Home page Planetmountain.com
Gasherbrum I parete sudovest: Zdeněk Hák e Marek Holeček, complettamente esausti in cima al Gasherbrum I il 30 luglio 2017
Fotografia di Marek Holeček, Zdeněk Hák
Gasherbrum I parete sudovest: la vista nel 2017 della barriera di roccia a 7750 metri
Fotografia di Marek Holeček, Zdeněk Hák
Gasherbrum I parete sudovest: il bellissimo quinto bivacco a 7830 metri
Fotografia di Marek Holeček, Zdeněk Hák
Gasherbrum I parete sudovest e la via Satisfaction (3000m, ED+ (M7,WI5+) 70° Marek Holeček, Zdeněk Hák 25/07 - 01/08/2017)
Fotografia di Marek Holeček, Zdeněk Hák

Gasherbrum I, nuova via per Marek Holeček e Zdeněk Hák

di

Il report dell’alpinista ceco Marek Holeček che insieme a Zdeněk Hák ha aperto in 8 giorni ed in stile alpino una nuova (e grande) via sulla parete sudovest del Gasherbrum I (8080 metri), Karakorum.

Mostrando grande coraggio e caparbietà, al quinto tentativo il 43enne alpinista ceco Marek Holecek è riuscito ad aprire in stile alpino una nuova via sulla parete sudovest del Gasherbrum I, la cima di 8080 metri chiamata anche Hidden Peak nella regione del Baltoro in Karakorum, Pakistan.

Holecek è riuscito a coronare il suo sogno insieme al 37enne Zdenek Hak il 30 luglio, dopo 6 giorni di salita ed impiegando 8 giorni complessivi. Aperta in stile alpino, la nuova via si aggiunge a quella aperta nel 2008 dagli alpinisti russi Valery Babanov e Viktor Afanasiev e ovviamente a quella aperta dai polacchi Jerzy Kukuczka e Voytek Kurtyka durante il loro strabiliante tour de force che aveva fruttato due vie nuove aperte in stile alpino nell’estate del 1983, una appunto attraversando la vergine parete sudovest del Gasherbrum I e l’altra, 20 giorni prima, lungo la cresta SE del Gasherbrum II. Tutti i dettagli della nuova via, che si chiama Satisfaction, sono nel report di Holecek inviatoci in anteprima. Da leggere!

Satisfaction di Marek Holeček

Questo progetto era iniziato più di trent'anni fa dalla leggendaria cordata di himalaysti polacchi Jerzy Kukuczka e Voytek Kurtyka, che però non riuscirono a salire la parte centrale della parete sud-ovest. Abbiamo seguito la loro idea e abbiamo iniziato ad inseguire questo progetto nel 2009, scegliendo di iniziare la nostra salita nel couloir di ghiaccio sulla parte sinistra della parete centrale.

All’epoca l'unico problema senza risposta era un passaggio poco chiaro dal couloir al colle, attraverso un collo di bottiglia di roccia a 7400 metri che portava all'altipiano di neve appena sotto la parete finale. Insieme al mio compagno di cordata Zdeněk Hrubý abbiamo risolto questa prima sezione chiave con arrampicata di misto dopo il nostro secondo bivacco. Il giorno successivo abbiamo continuato fino a 7500 metri sotto la barriera di roccia. Purtroppo siamo stati costretti ad una fuga epica, che ha significato 2000 metri di doppie e arrampicata in discesa. Zdeněk Hrubý aveva un'ulcera perforante e solo per miracolo abbiamo raggiunto il campo base.

Nel 2013 abbiamo raccolto i fallimenti come perle su una collana. Durante questo tentativo il mio abituale compagno di cordata Zdeněk Hrubý ha trovato la morte dopo essere caduto per 1000 metri nel couloir. È caduto con tutta l’attrezzatura, compresa la corda. Così la mia discesa è diventata una lotteria pura, tra rimanere in vita oppure unirmi a Zdeněk nel suo viaggio finale.

Nel 2015 è arrivato il tentativo insieme a Tomáš Petreček, quando abbiamo raggiunto quota 7400 metri e siamo scesi insieme alle valanghe causate dalle orribili condizioni atmosferiche. L’anno successivo insieme a Ondřej Mandula, abbiamo raggiunto i 7700 metri, ma il destino ha giocato un ruolo difficile con noi e per otto giorni siamo rimasti bloccati a 7500 metri in una trappola bianca senza via di fuga. Visibilità minima, nevicate pesanti e vento forte hanno reso la nostra discesa veramente terribile. Dopo il ritorno il conto finale includeva congelamenti pesanti ai miei piedi, che mi sono costati più di 6 mesi per il recupero.

Quest’anno è stata una grande scoperta quando abbiamo superato i difficili passaggi di roccia sopra i 7700 metri e abbiamo raggiunto la cima dopo un grande impegno da parte nostra. Strati sottili di neve non assestata e granito marcio sono stati una combinazione terribile! In alcune sezioni l'arrampicata era così in bilico che siamo stati costretti a toglierci i guanti per cercare appigli instabili e salire lentamente verso l'alto. Salire la headwall, la parte finale della parete, ha richiesto tre giorni. Abbiamo effettuato sei bivacchi in totale, con quattro giorni ad un'altezza critica tra i 7400 ed i 8000 metri. L'ultimo bivacco è stato a ottomila metri, direttamente sotto la cima.

Nonostante le forti nevicate ed il forte vento sul lato nord-orientale della montagna, la nostra discesa è iniziata verso il Couloir dei Giapponese e verso il pianoro a 7100 metri. Il giorno dopo il tempo è migliorato decisamente e abbiamo continuato lungo il Coulouir dei Giapponesi, a volte con neve fresca fino in vita. Nonostante l’alto pericolo di valanghe non avevamo altra scelta che continuare la nostra discesa. Il nostro ultimo bivacco è stato sul pianoro a 6000 metri, da dove abbiamo attraversato il ghiacciaio per raggiungere il campo Base la mattina successiva. È interessante notare che finora siamo stati gli unici a raggiungere la cima quest’anno!

Alpinisti: Marek Holeček (Mara), 43 anni e Zdeněk Hák (Háček), 37 anni
Nome della via: Satisfaction! (in memoria di Zdeněk Hrubý)
Difficoltà: ED+ (M7,WI5+) 70°
Lunghezza: 3000m
Date: 25 luglio al 1 agosto 2017
La salita: 8 giorni incluso la discesa, 6 giorni per raggiungere la cima
Cima raggiunto: 30 luglio, circa le 13 ore locali (Pakistan)
Stile della salita: stile alpino

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Nuova via per Babanov e Afanasiev sul Gasherbrum I
05.08.2008
Nuova via per Babanov e Afanasiev sul Gasherbrum I
L’1 agosto Valery Babanov e Viktor Afanasiev hanno aperto una nuova via sul versante sud-ovest del Gasherbrum I (8068m). Dopo quello sul Broad Peak (8047m) dello scorso 17 luglio, questo è il secondo nuovo itinerario su un Ottomila per i due alpinisti russi.
Piolets d’Or 2016, quattro le salite scelte
07.04.2016
Piolets d’Or 2016, quattro le salite scelte
Dal 14 al 17 aprile quattro salite alpinistiche verranno celebrate dal Piolets d’Or 2016, il riconoscimento internazionale dell'alpinismo che andrà in scena a la Grave-La Meije Francia. Le salite selezionate sono: Talung (Nepal) degli alpinisti Ucraini Nikita Balabanov e Mikhail Fomin; Gave Ding (Nepal) dei britannici Mick Fowler e Paul Ramsden; Cerro Riso Patron (Cile) dei francesi Jerome Sullivan, Lise Billon e Antoine Moineville e l'argentino Diego Simari; Cerro Kishtwar (India) degli sloveni Marko Prezlj e Urban Novak, dello statunitense Hayden Kennedy ed del francese Manu Pellissier. La 24° edizione premierà anche l'alpinista polacco Wojciech Kurtyka con il Piolet d'Or Carrière.
Ueli Steck e la cordata Raphael Slawinsky & Ian Welsted vincono il Piolets d'Or 2014
29.03.2014
Ueli Steck e la cordata Raphael Slawinsky & Ian Welsted vincono il Piolets d'Or 2014
Il Piolets d'Or 2014 è stato assegnato questa sera a Courmayeur a due salite: la parete Nord-Ovest del K6 salita da Raphael Slawinsky e Ian Welsted e la parete sud dell' Annapurna salita da Ueli Steck. La salita della Sud dell' Annapurna effettuata da Stephane Benoist e Yannick Graziani ha ricevuto una menzione speciale dalla giuria, mentre il premio alla carriera "Walter Bonatti" è stato consegnato allo statunitense John Roskelley.
Piolets d'Or 2014: cinque spedizioni in nomination
27.02.2014
Piolets d'Or 2014: cinque spedizioni in nomination
Dalle più remote regioni del Nepal e del Pakistan alle lande ghiacciate dell'Alaska, dall'imponente catena del Masherbrum all'asprezza di una montagna simbolo come l'Annapurna. Cinque ascensioni, realizzate da alcuni tra i più forti scalatori del panorama mondiale, in lizza per i Piolets d'Or 2014, il più importante premio internazionale di alpinismo che si svolgerà dal 26 al 29 marzo a Courmayeur e Chamonix, ai piedi del Monte Bianco.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria
  • Tupac Amaru - Carpe Diem
    la cascata è stata salita nel 97 da carlotti e compagni. r ...
    2015-01-06 / francesco lamo