Home page Planetmountain.com
Dani Ascaso, Lise Billon, Santiago Padros e Jérôme Sullivan durante la prima salita di Balas y Chocolate (900m, ED+), Cerro Adela Norte, Patagonia
Fotografia di archivio
Dani Ascaso, Lise Billon, Santiago Padros e Jérôme Sullivan durante la prima salita di Balas y Chocolate (900m, ED+), Cerro Adela Norte, Patagonia
Fotografia di archivio
Dani Ascaso, Lise Billon, Santiago Padros e Jérôme Sullivan durante la prima salita di Balas y Chocolate (900m, ED+), Cerro Adela Norte, Patagonia
Fotografia di archivio
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Cerro Adela Norte, nuova via di ghiaccio e misto in Patagonia

di

Dani Ascaso, Lise Billon, Santiago Padros e Jérôme Sullivan hanno aperto Balas y Chocolate (900m, ED+), una nuova via di ghiaccio e misto sulla parete sud del Cerro Adela Norte in Patagonia.

Un team internazionale composto dagli spagnoli Santiago Padros e Dani Ascaso ed i francesi Lise Billon e Jérôme Sullivan ha aperto una difficile nuova via sulla parete sud del Cerro Adela Norte, la montagna che con le sue tre cime distinte - Adela Sur, Adela Central e, appunto, Adela Norte - funge come formidabile "guardiano" dei fianchi del Cerro Torre in Patagonia.

L’idea degli alpinisti era di salire una nuova via sull' Adele Norte che si sarebbe poi collegata alla Via dei Ragni circa all’altezza del Colle della Speranza per proseguire poi fino in vetta al Cerro Torre. Una specie di super concatenamento, simile a quello effettuato dagli statunitensi Kelly Cordes e Colin Haley che, nel 2007, avevano salito la via À la recherche du temps perdu aperta da Andy Parkin e François Marsigni nel 1994. Da notare che in precedenza soltanto Padros aveva già calcato, nel 2005, la cima del famoso fungo di ghiaccio del Cerro Torre salendo la via del Compressore di Cesare Maestri.

Il primo giorno i quattro sono partiti con calma, impiegando 9 ore per l’avvicinamento fino al campo Niponino. Il giorno successivo invece hanno risalito il contorto ghiacciaio Adela verso la base della sud del Cerro Torre e del Cerro Adela, dove si sono riposati per alcune ore.

Hanno attraversato la terminale alle 03:00 del 23 ottobre e dopo alcuni metri di salita in conserva a sinistra di À la recherche du temps perdu hanno iniziano le difficoltà vere e proprie, con un tiro definito "speciale" di WI 5+, affrontato ancora al buio.

Quattro tiri di ghiaccio in buone condizioni li hanno condotti alla sezione chiave della via costituita da altre due difficili ed estenuanti lunghezze. Quando i quattro hanno iniziato i 200m del couloir che doveva portarli fuori delle difficoltà stava diventando buio e, dopo alcuni pendii di neve molto esposti, alle 3 di mattina hanno raggiunto un punto più alto e più a sud rispetto al Colle della Speranza, 12 ore più tardi dell’ora prevista e 26 ore dopo la loro partenza.

Il 24 ottobre si è annunciato con sole però, come scrive Padros, "la nostra condizione fisica e la possibilità di un brusco cambio del tempo ci consiglia di ritirarci verso il Circo de los Altares, ed iniziare gli oltre 30 km di trekking fino alla strada più vicina!" I quattro si sono quindi calati verso il Colle delle Speranza e hanno impiegato due giornate, ciascuna di 12 ore di cammino, per rientrare attraverso il Passo Marconi a El Chalten.

"Sulla parete sud del Cerro Adela Norte" scrive Padros "lasciamo una nuova via chiamata Balas y Chocolate, 900m, ED+ o, nella versione moderna, WI 5+, A2, M6+, X. Da ripetere all’inizio stagione e durante le giornate più fredde. I primi tiri sono esposti alla caduta di seracchi/funghi di ghiaccio."

Il Cerro Adela Sur e il Cerro Adela Central erano stati saliti per la prima volta nel 1958 da Walter Bonatti e Carlo Mauri, alcuni giorni dopo il primo tentativo sulla parete ovest del Cerro Torre che poi, nel 1974, sarebbe diventata la celebre Via dei Ragni. Nel 1988 invece gli argentini Eduardo Brenner e Silvia Fitzpatrick hanno effettuato la prima salita del Cerro Adela Nord.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria