Home page Planetmountain.com
Vlado Linek sul settimo tiro durante la prima salita di El Condor Pasa (8b, 700m), Cerro Trinidad Central, Valle Cochamo, Patagonia, Cile.
Fotografia di Kristoffy, Krasnansky, Linek
Josef Kristoffy, Vlado Linek e Martin Krasnansky e in cima al Cerro Trinidad Central, Valle Cochamo, Patagonia, Cile dopo la prima salita di El Condor Pasa (8b, 700m),
Fotografia di Kristoffy, Krasnansky, Linek
El Condor Pasa (8b, 700m, Josef Kristoffy, Martin Krasnansky, Vlado Linek 01/2016), Cerro Trinidad Central, Valle Cochamo, Patagonia, Cile.
Fotografia di Kristoffy, Krasnansky, Linek
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

El Condor Pasa, nuova big wall Slovacca nella Valle Cochamó in Cile

di

Jozef Kristoffy, Martin Krasnansky e Vlado Linek hanno effettuato la prima salita della via d'arrampicata El Condor Pasa (8b, 700m) sul Cerro Trinidad Central nella Valle Cochamo, Patagonia cilena.

I climbers slovacchi Jozef Kristoffy, Martin Krasnansky e Vlado Linek sono da poco rientrati a casa dopo aver aperto El Condor Pasa, una difficile nuova via d'arrampicata sulla parete nord-ovest del Cerro Trinidad Central nella Valle Cochamó in Patagonia.

Il trio è volato in Cile il 28 dicembre per una spedizione di 5 settimane e, dopo il lungo viaggio trasportando 300kg di materiale, hanno finalmente raggiunto La Junta nella valle Cochamo, il campeggio che si trova a circa 3 ore a piedi dal villaggio di Cochamo nella Patagonia settentrionale.

Dopo aver esaminato le pareti e raccoltol le informazioni necessarie hanno deciso di aprire una nuova via sull' impressionante parete nord ovest del Cerro Trinidad Central (1720m). Durante i successivi tre giorni hanno trasportato 300 kg di attrezzatura e viveri alla base della parete, poi il 5 gennaio hanno iniziato a salire seguendo una linea vergine posta circa 50 metri a sinistra di Nunca mas Marisco (Angelo Forcignano, Ismaele Fosti, Christian Gianatti, Lorenzo Lanfranchi, Giovanni Ongaro, Simone Pedeferri, 2005) che condivide la stessa partenza di Tabanos na Cara (5.10c (6a+) A3+, Sergio Tartari, José Luis Hartman, 2000).

Inizialmente la nuova via ha seguito fessure poco profonde e gli slovacchi presto si sono resi conto che lo stile di arrampicata era molto diverso da quello al quale erano abituati. Formate dall'acqua, dal ghiaccio e dalla vegetazione, le fessure erano così piccole che incastrare le dita dentro ed inserire le protezioni era praticamente impossibile, quindi i tre hanno dovuto ricorrere a complesse tecniche di arrampicata in artificiale usando piccoli nuts, micro friends e cliff. Molte fessure erano sporche e dopo mezzogiorno, quando il sole colpiva la parete, l'arrampicata è diventata quasi impossibile, trasformandosi in una lotta contro le temperature insopportabili e contro i tafani (Tabanos).

Nonostante tutto gli slovacchi hanno perseverato e, utilizzando un mix di arrampicata in artificiale e libera, durante le settime successive hanno fissato i tiri più bassi riuscendo a raggiungere la vetta il 14 gennaio 2016. Cinque tiri sono in comune con la via Tabanos na Cara, ma dove questa piega verso sinistra gli slovacchi hanno continuato a destra, parallela a Nunca mas Marisco. Dal 20 - 25 gennaio hanno poi liberato tutti i tiri rimanenti, tra cui spicca il 14° tiro liberato da Kristoffy durante l'ultimo giorno in parete, con difficoltà stimate attorno a UIAA X (8b).

Anche se il tempo era scaduto per provare a salire la via in un'unica soluzione dal basso, con tutti i tiri liberati singolarmente Kristoffy ha raccontato a planetmountain.com: "Sono molto soddisfatto, questo è il più grande successo personale fino ad ora: un tiro di 50m gradato UIAA, a circa 400 metri da terra, al quale io stesso ho contribuito a creare, a migliaia di chilometri da casa, dopo 3 settimane di duro lavoro, con poco cibo a disposizione e fisicamente esausti... "

Dopo aver completato la via i tre hanno portato via tutto il loro materiale primi di iniziare l'eterno viaggio verso casa. Attualmente El Condor Pasa è probabilmente la via più difficile della valle Cochamó.


La spedizione ringrazia: Beal, Bosch, Climbing Technology, Travellunch, Adventura Sport, Hanwag, Primus, Stubai, Suxxezz, adidas Terrex, Autona Industry, Mais-Sk, Elevod, HK Filozof, Mirka Cechova e Sandro Dikaios.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria