programma

gara

classifiche
Daone 2002

IWC 2000 - 2001

KAYLAND MEETING

programma

cascate

LOGISTICA

Ice Climbing Stadium

mappa

PROTAGONISTI

interviste

curiosita'

video

portfolio
NEWS
STAMPA
SPONSORS
Ice Master World Cup 2003 Valle Daone
Ice Master World Cup 2002
LA GARA

finale femminile 19/01/03

E' Ines Papert le regina del ghiaccio in Valle di Daone. La tedesca è stata impeccabile, sicura. Ha dato veramente spettacolo, da campionessa del mondo e da grande ghiacciatrice. Sì, perché questo "palazzo" tutto ghiacciato di Pracul offre infinite possibilità, nell'elemento per cui sono nate picche e ramponi.

Tre le vie, una diverse dall'altra, preparate dai tracciatori. Percorsi misurati al millimetro, tecnici e spettacolari, ma anche adatti ad atlete chiamate a spendere le ultime energie di questa maratona agonistica durata tre giorni. Si inizia con il vero boulder: tetto con "stalattite" più un'uscita che richiede bloccaggi e tecnica dry tooling. E' Ines l'unica che lo risolve accoppiando le picche al top… e già si intuisce come andrà a finire. Anche se, su quel primo e difficile blocco, c'era stata la sorpresa della bella prova della russa Natalia Koulikova.

Seconda via con partenza su tetto ghiacciato e gran traversata sui pannelli di dry tooling: lì non c'è stato nulla da fare per nessuna. Papert, Buchmann, Watkins, Koulikova, Sdobnikova si fermano tutte nella stessa zona. Mentre Go Misung, Muller e Shabalina oggi sembra proprio non riescano ad ingranare la marcia giusta.

Solo Ines a questo punto è sicura del podio. Sarà decisiva l'ultima prova, la grande colonna percorsa da una vera via di ghiaccio con uscita su pannello. E' il top più alto e più atteso. E puntualmente arriva con l'ultima atleta in gara, naturalmente è Ines Papert che, come nelle migliori gare, arriva al top per la gran gioia di tutto il pubblico che affolla la "collina" che fa da tribuna alla struttura.

Alle spalle della Papert conquista un bellissimo secondo posto Ksenia Sdobnikova, vincitrice l'anno scorso qui a Daone e dell'Ice World Cup 2002. Terza la russa Natalia Koulikova, brava a sovvertire i pronostici per un podio, che è una grande conquista per lei. 4° e 5° posto rispettivamente per la simpatica canadese-austrialana Abby Watkins e per la tedesca Kirsten Buchmann, da entrambe forse ci si attendeva di più. Infine, chiudono la classifica Muller, Shabalina, Go Misung.

Bella gara dicevamo, perfetta per tracciati, tempi, e spettacolo… Chissà cosa ci riserverà la finale maschile..

finale maschile 19/01/03

Russo, ventenne, fortissimo
e determinato, non ha mai mollato e ha vinto. E' Alexei Tomilov. E' suo l'Ice Master World Cup della Valle di Daone, 2a tappa della Coppa del mondo di arrampicata su ghiaccio. In finale Alexei è stato il più regolare ed è stato premiato. Non era facile oggi, per nessuno. Le vie, veramente spaziali ed impegnative, hanno messo alla corda tutti i finalisti. Nessuno è riuscito ad arrivare in cima dei tre itinerari ma lo spettacolo, per un gran pubblico, non è mancato. Quando c'è lotta non ci si annoia mai!

Ha sicuramente lottato e dato tutto l'austriaco Harry Berger. Era il favorito, quello che in questi giorni, assieme a Tomilov e Krivosheytsev, aveva più impressionato. Ma evidentemente anche lui ha risentito di questi intensissimi tre giorni di gara. Harry, nella prima via, è stato superato da Tomilov che ha saputo interpretare meglio il traverso su ghiaccio strapiombante dell'avvio, ma soprattutto è stato l'unico a lanciarsi nel dry tooling finale arrivando a vedere il top.

Fatale, per molti, è stato il secondo blocco. Un viaggio di rara intensità che proponeva un concentrato di tutto quello che in questi giorni si è visto: strapiombo di ghiaccio, traversata in dry tooling sui magnifici pannelli della struttura, "trasloco" volante e, soprattutto, la traversata sotto all'enorme tetto di 3 metri. Anche qui Tomilov si è spinto più avanti di tutti, quasi a raggiungere l'uscita. Un po' più indietro si è fermato il fortissimo e giovanissimo folletto svizzero, quel Samuel Anthamatten che giorno dopo giorno non finisce di stupire. Sul tetto si è spento anche il campione del mondo Krivosheytsev, e forse è stato qui che il gigante russo ha perso la strada del podio. Mentre il francese Stephane Husson, uno dei protagonisti della Ice World Cup, ha dovuto forzatamente abbandonare la gara per uno strappo alla schiena.

Alla terza via, tutto è ancora in gioco. Il top è altissimo, proprio alla fine di una delle due imponenti colonne che sembrano tenere insieme il castello ghiacciato. E' qui che si mette in luce Kurt Astner, l'unico italiano in finale, che arriva a superare tutta la rampa ghiacciata che poi immette sulla seconda parte della via. Ancora meglio fa Anthamatten; il piccolo svizzero infiamma il pubblico con i tre lanci che lo portano alla piccola stalattite a tre quarti della via. Grande "piccolo" Samuel anche se l'uscita è lunghissima e per lui non c'è più niente da fare. Nello stesso si ferma anche Evgeny. Nesuno dei due ha trovato il buco rovescio per inserire la picca. Lo troverà solo Berger, l'ultimo in gara, l'unico a piantare le piccozze all'inizio dell'ultimo pannello, proprio allo scadere del tempo. Ma non importa, il pubblico ha goduto dello spettacolo e, appunto, della lotta.

Finisce con un emozionato Tomilov che sale sul gradino più alto del podio. Seguito da Harry Berger (2°), la sorpresa Samuel Anthamatten (3°), Evgeny Krivosheytsev (4°). Alle loro spalle Markus Bendler (5°), Aliaz Anderle (6°), Kurt Astner (7°), Stephane Husson (8°).

Termina, alla grande, con una premiazione degna di una gara di Coppa del mondo, o meglio della Valle di Daone. Una piccola, grande valle trentina che in tre anni è diventata il riferimento mondiale per le competizioni di arrampicata sportiva. Merito della competenza di Maurizio Gallo, il progettista della struttura più bella e amata dagli atleti, di Riccardo Milani motore inesauribile della manifestazione. Merito dei bravissimi tracciatori, dalla fantasia sfrenata. E merito del gran cuore della Valle, dal presidente e segretario Candido e Romolo Ghezzi, ai volontari, al Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, ai Vigili del Fuoco e ai tantissimi che collaborano. Un bell'esempio di passione per le proprie montagne.

Bravi! Arrivederci al 2004.



  
 finale
 semifinali
 open
 classifiche
 Portfolio finali
 Programma gara
Ice Master World Cup 2003 Valle Daone
Kirsten Buchmann (GER)
(ph Planetmountaion.com)
Ice Master World Cup 2003 Valle Daone
Alexei Tomilov (RUS)
(ph Planetmountaion.com)
Ice Master World Cup 2003 Valle Daone
Evgeny Krivosheytsev (UKR)
(ph Planetmountaion.com)
TRACCIATORI
Attilio Munari, Pietro Dal Pra, Sebastien Foissac, Konstantin Jdanov
GIUDICI
Andrej Pecjak, Michael Boss, Jasna Pecja

| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.
[include:'/incl/analytics.lasso',Encodenone]