Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowVie ferrate arrowVia Ferrata Cesare Piazzetta

Via Ferrata Cesare Piazzetta

Scheda a cura di: Planetmountain.com
Area: Dolomiti, Gruppo: Sella, Cima: Piz Boè, Quota: 3152m

La Ferrata Piazzetta è tra i più impegnativi itinerari di questo genere. Il tratto iniziale quasi verticale viene superato solo con l’ausilio di corde metalliche e’ quindi necessario usare bene i piedi. Il tratto terminale meno ripido richiede molta attenzione perche’ attrezzato solo parzialmente.

ACCESSO GENERALE

Da Canazei in Val di Fassa o da Arabba si raggiunge il Passo Pordoi.

ACCESSO

E’ possibile lasciare l’auto al Passo e salire in funiva in cima al Sass Pordoi per poi ridiscendere lungo il canalone del Pordoi e traversare in direzione est fino alla Ferrata (sentiero 638 e poi 7). Si puo’ anche salire a piedi lungo il sentiero che conduce alla Forc. Pordoi e raggiunta la base del canalone ghiaioso traversare a destra (sent. 7) in quota fino alla ferrata.
Una terza possibilita’ consiste nel portare l’auto fino al parcheggio dei Monumento ai Caduti della Grande Guerra e da li prendere il ripido sentiero che conduce prorio alla base della ferrata (ore 1,30).

ITINERARIO

Una targa di metallo indica l’inizio; si parte subito lungo una parte grigio gialla verticale attrezzata con cavi. L’andamento non e’ rettilineo, si seguono piccole cengie prima a sinistra, poi a destra. Bisogna utilizzare bene gli arti inferiori per non affaticarsi subito. Alla fine di questo primo salto si attraversa sinistra lungo una buona cengia e si riparte lungo uno stretto camino per tornare poi a destra fino ad un piccolo ponte realizzato con soli cavi.
Superato il ponticello, la via prosegue per salti ripidi ma di minore difficolta’ fino a raggiungere la cresta terminale. Le grosse difficolta’ sono finite. Si prosegue ora per gradoni senza corda fissa superando alcuni risalti in arrampicata. Nel tratto terminale ci sono due possibilità: seguire il sentierino che attraversa a sinistra (Ovest) e riporta alla Forc. Pordoi, oppure continuare lungo la cresta gradinata e raggiungere la parte finale del sentiero 638 che conduce in cima al Piz Boé 3152m.

DISCESA

Se avete scelto di non salire in cima al Piz Boé dalla Forc. Pordoi potete scendere lungo il canalone detritico e raggiungere il Passo Pordoi. Dalla Cima del Piz Boé potete invece scendere verso Nord al rif. Boé o verso sudovest (sentiero 638) tornando alla Forc. Pordoi.

MATERIALE

Eventuale spezzone di corda.

NOTE DIFFICOLTÀ

Itinerario molto impegnativo soprattutto nella parte iniziale. Richiede esperienza e capacita’ di muoversi su terreno di I e II grado anche senza cavo. Puo’ essere utile una corda per assicurarsi nei primi 100 m ed eventualmente nelle roccette finali.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Via Ferrata Cesare Piazzetta"

08-06-2013, Paolo Borsoni
La ferrata Piazzetta confrontata con la Mesules sul Sella, la Sci Club confrontata con la Tomaselli a Cortina, la Pertini confrontata con la Sass Rigais a Selva di Val Gardena chiariscono bene i termini del problema sollevato da chi vorrebbe eliminare tutte le ferrate dalle Dolomiti perché deturpano il paesaggio. Nei primi casi si sono messi chiodi e fili di acciaio su pareti intonse con una filosofia agonistica per arrivare con similscalate e arrampicate di secondo ordine dove facilmente si può giungere anche con un sentiero normale. Nei secondi casi si sono attrezzate per sicurezza vie uniche che portano a luoghi straordinari, altrimenti inavvicinabili se non a pochissimi scalatori. Le prime ferrate sono ibridi inutili. Le seconde ferrate arrichiscono i luoghi e chi le fa.
01-04-2009, Claudio Sacchi
Concordo pienamente con i Sigg. Giorgioni, Tartaglia (alla fine), Boccacci e Spalla.Tschüs!
06-06-2008, Carlo Giorgioni
Penso sia una delle più brutte ed insensate ferrate mai tracciate. Quando si insegue il mito della ferrata difficile a tutti i costi senza alcuna considerazione questo è il risultato. Soprattutto la partenza che obbliga ad attaccarsi alla corda è un insulto all'arrampicata. Non ricordo (è passato molo tempo, è vero, ma ho buona memoria) alcun passaggio di particolare interesse. Con una ferrata meravigliosa come le Meisules, il sella non aveva bisogno di questa smargiassata.Non la rifarò.
12-09-2007, Tartaglia Roberto
La ferrata è tra le più difficili, l'attacco è veramente tosto ed occorre molta forza nelle braccia, per fortuna il tutto dura poco più di 100m. Sarà stata la giornata bellissima ma il panorama che si gode è veramente notevole. Dopo una salita quasi in solitaria l'arrivo al Piz Boè mi ha ricordato con un po di delusione la Firenze signa....che casino.
11-09-2007, francesco boccacci
se cercate un modo x testare la forza dei vostri bicipiti,questa ferrata fa al caso vostro. i primi 1oo metri sono insensati,seguono un tracciato innaturale su roccia liscia,e la progressione si riduce a un mero sollevarsi di forza con le sole braccia! inoltre il breve camino prima del ponte presentava un chiodo rotto complicando nn poco il tratto gia delicato di per se!......xke nn aggiungere una staffa?? l ultimo tratto senza assicurazione nn è tremendo come si sostiene,basta un po d attenzione......come sempre quando si va in montagna! Cé DI MEGLIO!!!!!!!!
05-09-2006, Daniele Nocentini
Bella ascesa su ferrata molto difficile anche se le difficoltà maggiori si trovano nel tratto compreso tra l'attacco e il ponte sospeso, poi diminuiscono eccetto un paio di tratti anch'essi difficili. Più avanti poi si devono superare alcuni tratti privi di cavo metallico un in particolare un pò delicato, sono superabili senza grossi problemi anche da slegati ma se si vuole rimanere in totale sicurezza consiglio di portarsi una corda e fare sicura negli anelli cementati appositamente predisposti.Superati questi tratti la salita prosegue per roccette e pietrisco fino alla cima. Purtroppo la cima è raggiungibile anche da facili sentieri che portano molta gente specie in agosto e questo toglie un pò di fascino alla vetta.
04-07-2005, Nereo Tiso
Molto impegnativa; richiede forza di braccia e tecnica. Io qualche difficoltà l'ho avuta anche se ne ho fatte moltissime. Ci sono dei passaggi molto esposti. Meglio se in cordata. Molto bella. Il ponticello, seppur corto, è da mozza fiato
28-07-2004, Andrea Celestri
La ferata e' dura all'inizio ma poi si "calma", anche se il bello sta proprio nel passare i passaggi piu' duri! Quest'anno fa molto freddo quindi copritevi bene e arrivati in vetta al Piz Boe' prendevi una bella cioccolata calda!! Buna salita!!
23-10-2002, Gabriele Protti
Molto bella, il primo tratto è abbastanza impegnativo come da consuetudine del grande e caro Gilberto!
19-09-2002, Michael Stanton
An enjoyable via ferrata. The hard part is only in the first 150 meters, and is pretty demanding. I wore rock shoes for this, which made it much easier since I could stand on very small ledges. The unprotected climbing is very easy, more like steep hiking on scree. I was on the route at 8 am, and enjoying apfelstruedel at the summit hut by 10 am. Have fun!
01-08-2002, mario nardelli
Molto bella vale la pena
03-10-2001, Francesco Piardi
Impegnativa la parte iniziale fino al ponticello. Poi piu' tranquilla.
19-09-2001, M
Dopo un lungo avvicinamento, finalmente si arriva all'espostab parete gialla su cui scorre la ferrata.Subito si sale esposti e con pochi appigli fino alla prima cengia. Da lì si prosegue fino al ponte di sole corde e poi fino al Boè, in arrampicata libera ma facile.
19-09-2001, Principe Matteo
Dopo un lungo avvicinamento, finalmente si arriva all'espostab parete gialla su cui scorre la ferrata.Subito si sale esposti e con pochi appigli fino alla prima cengia. Da lì si prosegue fino al ponte di sole corde e poi fino al Boè, in arrampicata libera ma facile.
11-09-2001, spalla massimo
La ferrata e' bella e la salita e' divertente. Secondo me pero' la via sale per una direzione inutilmente difficile e non naturale. Sarebbe stato possibile fare la stessa ferrata evitando inutili difficolta', specie nei primi 30 metri. Sembra piu' una palestra che una via ferrata dolomitica.
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

giugno - ottobre

FREQUENTAZIONE

media

ORARIO

4 - 6 h

DIFFICOLTÀ

Molto difficile

VERSANTE

sud

DISLIVELLO SALITA

900m

DISLIVELLO FERRATA

300m

PDF

Via Ferrata Cesare Piazzetta

PDF

Via Ferrata Cesare Piazzetta

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA Vie ferrate

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
AKU # Montagnard GTX
Montagnard GTX
C.A.M.P. # Cassin X-Dream
Cassin X-Dream
Icebreaker # Mens Atom LS Zip Hood
Mens Atom LS Zip Hood
Zamberlan # Everest
Everest
Lizard # Alp
Alp
The North Face # Storm Shadow Jacket
Storm Shadow Jacket
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello