Home page Planetmountain.com
Campo Base Everest gennaio 2018
Fotografia di Domenico Perri
verso il Campo Base dell'Everest gennaio 2018
Fotografia di Domenico Perri
Domenico Perri verso il Campo Base dell'Everest
Fotografia di Domenico Perri
Campo Base Everest gennaio 2018
Fotografia di Domenico Perri

Everest, sguardi al campo base del tentativo di salita invernale di Alex Txicon

di

Domenico Perri racconta il primo impatto al campo base dell'Everest dove Alex Txicon e Ali Sadpara si preparano per il loro tentativo di salita invernale senza ossigeno della montagna più alta della terra.

Dopo essere arrivati a Gorak Shep il primo gennaio e aver festeggiato il Capodanno a Lobuche, inusuale cornice ambientale con l'enorme mole del Nuptse sopra di noi, con Ali (Ali Sadpara ndr), ieri, 2 gennaio, siamo saliti al Kala Pattar a circa 5500 m. In una giornata fredda e luminosa, come ormai succede da molti giorni. Dalla vetta, si apre un panorama straordinario sul ghiacciaio del Khumbu e sugli anfiteatri di roccia e ghiaccio che circondano la grande mole dell'Everest, la cui cima si intravvede appena dietro il Lhotse.

Un breve riepilogo delle condizioni del gruppo: a Gorak Shep siamo arrivati io, Alex (Alex Txicon) e Ali con alcuni portatori, il resto del gruppo si è trattenuto a Lobuche, a causa di evidenti sintomi di mal di montagna che hanno colpito alcuni membri del team. Soprattutto Dani, il surfer di Barcellona, continua a soffrire da giorni di emicrania.

Ieri, 2 gennaio, appena rientrati dal Kala Pattar, dopo una colazione veloce ci siamo avviati verso il campo base. Una risalita lenta attraverso morene e pietraie che coprono la grande lingua di ghiaccio del Khumbu, in circa tre ore. Il campo è disposto a raggio, intorno alle due tende principali, dove sono sistemate la cucina e la sala da pranzo. Io mi sono ficcato dentro la tenda comoda e accogliente. Sopra di noi, incombente, la seraccata del Khumbu, su cui dovranno esser montate le scale per consentire l'attraversamento complesso dell'Icefall. Ma ben presto ho percepito di trovarmi in un luogo estremo, in condizioni ambientali proibitive.

Nel tardo pomeriggio il cielo si è chiuso sotto una coltre di nuvole dense. Il vento del nord cominciava ad abbattersi sulle nostre tende, e la sensazione primaria era di essere in balia di forze grandiose. Anch'io cominciavo ad avvertire qualche sintomo, mal di testa e inappetenza. Alex, sempre sereno e sorridente, mi sottopone alla saturazione dell'ossigeno nel sangue, in effetti era di 71, al di sotto dello standard necessario per una buona acclimatazione.

Intanto Ali, mio compagno fidato, si prendeva cura di me in modo amorevole, preparandomi il sacco, sistemandomi i materiali, offrendomi del tè... Con Ali ho stabilito un rapporto profondo, fatto di piccoli doni reciproci (gli ho dato dei guanti pesanti d'alta quota è un paio di mutandoni), di sorrisi complici, di riflessioni intorno alle sue salite sugli ottomila insieme ad Alex, Nardi ed ai polacchi. E di tutto questo vi dirò in modo più approfondito in un report dedicato ad Ali Sadpara. Uomo generoso e semplice, ma dotato di una forza psicofisica straordinaria.

La notte è stata una delle più dure della mia vita. Solo al campo due dell'Aconcagua, in Argentina, avevo vissuto qualcosa di simile. Per quanto fossi ben equipaggiato, sentire intorno a me il vento impressionante che a tratti si abbatteva sulla tenda con raffiche potenti e il calo drastico delle temperature, almeno 23/24 gradi sotto zero, con tutti i sintomi del mal di montagna, francamente era troppo. Ma ho cercato di concentrarmi e valutare ogni possibile opzione. L'unica concessa era quella di aspettare che il tempo passasse.

In piena notte, avvertii dei conati di vomito e usai un sacchetto. La notte era ancora lunga, la condensa produceva cristalli di ghiaccio che si depositavano sul sacco creando una condizione di freddo ulteriore. Potevo solo avvolgermi nel sacco e attendere. "A dda fini' a nuttata!". Dopo 14 ore di attesa il cielo ci aveva concesso stamattina, una delle albe più belle. Oggi sono rientrato a Gorak Shep in uno stato di sfinimento.

Domenico Perri

info: Everest 2018 Winter Expedition b.c. 5364 m

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Alex Txikon, l'alpinista, l'uomo e il racconto di un incontro speciale
24.12.2017
Alex Txikon, l'alpinista, l'uomo e il racconto di un incontro speciale
Alex Txicon raccontato dall'amico Domenico Perri. Alla vigilia del suo secondo tentativo di effettuare la prima salita invernale senza ossigeno dell'Everest, presentiamo questo intenso ritratto dell'alpinista basco che ha già salito 10 Ottomila e che nel 2016 insieme a Simone Moro e Ali Sadpara ha realizzato la prima storica invernale del Nanga Parbat.
Nanga Parbat: cima e prima invernale per Simone Moro, Ali Sadpara e Alex Txikon
26.02.2016
Nanga Parbat: cima e prima invernale per Simone Moro, Ali Sadpara e Alex Txikon
Oggi, venerdì 26 febbraio 2016, l'italiano Simone Moro, lo spagnolo Alex Txikon e il pachistano Ali Sadpara hanno realizzato la prima storica salita invernale del Nanga Parbat (8126 metri, Karakorum, Pakistan). L'italiana Tamara Lunger che faceva parte del team si è fermata prima della vetta. Verso le 20:00 circa (Pakistan time) tutti gli alpinisti hanno fatto ritorno al Campo 4 a 7.100m.
Alex Txikon abbandona la spedizione invernale all’Everest
08.03.2017
Alex Txikon abbandona la spedizione invernale all’Everest
L’alpinista basco Alex Txikon ha terminato la spedizione invernale all’Everest dopo un ultimo tentativo che si è fermato a causa dei venti fortissimi al Campo 2 (6400m).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria