Home page Planetmountain.com
Il Dente del Sassolungo, Dolomiti
Fotografia di Francesco Tremolada
Il Sassolungo ed il Sassopiatto in Dolomiti, visti dal Corno del Renon
Fotografia di Nicholas Hobley
Da sinistra a destra: Sassopiatto, Dente del Sassolungo, Torre Innerkofler e Punta Grohmann, visti da Campitello
Fotografia di Planetmountain
Sul Dente del Sassolungo, Dolomiti
Fotografia di Francesco Tremolada

Dente del Sassolungo e Sassopiatto

di

Il quinto ed ultimo nostro capitolo sul Sassolungo, Dolomiti, è dedicato al Dente del Sassolungo e all'enorme mole del Sasso Piatto che domina la Val Gardena e la Val di Fassa.

"Da qui, messere, si domina la valle ciò che si vede, è.
Ma se l'imago è scarna al vostro occhio scendiamo a rimirarla da più in basso
e planeremo in un galoppo alato entro il cratere ove gorgoglia il tempo." (Banco del Muto Soccorso 1991

Le Dolomiti riescono sempre a sorprendere. Guardate il dente del Sassolungo: certo non ci sarebbe nome più adeguato per descrivere questo campanile ricurvo, questa autentica zanna, che svetta e si distingue pur se messa nel mezzo tra colossi di tutt’altra mole come la Torre Innerkofler e il Sassopiatto. E guardate al Sassopiatto: al suo enorme triangolo, con il piano inclinato che con andamento costante e perfetto degrada verso sud mentre, sull’altro lato, è sostenuto da imprendibili bastionate. Fanno una bella coppia il Dente e il Sassopiatto pure se nulla sembra accomunarli, se non la vicinanza e l’essere a chiusura della fila dell’ala più meridionale del Sassolungo. L’uno offre il più docile accesso alla vetta ed è il regno degli escursionisti, l’altro è il simbolo del sesto grado e delle mille forme che può assumere un campanile "made in dolomia". Sono differenze e contrasti a cui le Dolomiti ci dovrebbero aver abituato, ma che ogni volta ci stupiscono e irretiscono, spiazzandoci anche un po’.

Come spiazza l’impresa della Guida fassana Luigi Bernard che, riprendendosi una bella rivincita sulla mancata prima delle Cinque Dita, il 28 giugno 1889 dalla forcella del Sassopiatto trova la sua solitaria via per la cima del Dente. Si può ben immaginare, il Bernard, mentre s’inerpica tra le nervature della zanna alla ricerca della via meno erta, ma pur sempre verticale, per sbucare in cima. Si può ben pensare che sia stato come trovare la strada verso il cielo. La strada che più di ogni altra gli ha aperto le porte verso tutte le altre cinquanta e più nuove salite della sua lunga carriera di Guida, che lo vide tra i protagonisti su tutte le cime del Sassolungo. Come protagonista, in quelle ricerche e vagabondaggi tra i segreti delle rocce, è stata la coppia formata dal chirurgo viennese Hans Lorenz e da Oskar Schuster (lo stesso che ha dato il nome alla famosa fessura sulla nord ovest delle Cinque Dita). Il 18 settembre 1895 i due trovano una variante finale a quella via, già percorsa dallo stesso Schuster e da Wilhelm Lohmüller, che s’infila tra le crepe della parete est del Sassolungo. Proprio sulle loro tracce, già l’anno dopo, nascerà quello che ancora oggi è il sentiero attrezzato Oskar Schuster. Un classico per tantissimi escursionisti che ogni anno lo percorrono raggiungendo la cima della muraglia del Sassopiatto, per poi discenderne la rocciosa schiena inclinata.

Ora, esplorati i lati più deboli, il nostro viaggio per gli opposti contrasti di queste montagne dalle infinite visioni e vie, potrebbe continuare sull’altro lato della montagna, quello difficile ed erto della Prima Torre del Sassopiatto che svetta a due passi dal Rifugio Vicenza. Il 23 e 24 luglio del 1936, sulla parete Nord Est di questa colonna che sorregge il peso dell’immenso scivolo del Sassopiatto, avremmo incontrato Gino Soldà e Franco Bertoldi impegnati nella loro bella via che s’incunea tra gialli strapiombi. Gli stessi che, neanche un mese dopo, avremmo incontrato sulla parete nord est del Dente. Trecentocinquanta metri di ardui strapiombi, fino ad allora insoluti, che i due affrontarono prima con una ricognizione, poi con un tentativo ed un bivacco imprevisto che li portò in vetta. Certo non deve essere stato del tutto casuale se quella via attese ben 27 anni prima di essere ripetuta da Carlo Platter e Emilio Talmon.

E’ ovvio che stiamo raccontando non solo dell’epoca d’oro del sesto grado ma anche di lotte epiche. Poi stiamo parlando di uno dei rappresentati più notevoli di quel periodo come sicuramente è stato Soldà. Tanto notevole che non si può lasciare la Guida di Recoaro senza citare le altre sue vie in quella strepitosa estate del ’36 che lo vide, sempre insieme a Bertoldi, autore anche della salita del diedro Ovest del Campanile Wessely e soprattutto della diretta alla parete Nord del gigantesco Sassolungo. Una via immensa, ripetuta nel 1969 in prima solitaria da quel Reinhold Messner che, proprio in quegli anni, era il simbolo dei nuovi limiti dell’arrampicata e dell’alpinismo. Non fu un caso, dunque, se di lì a poco Reinhold con Sepp Mayerl ritornò sulla grande nord del Sassolungo per tracciare una nuova via…

Ecco alla fine del nostro giro siamo ritornati nuovamente al gigante, al Sassolungo. Perché da lì, "messeri", si domina la Valle e ogni più piccolo masso, singolo dente, torre, spigolo e parete che compongono questo strano mondo a cui alcuni uomini sanno parlare.

di Vinicio Stefanello

pubblicato su Alp Grandi Montagne #31 Sassolungo

>> Vai alla quarta puntata, Torre Innerkofler

L'ALTRO SASSOLUNGO
Capitolo 1: Introduzione
Capitolo 2: Punta delle cinque dita

Capitolo 3: Punta Grohmann

Capitolo 4: Torre Innerkofler

Capitolo 5: Dente e Sassopiatto

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Torre Innerkofler al Sassolungo, Dolomiti
31.07.2017
Torre Innerkofler al Sassolungo, Dolomiti
Il quarto capitolo sul Sassolungo è dedicato alla Torre Innerkofler, alta 3098 metri ed incastrata tra la Punta Grohmann e il Dente del Sassolungo è un missile di Dolomia che domina Campitello in Val di Fassa.
Punta Grohmann, Sassolungo, Dolomiti
27.07.2017
Punta Grohmann, Sassolungo, Dolomiti
Il terzo capitolo sul Sassolungo è dedicato alla Punta Grohmann, conosciuta anche come Sasso Levante e Grohmannspitze, alta 3126m e salita per la prima volta nel 1880 da Michael Innerkofler.
Punta delle Cinque Dita, Sassolungo, Dolomiti
25.07.2017
Punta delle Cinque Dita, Sassolungo, Dolomiti
Punta delle Cinque Dita del Sassolungo: il secondo capitolo per esplorare questo gigante delle Dolomiti e la sua storia alpinistica.
Dolomiti: l'altro Sassolungo
25.07.2017
Dolomiti: l'altro Sassolungo
Come si fa a raccontare il Sassolungo senza parlare del Sassolungo? Forse parlando della Punta delle Cinque Dita, la Punta Grohmann, la Torre Innerkofler, il Dente, il Sasso Piatto... Per l'estate 2017, cinque puntate dedicate a questo gigante delle Dolomiti.
Spallone del Sassolungo: una prima discesa con gli sci in Dolomiti per Hermann Comploj
29.03.2016
Spallone del Sassolungo: una prima discesa con gli sci in Dolomiti per Hermann Comploj
Il 20/03/2016 Hermann Comploj ha effettuato una nuova prima discesa con gli sci in Dolomiti, scendendo in solitaria il versante sudovest dello Spallone del Sassolungo 3081m.
Nord del Sassolungo in inverno - non è posto per burattini. Di Ivo Ferrari
10.06.2015
Nord del Sassolungo in inverno - non è posto per burattini. Di Ivo Ferrari
Prendendo spunto dalla salita invernale, non integrale, della Via Soldà al Sassolungo, Ivo Ferrari si immedesima come fittizio terzo compagno di cordata per percorrere, insieme ai britannici Bob Millward e Steve Parr, l’immensa parete nord in quei difficili sei giorni nel dicembre 1976. Questa esperienza invernale sulla nord del Sassolungo è stata raccontata da Millward nel suo ormai famoso articolo No place for brass monkeys, tradotto da Gian Piero Motti e intitolato in italiano Non è posto per burattini. La prima vera salita integrale della via Via Soldà al Sassolungo, aperta da Franco Bertoldi e Gino Soldà nel 1936, è stata effettuata in tre giorni del febbraio 1985 dagli alpinisti altoatesini Kurt Walde e Toni Zuech.
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
26.05.2015
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
Dal 18 al 20 febbraio 2015 Giorgio Travaglia e Alex Walpoth hanno effettuato la prima invernale della Via Esposito - Butta sulla parete nord del Sassolungo, Dolomiti.
Spallone del Sassolungo in Dolomiti
20.12.2013
Spallone del Sassolungo in Dolomiti
Goulotte Raggio di sole e la Cascata dello Spallone, una classica combinazione che porta alla Cima Spallone del Sassolungo. La scheda presentata da Giuseppe Ballico.
Pilastro Magno, Sassolungo, prima invernale per Milani e Travaglia
21.01.2013
Pilastro Magno, Sassolungo, prima invernale per Milani e Travaglia
L'8, 9 e 10 gennaio 2013, Giorgio Travaglia e Francesco Milani hanno ripetuto in prima invernale, con 2 bivacchi in parete, la via "Pilastro Magno" (950m, VI) la via aperta da Ivo Rabanser e Marco Furlani nell'estate del 1993, sulla parete nord-est del Sassolungo (Dolomiti).
La Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder
17.01.2013
La Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder
Il 7 e 8 gennaio 2013, le Guide Alpine Catores Adam Holzknecht e Hubert Moroder hanno realizzato la prima salita di "La Legrima" (WI6 M6 V+, 2 passi A0) la grande linea di ghiaccio e misto sulla parete Nord del Sassolungo (Dolomiti) a lungo inseguita da molti ice climber.
22.09.2005
Nuova via dedicata ad Andrea Andreotti sul Dente del Sassolungo
Il 15 settembre 2005 Ivo Rabanser, Stefano Michelazzi, Giuseppe Ballico hanno aperto la via "Andrea Andreotti", sulla parete SE del Dente del Sassolungo (Dolomiti) con difficoltà di VII+, A3+.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria
  • Tupac Amaru - Carpe Diem
    la cascata è stata salita nel 97 da carlotti e compagni. r ...
    2015-01-06 / francesco lamo