Home page Planetmountain.com
Invernale Solleder - Lettenbauer Civetta, Dolomiti: Léo Billon sulle placche prima del Cristallo, giorno 2
Fotografia di Groupe militaire de haute montagne
Invernale Solleder - Lettenbauer Civetta, Dolomiti: Max Bonniot inizia il terzo giorno con un tiro di 6a
Fotografia di Groupe militaire de haute montagne
Invernale Solleder - Lettenbauer Civetta, Dolomiti: Benjamin Védrines affronta la colata di ghiaccio, giorno 3
Fotografia di Groupe militaire de haute montagne
Invernale Solleder - Lettenbauer Civetta, Dolomiti: Max Bonniot e Léo Billon al terzo bivacco
Fotografia di Groupe militaire de haute montagne

Dolomiti: invernale francese della Solleder alla Civetta

di

Alpinismo: l’intervista all’alpinista francese Max Bonniot dopo la ripetizione della storica Solleder - Lettenbauer alla Nord-Ovest del Civetta in Dolomiti, effettuata insieme a Léo Billon e Benjamin Védrines dal 22 al 25 dicembre 2017.

Dal 22 al 25 dicembre 2017 gli alpinisti francesi Léo Billon e Max Bonniot appartenenti al Groupe militaire de haute montagne di Chamonix e la guida alpina Benjamin Védrines hanno effettuato un’importante ripetizione invernale della Via Solleder alla Nord-Ovest del Civetta in Dolomiti. Aperta dalla formidabile cordata Emil Solleder - Gustav Lettenbauer in sole 15 ore il 7 agosto del 1925 e famosa per essere la prima via di sesto grado delle Alpi, questi 1200 metri erano stati ripetuti in inverno per la prima volta dal 28 febbraio al 7 marzo del 1963 da Ignazio Piussi, Giorgio Radaelli e Toni Hiebeler, poi pochi giorni più tardi da Roberto Sorgato, Natalino Menegus e Marcello Bonafede. Mentre la prima solitaria è di Cesare Maestri, effettuato nel settembre 1952. Dal 14 al 18 gennaio 2000, invece, il 30enne Marco Anghileri ha effettuato la prima invernale solitaria, compiendo un autentico colpo da maestro su una delle pareti più grandi ed importanti delle Dolomiti. Adesso i francesi hanno deciso di trascorre il loro Natale su questa straordinaria parete, trovando così vicino a casa l’avventura, ma anche ricordando quella salita di Anghilieri di 17 anni fa.

Max, innanzitutto come mai questa via?
Perché era la più semplice della parete! Ma anche perché sembrava così logica ed è così storica. È una linea diretta, pura, che sale dritta in cima. Sembrava facile trovare buoni posti per bivaccare, dove avremmo potuto stenderci per dormire invece di rimanere appesi agli imbraghi. E alla fine i bivacchi sono stati perfetti, e abbiamo trascorso tre notti in parete.

Ci parli della vostra salita?
Sapevamo che sarebbe stato un buon allenamento per noi, dover affrontare 5 giorni d’arrampicata in questo stile: camini e placche che sono piuttosto complicati in inverno, anche se sono soltanto gradati soltanto IV o V! C’era neve dappertutto, a volte enormi accumuli che ci costringevano a scavare per trovare i chiodi. Poi il calcare era difficile da leggere e da proteggere, quindi un buon modo per allenare le nostre capacità tecniche. Salire il calcare con dei ramponi è sempre un gioco interessante, perché le fessure non sono mai così continue come sul granito. L’impegno è maggiore e trovare la via giusta è più complicato che sul granito.

Cosa sapevate della via?
Che era il primo sesto grado della Alpi. Sapevamo che sarebbe stata un’avventura perché avevamo sentito le storie di alcune invernali. Come la prima del ’63 con Ignazio Piussi, ovvero "Il più forte alpinista dell’epoca" come scritto nella didascalia di una foto pubblicata in un vecchio numero della rivista Vertical. Avevamo anche letto il racconto di Patrick Berhault, il suo capitolo dedicato alla via Solleder si chiama "La concentration c'est la sécurité" e lui la descrive come una "via impegnativa a causa del gran numero di tiri con roccia friabile e protezioni brutti." Quindi con grande rispetto per ciò che è stato fatto in passato abbiamo deciso di partecipare a questo gioco invernale in Civetta. Eravamo in cerca di una bella avventura e l’abbiamo trovata!

Quindi la via non la conoscevate. Nemmeno la Civetta?
Per Benjamin era la seconda volta in cima alla Civetta, aveva fatto la Via Ferrata degli Alleghesi con la sua fidanzata alcuni anni fa. Quindi no, nessuno di noi aveva salito la parete nord ovest. Adesso però siamo molti motivati a tornare in estate e salire vie come Nuvole barocche o Chimera verticale!

Quindi novità assoluta per voi due
Si, è stato molto interessante cercare l’avvicinamento e anche, come sempre quando non conosci un massiccio, trovare il miglior modo per scendere. Leo e io non sapevamo nulla del Civetta quindi era tutto nuovo. E anche se Benjamin ci era già stato in estate, i problemi in inverno sono ben diversi. Il rischio di valanghe, le difficoltà nel trovare la via di discesa dopo la cima; anche se c’è la ferrata, è facile perdersi con tutta quella neve. E infatti la discesa è stata piuttosto interessate! Per noi è stato bello uscire dal massiccio del Monte Bianco dove arrampichiamo spesso in inverno. Sul Civetta abbiamo dovuto affrontare molte più problematiche logistiche rispetto a quando arrampichiamo sulle Grandes Jorasses. E questo era quello che volevamo dal nostro viaggio in Dolomiti!

Com’è stato su in parete?
Molto figo, perché eravamo da soli in parete ma riuscivamo a sentire il paese di Alleghe, soprattutto a Natale! Era bello ascoltare la musica mentre mangiavamo il nostro cibo liofilizzato! La via è molto intensa perché non ci sono molti tiri facili. Spesso l’arrampicata è complicata, come i camini Lettenbauer nella prima metà della via. Su un tiro non riuscivamo a salire con lo zaino in spalla perché il camino è troppo stretto. Avevamo zaini grandi, quindi abbiamo dovuto tirarli su dopo. Salire una via in inverno comporta la cura di un sacco di piccoli dettagli, devi pensare due volte a tutto ciò che stai facendo. Ed è proprio questo il tipo di avventura che volevo avere.

Nel cuore delle Dolomiti!
Sì, è stato bello vivere quest’avventura nelle Alpi. A volte le spedizioni possono essere abbastanza noiose perché richiedono moltissimo tempo. In inverno invece l’avventura è sempre intensa e le Alpi sono facili da raggiungere. Ogni volta che arrampico in inverno nelle Alpi, non trovo mai delle tracce sulla terminale, non trovo nessuno in parete. Mi piace un sacco questa sensazione di solitudine così vicina alle grandi paesi come Chamonix o Grindelwald, ad esempio.

Un ultimo pensiero?
Mi sono molto piaciuti gli italiani, così amichevoli! Quando siamo scesi dalla cima abbiamo scoperto un biglietto sulla nostra macchina. Contrariamente a Chamonix, non era una multa! Era un messaggio di Valter Bellenzier, custode del rifugio Tissi. Ci aveva visti in parete, sapeva esattamente quale via stavamo salendo. L'abbiamo chiamato per bere una birra insieme, abbiamo parlato della parete, ricordando gli alpinisti che l’hanno salita come Marco Anghileri, un amico di Walter e di sua moglie Paola. È stato un bellissimo momento. Gli italiani sanno davvero come accogliere i loro ospiti!

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
17.02.2000
Marco Anghileri e la Solleder al Civetta
Intervista a Marco Anghileri dopo la prima solitaria invernale della Solleder al Civetta effettuata dal 14 al 18 gennaio 2000
21.01.2000
Marco Anghileri compie la prima invernale solitaria della Solleder al Civetta
Dal 14 al 18 gennaio 2000 Marco Anghileri ha salito in prima invernale solitaria la Via Solleder alla Nord-Ovest del Civetta.
Punta Tissi, Civetta: invernale di Kein Rest Von Sehnsucht per Tondini, Baù e Geremia
27.04.2012
Punta Tissi, Civetta: invernale di Kein Rest Von Sehnsucht per Tondini, Baù e Geremia
Dal 1 al 3 marzo 2012 Nicola Tondini, Alessandro Baù ed Enrico Geremia hanno effettuato la prima salita invernale di Kein Rest Von Sehnsucht (1250m, 28 tiri, VIII+ max) sulla Nord Ovest di Punta Tissi, Civetta (Dolomiti). Una via, tra le più impegnative della parete, aperta da Cristoph Hainz e Valentin Pardeller.
Fabio Valseschini, intervista dopo la prima solitaria invernale sulla Civetta
24.02.2011
Fabio Valseschini, intervista dopo la prima solitaria invernale sulla Civetta
Fabio Valseschini parla della sua recente (grande) prima solitaria invernale della Via dei 5 di Valmadrera sulla parete NO della Civetta (Dolomiti), ma anche del suo alpinismo e della sua passione per la montagna.
Prima invernale solitaria sulla Nord-Ovest della Civetta per Fabio Valseschini
14.02.2011
Prima invernale solitaria sulla Nord-Ovest della Civetta per Fabio Valseschini
Domenica 13 febbraio l'alpinista lecchese Fabio Valseschini, dopo 7 bivacchi in parete, ha compito la prima solitaria invernale della grande Via dei cinque di Valmadrera (1350m, VI+ A3) sulla parete Nord Ovest della Civetta (Dolomiti). Oggi, dopo un ottavo bivacco sotto la cima, Valseschini ha completato la sua impresa scendendo lungo la normale.
Nord-Ovest del Civetta: prima invernale di Capitan Sky-hook per Tondini e Baù
23.03.2010
Nord-Ovest del Civetta: prima invernale di Capitan Sky-hook per Tondini e Baù
Il 19 Marzo 2010, Alessandro Baù e Nicola Tondini hanno realizzato la prima invernale, la terza ripetizione assoluta di Capitan Sky-hook (500m + 380m di zoccolo, 7b+) sulla parete Nord-Ovest del Civetta.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria