Home page Planetmountain.com
Il Sassolungo in Dolomiti. Da sinistra a destra: Punta Grohmann, Punta delle Cinque Dita e Spallone del Sassolungo
Fotografia di Francesco Tremolada
Sulla cresta sommitale del Sassolungo, Dolomiti
Fotografia di Francesco Tremolada
Scendendo dalla Forcella del Dente del Sassolungo, Dolomiti
Fotografia di Francesco Tremolada
Il Sassolungo e il Sasspiatto in Dolomiti
Fotografia di Francesco Tremolada

Dolomiti: l'altro Sassolungo

di

Come si fa a raccontare il Sassolungo senza parlare del Sassolungo? Forse parlando della Punta delle Cinque Dita, la Punta Grohmann, la Torre Innerkofler, il Dente, il Sasso Piatto... Per l'estate 2017, cinque puntate dedicate a questo gigante delle Dolomiti.

"Sono solo sassi" disse la ragazza, mentre il suo moroso aveva occhi solo per la montagna. Sì, sono solo sassi. Un po’ cresciuti, forse, ma sempre pietra sono. Trattasi di minerali, di materia amorfa e per definizione senza vita. Ma lui, il moroso, è un arrampicatore e, ai suoi occhi, quelle rocce non sono per nulla inanimate. Se non sono loro a parlargli, sicuramente è lui che parla a loro, nei bei sogni come negli incubi. Da sempre ha questo potere l’uomo: dare un’anima alle cose che lo circondano, dar voce agli animali e, appunto, anche alle rocce. Magari lo fa a sproposito, ma è giusto nella sua natura pensare quello che gli sta attorno a sua immagine e somiglianza, forse perché così ne ha meno paura…

Come si fa a raccontare il Sassolungo senza parlare del Sassolungo? Si può forse avere la visione della realtà (dell’insieme) eliminandone un pezzo? Ora agli alpinisti, e a quelli più addentro alla toponomastica dolomitica, la cosa è chiara: c’è il gigantesco Sassolungo, che dà il nome al Gruppo, poi, una dopo l’altra, ci sono la Punta delle Cinque dita, la Punta Grohmann, la Torre Innerkofler, il Dente, il Sasso Piatto e, presa un po’ nel mezzo del semicerchio, la Cima Dantersass. Però, se ci si caccia più all’interno, tra quel dedalo di pareti, torrioni, campanili, denti, obelischi, siluri, pardon salami pietrificati e via discorrendo, l’elenco s’allunga. Ci sono il Pollice, l’Indice, l’Anulare e tutte le altre dita della mano, fino al Dito di Dio che ovviamente è in sovrappiù. C’è la prima Torre del Sassopiatto, seguita da tutte le altre. C’è il sorprendente di cui sopra Salame, e anche la Torre Lisa, il Campanile Wessely, quello di Venere e la Punta Rosmarie… Insomma, si potrebbe continuare per molto fino a citare uno per uno, con tanto di nome e cognome, tutti i singoli massi della più grande metropoli di pietra delle Dolomiti: la Città dei Sassi che sta ai piedi del… Sassolungo.

Appunto, ancora il Sassolungo. E’ lui il re. Il simbolo della meno estesa e, allo stesso tempo, tra le più impressionanti barriere delle Dolomiti. E’ lui che, sbucando da ripide praterie, incombe sulla Val Gardena con la sua magnifica, immensa e turrita muraglia. Com’è lui che per primo s’infiamma per dare la sveglia a Campitello e alla Val di Fassa intera. Pure da Passo Sella, la sua onnipresente roccaforte giganteggia e attira la vista. In realtà da lì, dal Sella, a cavallo tra levante e settentrione, tra Fassa e Val Gardena, la visione mostra il famosissimo trittico formato da Punta Gromhan, Cinque dita e naturalmente dal possente Sassolungo. Come del resto da ovest, alla mole del gigante, si contrappone l’immenso piano inclinato del Sassopiatto. Magia delle Dolomiti di mostrarsi sempre diverse. E particolarità del Sassolungo che mette assieme, racchiuse nello spazio di poche ore di cammino, decine di pareti e strutture rocciose diverse.

Mettiamola così: se qui un tempo c’era il mare (e non c’è dubbio che ci fosse) il tutto doveva apparire come la classica montagna dell’isola del tesoro contornata da un enorme labirinto d’infiniti e alti scogli, disposti a semicerchio per proteggere un personale e nascosto mare. Ecco, è proprio in questo "altro" Sassolungo, fatto di guglie, picchi, pareti, sassi e denti spesso dimenticati, o meglio confusi e accorpati al fratello maggiore, che ci addentreremo. Non perché il gigante sia antipatico, nonostante quella sua aria di scontrosa cupezza; ma perché il divo è già di per sé così importante, quasi ingombrante nella sua mole, che forse per un momento si può ben lasciare da parte per esplorare le infinite divagazioni di rocce e torri che gli stanno attorno, lo sostengono e in fondo lo fanno essere quel che è.

di Vinicio Stefanello

pubblicato su Alp Grandi Montagne #31 Sassolungo

>> Vai alla seconda puntata, Punta delle Cinque Dita

L'ALTRO SASSOLUNGO
Capitolo 1: Introduzione
Capitolo 2: Punta delle cinque dita

Capitolo 3: Punta Grohmann

Capitolo 4: Torre Innerkofler

Capitolo 5: Dente e Sassopiatto

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Punta delle Cinque Dita, Sassolungo, Dolomiti
25.07.2017
Punta delle Cinque Dita, Sassolungo, Dolomiti
Punta delle Cinque Dita del Sassolungo: il secondo capitolo per esplorare questo gigante delle Dolomiti e la sua storia alpinistica.
Punta Grohmann, Sassolungo, Dolomiti
27.07.2017
Punta Grohmann, Sassolungo, Dolomiti
Il terzo capitolo sul Sassolungo è dedicato alla Punta Grohmann, conosciuta anche come Sasso Levante e Grohmannspitze, alta 3126m e salita per la prima volta nel 1880 da Michael Innerkofler.
Spallone del Sassolungo: una prima discesa con gli sci in Dolomiti per Hermann Comploj
29.03.2016
Spallone del Sassolungo: una prima discesa con gli sci in Dolomiti per Hermann Comploj
Il 20/03/2016 Hermann Comploj ha effettuato una nuova prima discesa con gli sci in Dolomiti, scendendo in solitaria il versante sudovest dello Spallone del Sassolungo 3081m.
Nord del Sassolungo in inverno - non è posto per burattini. Di Ivo Ferrari
10.06.2015
Nord del Sassolungo in inverno - non è posto per burattini. Di Ivo Ferrari
Prendendo spunto dalla salita invernale, non integrale, della Via Soldà al Sassolungo, Ivo Ferrari si immedesima come fittizio terzo compagno di cordata per percorrere, insieme ai britannici Bob Millward e Steve Parr, l’immensa parete nord in quei difficili sei giorni nel dicembre 1976. Questa esperienza invernale sulla nord del Sassolungo è stata raccontata da Millward nel suo ormai famoso articolo No place for brass monkeys, tradotto da Gian Piero Motti e intitolato in italiano Non è posto per burattini. La prima vera salita integrale della via Via Soldà al Sassolungo, aperta da Franco Bertoldi e Gino Soldà nel 1936, è stata effettuata in tre giorni del febbraio 1985 dagli alpinisti altoatesini Kurt Walde e Toni Zuech.
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
26.05.2015
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
Dal 18 al 20 febbraio 2015 Giorgio Travaglia e Alex Walpoth hanno effettuato la prima invernale della Via Esposito - Butta sulla parete nord del Sassolungo, Dolomiti.
Spallone del Sassolungo in Dolomiti
20.12.2013
Spallone del Sassolungo in Dolomiti
Goulotte Raggio di sole e la Cascata dello Spallone, una classica combinazione che porta alla Cima Spallone del Sassolungo. La scheda presentata da Giuseppe Ballico.
Pilastro Magno, Sassolungo, prima invernale per Milani e Travaglia
21.01.2013
Pilastro Magno, Sassolungo, prima invernale per Milani e Travaglia
L'8, 9 e 10 gennaio 2013, Giorgio Travaglia e Francesco Milani hanno ripetuto in prima invernale, con 2 bivacchi in parete, la via "Pilastro Magno" (950m, VI) la via aperta da Ivo Rabanser e Marco Furlani nell'estate del 1993, sulla parete nord-est del Sassolungo (Dolomiti).
La Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder
17.01.2013
La Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder
Il 7 e 8 gennaio 2013, le Guide Alpine Catores Adam Holzknecht e Hubert Moroder hanno realizzato la prima salita di "La Legrima" (WI6 M6 V+, 2 passi A0) la grande linea di ghiaccio e misto sulla parete Nord del Sassolungo (Dolomiti) a lungo inseguita da molti ice climber.
22.09.2005
Nuova via dedicata ad Andrea Andreotti sul Dente del Sassolungo
Il 15 settembre 2005 Ivo Rabanser, Stefano Michelazzi, Giuseppe Ballico hanno aperto la via "Andrea Andreotti", sulla parete SE del Dente del Sassolungo (Dolomiti) con difficoltà di VII+, A3+.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria