di Jim Bridwell ha fondato un Comitato per aiutare l'arrampicatore e alpinista statunitense a superare il difficile momento che sta attraversando.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria