Home page Planetmountain.com
Una Vez Mas, Vetta Orientale Corno Grande: tratti ripidi lungo i pendii centrali della parete
Fotografia di archivio Luca Gasparini
Una Vez Mas, Vetta Orientale Corno Grande: Giulio Zoppis sul tratto a 90 del quinto tiro
Fotografia di archivio Luca Gasparini
Una Vez Mas, Vetta Orientale Corno Grande: Giulio Zoppis e Riccardo Pilati in uscita dal secondo tiro
Fotografia di archivio Luca Gasparini
Il tracciato di Una Vez Mas, Vetta Orientale Corno Grande, Gran Sasso d’Italia, aperta il 13 aprile 2018 da Luca Gasparini, Riccardo Pilati e Giulio Zoppis
Fotografia di archivio Luca Gasparini

Gran Sasso d'Italia e Una Vez Mas, la nuova via invernale alla Vetta Orientale del Corno Grande

di

Il 13 aprile 2018 Luca Gasparini, Riccardo Pilati e Giulio Zoppis hanno aperto Una Vez Mas, una nuova via sulla Cresta Nord della Vetta Orientale del Corno Grande, Gran Sasso d’Italia. Il report dell’apertura di Gasparini e l'analisi di Claudio Arbore che esplora l’alpinismo invernale in Appennino e ricorda l’apertura della vicina Nunca Más, salita insieme a Andrea Campanella il 31 gennaio 1993.

È con piacere che raccolgo l’invito a scrivere nuovamente di alpinismo invernale in Appennino. Lo faccio per una ragione in più questa volta: l’emozione di tornare, anche solo con la memoria, ad una intensa giornata vissuta sulla Cresta Nord della Vetta Orientale del Corno Grande, in un gennaio di 25 anni fa, insieme ad Andrea Campanella.

Ormai lo sappiamo, quando le montagne ci sembrano sature di itinerari e di possibilità, ecco che un nuovo modo di guardare alla stessa cosa permette di vedere linee che solo ieri non vedevamo. Giancarlo Grassi ripeteva spesso che per la sua generazione il cascatismo ed il free climbing erano stati innanzitutto una rivoluzione culturale, occhi nuovi per vedere quello che per molti anni avevano guardato senza considerazione, diretti magari verso qualche vetta o grande parete. Ma quello stesso movimento che aveva riscoperto con interesse nuovo le piccole strutture di fondovalle, sarebbe tornato a poco a poco sulle grandi pareti, scoprendo negli orridi budelli di ghiaccio d’alta quota delle linee ideali di salita, nella loro perfezione estetica e di sviluppo, rinnovando lo spirito esplorativo che aveva animato la generazione dei pionieri dell’alpinismo.

A questa capacità di rinnovamento dell’alpinismo, a questa capacità di guardare con occhi nuovi “la stessa cosa” mi hanno fatto pensare Luca Gasparini, Riccardo Pilati e Giulio Zoppis con la loro nuova via sulla cresta Nord della Vetta Orientale del Corno Grande. Una linea apparentemente sotto gli occhi di tutti, ma che andava vista anche quando sembrava di esclusivo appannaggio dei gracchi nelle loro spirali estive, come il famoso “flash” di Grassi in Valnontey. Non era facile coglierla in condizioni per una salita, ma Luca e i suoi compagni hanno saputo aspettare, corteggiandola fino al colpo d’occhio, decisivo, su un post di fb (tempi modernissimi per l’alpinismo!).

“Una vez mas” (così si chiama la nuova linea), che fa un po’ il verso alla nostra “Nunca Más”, aperta nel gennaio 1993. Noi scalammo la nostra linea in condizioni molto diverse, nel pieno dell’inverno. La volontà era quella di tracciare un itinerario di misto di grande respiro, su una parete (a torto trascurata) che prometteva la grande avventura ad un tiro di schioppo dall’arrivo della seggiovia. E così fu. Ma le difficoltà maggiori le incontrammo su roccia, freddissima, sulla quale si incollavano, letteralmente, le nostre dita. La neve era moderatamente trasformata, con qualche muretto di ghiaccio più ripido, frutto di un’alta pressione piuttosto lunga. Diversi episodi rocamboleschi segnarono quella salita (e discesa!), ma il ricordo delle difficoltà con il tempo sbiadisce, per lasciar posto alle emozioni più profonde e ai momenti più belli. Non cercavamo l’estremo, ma una linea logica ed estetica per percorrere quella cresta che continuava ad abbagliarci nella sua torva bellezza ad ogni inverno.

Per come nacque l’idea della sua salita e per lo spirito che ci mosse, trovo che si tratti più di una delle ultime salite di misto classico che una delle prime di misto moderno al Gran Sasso, al quale si iscrive sicuramente l’itinerario di Luca, Riccardo e Giulio. Misto moderno appenninico che fa della ricerca delle condizioni uno dei maggiori fattori d’ingaggio e di ricerca, condizioni così connotate dall’aleatorietà e dall’effimero (l’ossessione di Grassi!) da costituire, ad un tempo, una delle componenti più autentiche d’avventura e di creazione artistica.

Certo, questa salita non nasce dal nulla e i suoi protagonisti sono saliti sulle spalle del gigante dell’alpinismo invernale in Appennino costruito da coloro che li hanno preceduti. Tra questi cercatori d’oro azzurro in Appennino, che non sono molti, ma a farne una lista, seppur minima, si rischierebbe di lasciarne ingiustamente qualcuno fuori, non posso non citare Cristiano Iurisci, che in anni di straordinaria attività ha mostrato a questi ragazzi un cammino di ricerca e occhi nuovi per continuare ad inventare questo gioco.

Al di là delle difficoltà tecniche, “Una vez más” è una salita che racchiude in sé tutti gli ingredienti del migliore alpinismo: per la qualità della linea, per lo stile, lo spirito esplorativo e la capacità di visione, per la scelta di tempi e condizioni. Se l’alpinismo è quello che gli alpinisti fanno, questa, ne è una delle manifestazioni migliori. Preziosa quanto rara.

Bravi ragazzi!
di Claudio Arbore

Una Vez Mas di Luca Gasparini

La linea é evidente, talmente lampante che é persino visibile all'arrivo della funivia degli impianti di risalita di Prati di Tivo. Eppure da quando ho iniziato a fare alpinismo invernale qualche anno fa, non avevo mai avuto notizia di qualcuno che si fosse avventurato in questo settore così splendido e magico del Gran Sasso.

L'ispirazione per la salita é nata in me circa una settimana prima proprio quando sbirciando alcune foto di sci alpinisti sul web mi é capitato di notare la linea che era completamente ghiacciata; li per lì ho pensato fosse la storica via Nunca Mas, aperta dal grande ghiacciatore Claudio Arbore. Ma osservando bene le immagini, durante la settimana, ho avuto modo di studiare più minuziosamente la parete e in particolare quella linea di ghiaccio che risultava ancora vergine nella storia delle vie del Gran Sasso.

Particolarmente gasato all'idea di aprire una nuova via di misto sulla montagna simbolo per noi Appenninisti chiamo due amici fidati, forti e volenterosi come Riccardo e Giulio! E devo dire che non è stato così difficile convincerli a venire …

Il nome della via viene proposto in sosta con l’amico Giulio e si ispira a quello di Nunca Mas, in spagnolo (Mai più), noi l'abbiamo battezzata Una Vez Mas cioé (una volta in più), un incitamento per noi e per tutti a voler tornare qui in inverno a scalare questa fantastica parete, dagli scenari straordinari.

La via, lunga circa 700m ,attraversa tutta la parete Nord-Ovest, il punto di partenza è situato poco più in alto della famosa Cengia Dei Fiori (sentiero alpinistico alquanto complicato,utilizzato come accesso alle vie "Hard" del Paretone), e prosegue più o meno diritta fino in cima conferendo al tutto una logica di notevole bellezza.

Le condizioni che abbiamo trovato sono state eccezionali, la neve aveva trasformato bene nella notte e questo ci ha permesso un avvicinamento ed una scalata ancora più veloce; nonostante fosse un po' al limite il ghiaccio, viste le temperature del periodo, da queste parti sappiamo bene di non essere sulle Alpi, quindi prendiamo per ottimo ciò che potrebbe essere valutato discreto, e nel complesso ne è risultato un ghiaccio essenziale per superare i tratti più duri della parete.

Se non ci fosse stata così tanta trasformazione sicuramente la scalata l'avremmo sofferta molto di più. In generale una situazione quasi eccezionale in annate come queste dove ormai non esistono più mezze stagioni. Suggeriamo per questo una ripetizione ad inizio primavera quando le prime scaldate provocano parziale fusione della neve che insieme a rigeli notturni e nevicate tardive, provocano la formazione di Alpine Ice. Condizioni di maltempo prolungato primaverili seguiti da un ristabilimento meteo con caldo non eccessivo max 5/6º ad 850h Pa sono auspicabili per questo itinerario.

Un itinerario nel quale ci siamo divertiti tiro dopo tiro, uno scenario unico nel suo genere, una scalata molto varia, lunga, che richiede il giusto ingaggio senza essere mai estremamente pericolosa . L'ambiente é quello delle grandi pareti. L'assenza di segnale telefonico e la difficoltà nell'effettuare una eventuale ritirata rendono la salita ancora più avventurosa!

Non possiamo negare che i dubbi sulla riuscita del progetto erano tanti, la paura di perderci in un posto così grande e sconosciuto con il rischio di fare tardi in parete ci ha stressato particolarmente; forse sono state proprio le tante incognite a tenere alta la concentrazione di tutta la cordata e ha permettere di valutare il tutto in modo intelligente. Si alternavano momenti di gioia e adrenalina pura ad altri di silenzio e perplessità, ma senza rendercene conto ci siamo ritrovati in cima!

É stato un bel gioco di squadra… abbiamo affrontato l'arrampicata distribuendo il lavoro, la prima parte è toccata a me (forse anche la più bella della via ) la parte centrale a Giulio mentre Riccardo (povero!) con la stanchezza sulle gambe, si è impegnato nel proseguire da capocordata i tiri finali.

Arrivati a pochi metri dall'uscita abbiamo realizzato che tutto era andato secondo i piani e come da programma in 8 ore avevamo portato a termine il nostro piccolo progetto, una soddisfazione indescrivibile! Una via di certo non tra le più dure che si possono trovare in giro, ma probabilmente tra le più belle dell’Appennino. Il legame con questa montagna per noi del centro Italia ha un valore che non ha prezzo!

Anche questa volta la fortuna ha girato dalla nostra parte e dobbiamo ringraziare lei, la montagna per averci fatto vivere un'esperienza unica. È stato tutto così incredibile che non smetteremo mai di amarla!

All'inizio dell'inverno il mio caro amico e compagno di avventura Cristiano Iurisci ha avuto uno sfortunato incidente in montagna che lo ha allontanato momentaneamente dalle nostre attività alpinistiche… sognando questa salita come altre, non potevo non dedicare la via a lui e rinnovargli il mio augurio di pronta guarigione.

Luca Gasparini


SCHEDA: Una Vez Mas, Vetta Orientale del Corno Grande, Gran Sasso

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Le nebbie del Paretone sul Gran Sasso in inverno
24.01.2012
Le nebbie del Paretone sul Gran Sasso in inverno
Il 18/01/2012 Andrea Di Donato e Andrea Di Pascasio hanno realizzato la 2a invernale della Via Le nebbie del Paretone, parete Nord Ovest dell'Anticima della Vetta Orientale del Corno Grande (Gran Sasso).
Gran Sasso, Di Donato e Lemaire e l'invernale di Il nagual e la farfalla
21.03.2012
Gran Sasso, Di Donato e Lemaire e l'invernale di Il nagual e la farfalla
Dal 14 al 16 marzo Andrea Di Donato e Bertrand Lemaire hanno effettuato la seconda invernale della via Il nagual e la farfalla sul Paretone al Gran Sasso. Una grande salita, come ci racconta Roberto Iannilli.
Canale Jannetta, una cavalcata invernale sul Paretone del Gran Sasso
12.01.2016
Canale Jannetta, una cavalcata invernale sul Paretone del Gran Sasso
Il 27 e 28 dicembre 2015 Cristiano Iurisci, Gabriele Paolucci, Luca Gasparini, hanno salito il Canale Jannetta la storica via aperta da Enzo Jannetta il 19 luglio 1922 al Paretone della Vetta Orientale del Gran Sasso. Il report di Luca Gasparini.
Orient Express al Gran Sasso, un tentativo di prima invernale e la forza di una cordata
07.01.2013
Orient Express al Gran Sasso, un tentativo di prima invernale e la forza di una cordata
Il 30/12/2012 Andrea Di Donato, Andrea Di Pascasio e Lorenzo Angelozzi hanno effettuato un tentativo di prima invernale su Orient Express naufragato per un gran volo di Angelozzi per fortuna senza gravi conseguenze. Il racconto di Andrea Di Pascasio.
Fulmini e Saette, prima invernale sul Gran Sasso
14.04.2011
Fulmini e Saette, prima invernale sul Gran Sasso
Il 10, 11 e 12 febbraio Lorenzo Angelozzi, Andrea Di Donato e Andrea Di Pascasio hanno effettuato la prima invernale di Fulmini e Saette (700 metri fino al VII) difficile via sulla parete nord-ovest dell'anticima della Vetta Orientale del Gran Sasso, in pratica un enorme avancorpo del Paretone.
07.07.2011

Gran Sasso, una montagna da scalare
21.09.2009
Gran Sasso, una montagna da scalare
Roberto Iannilli presenta l'arrampicata al Gran Sasso d'Italia (Appennini centrali, Abruzzo) attraverso 7 vie scelte.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria