Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowVie ferrate arrowVia delle Bocchette Centrali

Via delle Bocchette Centrali

Scheda a cura di: Planetmountain.com
Area: Dolomites, Gruppo: Brenta, Cima: Cima Brenta Alta, Quota: 2550 - 2800m

Together with the Via delle Bocchette Alte the Via delle Bocchette Centrali is rightly considered one of the most beautiful ferrate in the Brenta Dolomites. Crossing wild, exposed, but always well-equipped ledges, on clear days the view east extends from Lago di Molveno all the way to Civetta and the Marmolada, and west to Campanile Alto and the majestic Campanile Basso. Although a ferrata in its own right, it is also the natural second-day progression of the Via delle Bocchette Alte. After a night spent in one of the refuges, ideally Rifugio Alimonta, it guarantees an outing long to be remembered.

ACCESSO GENERALE

From Madonna di Campiglio drive to Rifugio Vallesinella (1513m).

ACCESSO

From Rifugio Vallesinella (1513m) take path no. 317 to Rifugio Casinei (1825m) and then continue on path no. 318 Sentiero dei Brentei in two hours to Rifugio dei Brentei (2182m). From here in one hour to Rifugio Alimonta (2580m).

ITINERARIO

From Rifugio Alimonta (2580m) begin easily up path no. 323 past the Sfulmini glacier (care required on hard-packed snow in the morning) to the windy Bocca di Armi and the start of the Via Ferrata (30 mins). Reach the ledge after a few ladders and continue past cables onto the east face of Torre di Brenta. Exposed but finally sheltered from the wind, this is the true start of the long ledge traverse of the Bocchette Centrali. It soon leads to the most difficult section of the ferrata, the exciting horseshoe shaped ledge of the sentiero Figari. The sheer drop is staggering and the ledge is only 50cm wide at this point, but cables lead safely to beneath the Sfulmini, the impressive view onto Campanile Alto and the fantastic Campanile Basso. The path now leads downwards along the east face, around Campanile Alto (excellent rest point with view) to zigzag past wet boulders and across a small snow patch. Continue past this deep into the majestic world of the Brenta Dolomites to almost touch the mythical Campanile Basso, first climbed by the Austrians Ampferer and Berger in 1899. The silence is interrupted only by shouts from climbers high above and the wind which now blows across the col. Climb up the short but sometimes slippery slope to this saddle, to then descend right onto the west face of the Cima Brenta Alta. Polished steps and ladders lead down to another ledge: follow this easily and enjoy the splendid view onto Cima Tosa and Crozzon di Brenta to reach the final ladders and the glacier below.

DISCESA

Once on the glacier beneath the Bocca di Brenta return easily along Sentiero dei Brentei (no. 318) to Rifugio dei Brentei (2182m, 1 hour) and then on to Rifugio Vallesinella and the car park in a further 1.30 hours. Alternativly, climb up to Bocca di Brenta and descend to Rifugio Tommaso Pedrotti (2491m). This acts as a formidable base for other ferrate in the Brenta region, or as a well-deserved rest for those who chose to take the long path up from Molveno.

MATERIALE

Normal via ferrata kit. Ice axe and crampons necessary at the start of the season

NOTE DIFFICOLTÀ

Not particularly difficult but exposed itinerary. Well-equipped throughout.

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Via Ferratas of the Italian Dolomites: Vol 2 by John Smith and Graham Fletcher. Cicerone Press 2002

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Via delle Bocchette Centrali"

06-06-2008, carlo giorgioni
Non difficile, ma super-super panoramica, con viste a strapiombo su Molveno, e passaggio a fianco del Campanil Basso
18-04-2008, STEFANO BARTESAGHI
FERRATA A MOZZAFIATO, CON DEI BELLISSIMI PASSAGGI AEREI, E CON CENGE CARATTERISTICHE, OTTIMO PAESAGGIO, CON LA VEDUTA ALLA STUPENDA TORRE DEL BRENTA, QUESTA FERRATA LA CONSIGLIO A TUTTI
23-10-2007, Mirko Tomassini
bellissima in questo periodo con alcune vette innevate. Necessaria la piccozza se si sale dall'alimonta.
26-08-2007, Maurizio Suzzani
Dire fantastica è troppo poco, percorsa in una splendida mattina con partenza dal Pedrotti, quindi arrivo all'Alimonta e a seguire, il SOSAT sino al Tucket. Un percorso indimenticabile! A mio avviso da percorrere solo con certezza di bel tempo senza rischi di temporali. Non ci sono vie di fuga !
22-09-2006, Davide Pighetti
Molto bella, fatta il giorno dopo quelle alte ed il confronto vien da se'...Unico neo, tropppppa gente, troppa....
28-07-2006, Marco Veneziale
Ho effettuato la salita dal Brentei all'Alimonta, non difficile ma spettacolare per i panorami. Partire la mattina prestissimo, verso le 11 iniziano a salire già le prime nuvole. Attenzione alla discesa della vedretta degli Armi, in questi giorni coperta di solo ghiaccio vivo. Utile la piccozza....da effettuare assolutamente!
17-07-2006, renata cavedon
ho fatto la via delle bocchette centrali partendo dal Brentei e arrivando all'Alimonta.Non presenta grandi difficoltà,ben attrezzata, molto varia e articolata. Splendido il paesaggio e la maestosità delle vette. Grande soddisfazione.
24-08-2005, carla rizzardi
bellissima!! soprattutto col sole. piu' godibile percorrendola dal pedrotti all'alimonta
07-08-2005, CHIARA BESCHI
VIA FERRATA DI AMPIO RESPIRO NEL CUORE DELLE DOLOMITI DI BRENTA, DA AFFRONTARE ALLENATI E CON BUONE CONDIZIONI METEO.SUGGERISCO DI PARTIRE DI BUON MATTINO, NEL PRIMO POMERIGGIO RISCHIO DI TEMPORALI.PANORAMI STUPENDI E SPETTACOLARI.
02-09-2004, Davide C
E' la seconda volta che la faccio :tecnicamente non difficile;percorribile anche senza uno specifico allenamento in 3.5 h.; panorami mozzafiato;consiglio mattino molto presto(per evitare nubi),dal rifugio Alimonta (sole alle spalle e minor dislivello in salita)e se possibile un giorno infrasettimanale (meno gente).(assenza di neve anche sotto Campanile basso )
18-07-2004, Tiziano Scarponi
Indimenticabile.Attenzione ai nevai che nascondono il cavo e pertanto alcuni passaggi non sono in sicura. Sarebbe consigliabile che alla vallesinella ed ai rifugi di partenza venisse evidenziato questo pericolo in modo che tutti portino qualche metro di corda da fissare su tali passaggi
01-11-2003, franco gazzoli
bella ma troppo affollata
27-08-2003, gianluigi
Che dire !? E' sicuramente una delle ferrate più belle dell' arco alpino !! Tecnicamente non è difficile , ma a tratti è molto esposta , anche se il percorso è quasi tutto orizzontale su cenge ottimamente assicurate !! Si segnala in particolare per l' estrema panoramicità e per il fatto di attraversare dei luoghi simbolo della storia dell' alpinismo (...a proposito , quando passate davanti al Campanile Basso volgete lo sguardo all' in su : vedrete sicuramente una o più cordate affrontare questa difficile ed affascinante cima ) !!!
27-08-2003, gianluigi
ops...nel mio commento ho invertito la data della mia escursione : ovviamente l' ho fatta il 3 agosto , e non l' 8 marzo !
13-08-2003, Davide Saporito
Percorso facile, adatto a tutti coloro che non soffrono di vertigini e che si apprestano alle prime vie ferrate. In una giornata soleggiata e con cielo terso la via risulta molto panoramica. Peccato per le file e per i sorpassi che si è costretti a fare nel week-end ma... c'era da aspettarselo!
04-08-2003, sibilla abraha
...questo posto è per me magico quindi il mio commento risultera' per alcuni esagerato.Ritornai in questo luogo dopo circa 8 anni dalla scalata dello spigolo N-E (Graffer) sul campanile basso.L'esserci ritornata significava riveder con calma il contesto in cui sta questa meravigliosa guglia.Ahimè il tempo ieri era molto variabile e le nubi stavano incollata proprio sulla via centrale delle bocchette.la ferrata è facile e comunque da non sottovalutare.Sulla ferrata troppe persone, dotate di attrezzature all'ultimo grido ma incapaci di muoversi con sicurezza e scioltezza.Molti giovani alcuni un po' stupidamente incoscienti( specialmenti i ragazzini).la montagna non è come le montagne russe, è un ambiente da rispettare e da amare, per le molteplici prospettive che offre.E' quindi un ambiente e non una palestra su cui provare alcune sfide.forse ho detto troppo...
23-07-2003, Davide Sabbioneda
l'ho fatta di notte...con la luna piena...pericolosissimo ma un'esperienza indimenticabile!in cima non serviva neanche il frontalino grazie alla luce lunare!maestosa
13-04-2003, Massimo Di Camillo
Spettacolare e incantevole
13-10-2002, Paolo Debernardis
Al terzo tentativo (due rinunce per neve e nebbia fittissima) ci siamo riusciti! Abbastanze esperti di ferrate non abbiamo trovato la benché minima difficoltà: tecnicamente è una passeggiata. Il paesaggio - veo - è stupendo, ma sfatiamo il mito che sia la più bela ferrata del mondo, perché: A9 non è una ferrata B) anche paesaggisticamente la Costantini è molto superiore. Saluti a tutti gli amici delle Dolomiti
29-09-2002, CINZIA AAAA
SALIRE E SCENDERE CON QUELLE GUGLIE E' STATO UN SOGNO.........PROVATE, NON RIMARRETE DELUSI!!!!!!!!!!
31-08-2002, Marco Cencini
La mia prima via ferrata...Che bella, peccato per le nubi!!! Consiglio di effettuarla dal rif.Pedrotti-Tosa verso il rif.Alimonta!
28-06-2002, Daniele Nocentini
Si la via ferrata non è difficilissima anche se ci sono tratti molto esposti. Io l'ho percorsa partendo dal rifugio Brentei e si parte subito con un parete di fronte al campanile alto, poi la via ferrata si sfolge tutta su cenge ben assicurate. Questa via ferrata rimane impressa sicuramente per i paesaggi stupefacenti che si attraversano, l'impressione è quella di essere dentro la montagna e non sulla montagna. DA FARE ASSOLUTAMENTE, ma con il tempo sereno!!!
27-03-2002, Andrea Diani
La ferrata non è difficile, per la maggior parte si svolge su cengia orizzontale, si è in piena parete ma ottimamente assicurati, i panorami sono eccezionali.
15-03-2002, Sergio Caresia
tutti e 4 i tratti di questa stupenda ferrata sono bellissimi e differenti tra di loro. Forse è più bello farla partendo dalla bocca degli armi e non viceversa, e di primo mattino, per non trovarsi con la foschia delle 10 - 11 che toglie moltissimo al panorama. Tecnicamente è risultata facile, ma il panorama mozzafiato di alcuni punti (sotto gli sfulmini) ripagano abbondantemente.
07-02-2002, marco molinari
E' la ferrata più bella del mondo.
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

June to October

FREQUENTAZIONE

High

ORARIO

4.30 hours from Rifugio Alimonta to Rifugio dei Brentei.

DIFFICOLTÀ

Medium

VERSANTE

East-West

DISLIVELLO SALITA

600m

DISLIVELLO FERRATA

400m

PDF

Via delle Bocchette Centrali

PDF

Via delle Bocchette Centrali

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA Vie ferrate

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
Lizard # Creek III
Creek III
Zamberlan # Sequoia GT
Sequoia GT
C.A.M.P. # Phantom 2.0
Phantom 2.0
Ferrino # Triolet 48+5
Triolet 48+5
Icebreaker # Sonic SS Half Zip
Sonic SS Half Zip
S.C.A.R.P.A. # Ignite
Ignite
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara