Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowVie ferrate arrowSentiero Ivano Dibona

Sentiero Ivano Dibona

Scheda a cura di: Planetmountain.com
Area: Dolomiti, Gruppo: Cristallo - Faloria, Cima: Cristallino d'Ampezzo (3008m), Quota: 2932m

Lungo itinerario che si svolge, prevalentemente in discesa e senza particolari difficoltà, seguendo magnifici e aerei percorsi di cengia della prima guerra mondiale. Caratteristico l’iniziale attraversamento del ponte sospeso di 27m. Abbinato  alla salita della Ferrata Bianchi al Cristallo di Mezzo e alla deviazione alla Cima del Cristallino consente,  una fantastica traversata del Gruppo del Cristallo.

ACCESSO GENERALE

Da Cortina per la SS 48 del Passo Tre Croci fino alla Capanna Rio Gere e al parcheggio della stazione di valle della Seggiovia Son Forca (1698m) al Cristallo.

ACCESSO

Con la seggiovia al Rif. Son Forca e da qui, con cabinovia, alla Forcella Staunies (2919m). Dalla stazione superiore della cabinovia ha inizio la scala in ferro (cartelli) che porta alle prime corde fisse.

ITINERARIO

Dalla stazione superiore della cabinovia si percorre la scalinata in ferro fino alle prime funi che, verso sinistra, conducono alle traversine in legno del ‘Ponte del Cristallo‘. Percorsa l’impressionante ma sicura passerella che supera con un unico balzo di 27m una profonda gola, si continua verso la Forcella Grande (2874m) da cui, seguendo le corde metalliche, si può effettuare una rapida disgressione verso sinistra salendo in cima al Cristallino d’Ampezzo (3008m - h 0,30). Sempre dalla Forcella Grande, inoltre, si possono raggiungere in discesa (segnaletica) la Forcella Verde e la Ferrata De Pol. Il nostro itinerario, invece, oltrepassata la Forcella Grande, prosegue sul versante sud per cengie in parte attrezzate, passando sotto la Cresta Bianca (2932m) e superando vari edifici militari. Si giunge così alla Forcella Padeon (2760m), dove sorge il Bivacco Mag. Carlo Buffa di Perrero. Il sentiero procede quindi, in leggera salita, sul versante sud del Col Pistone (2862m) e

DISCESA

Dalla SS 51 si può scegliere di proseguire verso Ospitale (1490m) e rientrare con corriera o seconda macchina, oppure tornare per sentiero al Rif. Somforca (2110m) e rientrare con la seggiovia.

MATERIALE

Normale dotazione da ferrata.

NOTE DIFFICOLTÀ

Ben attrezzato in tutti i tratti necessari, il percorso, anche se prevalentemente in discesa, richiede buon allenamento visto la lunghezza e una verifica delle condizioni meteo e di innevamento.

NOTE

Rifugio Guido Lorenzi
Rifugio Son Forca

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Dolomiti e Brenta Guida alle ferrate
Oltre 120 vie ferrate di Eugen E Huesler
Editrice Frasnelli-Keitsch

Vie Ferrate nelle Dolomiti
di Hans Kammerer
Tappeiner Casa Editrice

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Sentiero Ivano Dibona"

08-09-2010, Renzo Becherelli
Bellissimo sentiero ferrato,panorami stupendi. Fatto a luglio,dopo 25 anni dalla mia "prima",senza difficoltà. Nuova corda e paletti nel primo tratto,poi c'è qualche punto di corda sciupata.Talora si sente il bisogno della corda nei tratti sprovvisti.Causa la sua lunghezza, necessita di allenamento.
17-07-2009, Patrizia Perut
Non vedevo l'ora di fare questa ferrata erano mesi che prendevo informazioni anche insieme a me avrei portato mia figli di 11 anni e con lei non voglio fare niente di pericoloso.Panorama stupendo punti esposti senza sicurezza scarsa segnaletica sui 2 canaloni della discesa.Sconsigliata ai bambini.
23-03-2009, Claudio Sacchi
Chi trova impegnativa, se non per la lunghezza, questa ferrata, attacchi le pedule al chiodo e faccia lo "struscio" in centro. Io l'ho fatta con mia moglie partendo da 3 Croci; il panorama è grandioso. Mia moglie è scesa a Ospitale mentre mi è toccato risalire Val Padeon a riprendere l'auto:luuuunga
06-06-2008, carlo giorgioni
Ferrata molto panoramica, con pochi passaggi impegnativi. attenzione! Il percorso è molto lungo, ed i tempi richiesti, specie se si è in gruppo sono molto superiori a quanto le guide riportano.Una volta finito il tratto attrezzato, bisogna affrontare numerosi saliscendi spezzagambe che possono colpire nel morale l'inesperto poco in forma. Un gruppo di oltre 5 persone può mettere in conto 10 ore per l'arrivo a Ospitale.
18-04-2008, STEFANO BARTESAGHI
BELLA FERRATA, CON UN CARATTERISTICO PONTE, DETTO TIBETANO, QUESTA FERRATA E' ANCHE STORICA PERCHE' SI TROVANO DEI RESTI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE, ED E' MOLTO INTERESSANTE STORICO, SI CONSIGLIA DI ANDARE A FARLA.
30-09-2006, matilde buso
era un giorno bruttissimo, nubi basse e freddo quindi il panorama era quasi inesistente: percorso soprattutto lungo ma non molto impegnativo tecnicamente. interessanti i reperti bellici e molto suggestivi. ma la cosa piu' bella era il mio compagno di viaggio!
28-08-2006, massimo mocellin
Bellissimo percorso fatto in compagnia di Christian da Mestre,il primo tratto è sicuramente il più bello. Portatevi tanta acqua in quanto per tutto il percorso non se ne trova. Ciao da Moka.
26-07-2005, Davide Saporito
Ferrata di grande interesse paesaggistico e storico, tecnicamente facile ma alquanto lunga e "noiosa" per l'interminabile discesa, prolungata dalla chiusura di una via di fuga a metà del percorso per cui è obbligatorio proseguire fino al ristorante ospitale e poi ritornare alle funivie. Attenzione al ghiaione di discesa: ripido, da non effettuare in condizioni meteo instabili.
25-02-2005, Paolo P.
ferrata splendida, assolutamente da consigliare. Da non sottovalutare la lunghezza: anche se sempre in discesa una persona non allenata può impiegare anche 8-9 ore. Le scorciatoie intermedie sono chiuse.
20-09-2004, Diego Brussato
Ciao a tutti, l'abbiamo fatta con una giornata "magnifica" di sole!!!!!!!!. Nella prima parte abbiamo trovato la neve. Paesaggio stupendo, sinceramente non ho trovato punti assicurati male, cmq SAPPIATE CHE TUTTE LE SCORCIATOIE SONO STATE CHIUSE PER PERICOLO DI FRANE, QUINDI NON FATELE!!!!!!!. Dall'arrivo della cabinovia a Ospitale 5 ore 45 minuti.
31-08-2004, William Camilla
Assolutamente non cominciate con la colazione al bar RIO GERE!!!! 2 cappucci e 2 brioches 6.20 euro!!!!! LADRIIIII!!!!!! La ferrata ha un panorama stupendo, è semplice ma protetta nei punti sbagliati. Le scorciatoie segnate in caso di ritirata sono vietate: perchè non scriverlo all'i nizio della ferrata invece che sul posto? E se qualcuno parte a mezzogiorno? Poveri elicotteristi... Il rientro per il sentiero che porta a rio gere e smisurato rispetto alla ferrata... Insomma, questa ferrata ci ha tanto entusiasmati quanto delusi.
30-08-2004, B Paolo
da quando in qua i monti si salgono in discesa? sicuramente impressionante il percorso tra le installazioni militari, troppi i passaggi poco protetti, la scorciatoia per la val Padeon non esiste più(franata-cartelli. Incuria e abbandono generale
16-09-2003, SIMONA ARCOZZI
PERCORSO FATICOSO PERCHE' MOLTO LUNGO, GIRO FANTASTICO E SUGGESTIVO IL PONTE SOSPESO, FERRATA FACILE
08-09-2003, Sergio Machnig
Stupenda dal punto di vista panoramico la prima parte dell'itinerario, da togliere il fiato. Assolutamente consigliata la salita al Cristallino. Più monotona invece la seconda. Se da una parte su questo itinerario si vede un po' di tutto (scarpe da ginnastica, jeans e k-way da funghi, guanti da giardinaggio, ecc.), bisogna anche dire che la seconda parte è assicurata male.Funi e fittoni arruginiti e laschi, protezioni saltate e non sostituite, cengie esposte non assicurate, ecc. Anche se lunga 6/7 ore non è faticosa perchè quasi tutta in discesa. Semplicemente scandaloso il prezzo degli impianti, con un orientamento al cliente da parte della società che li gestisce pari allo zero.
25-08-2003, matteo bergamo
splendida ferrata, facile e ben attrezzata. Vergognoso il prezzo degli impianti per raggiungere la Forcella Staunies, un furto!!Invito gli operatori del settore a creare un catalogo del bravo escursionista, ormai se ne vedono di tutti i colori...esibizionisti, "eroi" della domenica, guide improvvisate che tengono l'attrezzatura nello zaino!!
03-09-2002, de bardi fabio
Da aggiustare alcuni tratti rotti di fune metallica e relativi attacchi metallici alle pareti.Non sempre ottimale il posizionamento delle funi metalliche, ci sono alcuni punti in cui non guasterebbe una maggiore protezione.Giudizio complessivo: bellissima!!!
30-08-2002, stefano merisio
un paesaggio fantastico,ed una ferrata facile che ti permette di vedere e guardare la bellezza di questo posto
11-08-2002, Matteo Mongardini
Non è vero che il sentiero è sempre protetto, ci sono alcuni passaggi in cui il sentiero è stretto ed esposto e nno ci sono corde, io l'ho fatto con lo zaino di 12 Kg e non è facile, inoltre c'è anche una scaletta rotta!Il panorama resta fantastico!
24-07-2001, Enrico Dainese
In teoria deve essere molto bella, purtroppo io ho visto ben poco. C'era ancora molta neve e questo l'ha resa pericolosa in alcuni tratti, in cui la corda era sotto la neve. In più c'erano dei punti in cui il sentiero era un po' franato e altri punti con il cavo rotto
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

A seconda delle condizione d'innevamento da giugno ad ottobre

FREQUENTAZIONE

alta

ORARIO

compl. 8 h

DIFFICOLTÀ

Medio

VERSANTE

sud

DISLIVELLO SALITA

1600m

DISLIVELLO FERRATA

200m

PDF

Sentiero Ivano Dibona

PDF

Sentiero Ivano Dibona

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA Vie ferrate

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
Grivel # G22 NM
G22 NM
AKU # Montagnard GTX
Montagnard GTX
S.C.A.R.P.A. # Freedom SL
Freedom SL
adidas # W HIKING Heldinnen Jacket
W HIKING Heldinnen Jacket
C.A.M.P. # Cassin X-Dream
Cassin X-Dream
Lizard # Alp
Alp
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
L'ultimo tiro della Via dei Ragni, Cerro Torre
archivio Cominetti, Lucco, Salvaterra