Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowVie ferrate arrowVia Ferrata Cesco Tomaselli

Via Ferrata Cesco Tomaselli

Scheda a cura di: Planetmountain.com
Area: Dolomites, Gruppo: Fanis, Cima: Fanis Sud, Quota: 2980m

The ‘Tomaselli’ takes an exposed but almost entirely equipped line up the SW face of the Punta Fanes Sud, the first tower on the Cresta di Fanes. Although this ferrata is not excessively long it is reputed to be one of the hardest and most beautiful in the Dolomites. The Cime di Fanes are also of historical interest as they were the scene of bitter First World War trench warfare. These aspects render the ‘Tomaselli’ one of the most worthwhile via ferrata in the Dolomites.

ACCESSO GENERALE

From Cortina d’Ampezzo drive to Passo Falzarego (SS 48) and then take the Funivia del Lagazuoi cable car to the Lagazuoi refuge. Alternatively, reach the refuge by walking along path no. 402-401 (2 hrs - 630m height gain).

ACCESSO

From Rif. Lagazuoi descend rapidly to Forcella del Lagazuoi and continue down the Armentarola piste to meet up with path no. 20b. Follow this and traverse beneath the NW crest of Lagazuoi Grande and then ascend to Forcella Granda to reach the Bivacco Della Chiesa, located near the start of the ferrata.

ITINERARIO

The famous traverse leftwards, situated just after the start of the Tomaselli, has always been reputed to be a valid test.  In other words, a good (and in general much used) testing ground to indicate the hiker’s level of ability for the harder vie ferrate to come. Immediately after the vertical start, and after having crossed the polished horizontal traverse (equipped with twin-cables) beneath the overhang, the itinerary continues through vertical exposed walls to the central section of the face. From here move left following the track to a fork, then continue up the right-hand vertical walls  (the cables on the left lead to Alta Val di Fanes). At a terrace, reached with the help of a cable, continue up a series of steep walls that lead to the crest. From this after the final obstacle, a vertical crack-lined slab, continue easily to the summit (2980m).

DISCESA

Descend fixed cables along the easier, but initially steep,  route down the NE face. Once at the Selletta Fanis (2830m - 0,30) continue down the scree slope to reach Forcella Gasser de Pot, from where path no. 20b leads to Forcella Travenanzes (this time following its SW side to enjoy the shade throughout the descent). Path no. 401 then leads to the starting point at Passo Falzarego. Alternatively, ascend to Rif. Lagazuoi to then descend to Passo Falzarego by cable car.

MATERIALE

Normal via ferrata kit.

NOTE DIFFICOLTÀ

This is a demanding Via Ferrata. The brief initial traverse and the vertical wall leading to the summit crest contain sections that are good indicators of the hiker’s ability.

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Via Ferratas of the Italian Dolomites: Vol 1 by John Smith and Graham Fletcher. Cicerone Press 2002

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Via Ferrata Cesco Tomaselli"

08-09-2009, ELENA Castelvecchio
Un'esperienza davvero unica, molto molto entusiasmante. La tecnica senz'altro aiuta, l'esperienza anche, ma con la dovuta calma, serenità e concentrazione si arriva in cima anche se si è alle prime armi. E nel vedere un tale paradiso non si può che essere onorati!Grazie grazie!
06-09-2009, giovanni barbieri
agosto 09 avevamo fatto tante vie ferrate ma la tommaselli era rimasta un sogno.Filippo ci ha guidati in questa esperienza in maniera unica."cerca il facile nel difficile"ci ripeteva e cosi' tra una battuta e l'altra ci siamo trovati in cima.Unica molto appagante sotto tutti i profili.grazie
22-03-2009, Claudio Sacchi
Una precisazione: la galleria di guerra austriaca si trova risalendo verso W una larga cengia, è lunga circa 50 m. e non c'è bisogno di torcia, essendo dritta; sbuca su una cengia a metà della Tommaselli incrociando l'alta Via Veronesi. Buona escursione!!!
21-03-2009, Claudio Sacchi
L'ho percorsa più volte negli anni '70 assieme a mia figlia e mio figlio di 15-16 anni, e non l'ho trovata così difficile come la descrivono, salvo la prima traversata appena sopra il Bivacco Della Chiesa; una piacevole variante, una volta discesi nel Cadin di Fanis, è tornare attraverso la galleria
17-09-2008, MARCO LUNARDI
PER QUANTO MI RIGUARDA E' LA PRIMA VOLTA CHE FACCIO LA FERRATA TOMASELLI MA PENSO PROPRIO CHE DIVENTERA' UNA MIA META ANNUALE, IL TRAVERSAMENTO INIZIALE E LA PARTE FINALE CHE PRATICAMENTE E' A STRAPIOMBO SONO MOLTO ENTUSIASMANTI MENTRE LA PARTE CENTRALE ANCHE SE IMPEGNATIVA E' FATTIBILISSIMA BASTA UN MINIMO DI TECNICA. ASSIEME A ME C'ERANO ANCHE LA MIA FIDANZATA CHE HA AFFRONTATO LA SUA PRIMISSIMA VERA E PROPRIA FERRATA (BEL COLPO) SUPERANDOLA ALLA GRANDE E UN AMICO ORMAI LUI GIA' VETERANO DELLE VIE FERRATE.LA DISCESA IN REALTA' PER ME' E' STATA UN PO' PIU' IMPEGNATIVA DELLA SALITA (VIENE FATTA SEMPRE IN FERRATA NELL'ALTRO VERSANTE.COMUNQUE DO UN 10 PIENO A QUESTA BELLISSIMA FERRATA E CONSIGLIO A TUTTI GLI APPASSIONATI DI FARLA ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA NE VALE VERAMENTE LA PENA!!!!!!!!
01-09-2008, marco golinucci
Davvero una bellissima ferrata, richiodata da poco, molto impegnativa sin dall'attacco e tecnica esposta in vari passaggi.. bellissima la placca finale!!ottima vista a 360° dalla cima.. occhio al ritorno. unica nota negativa il costo eccessivo della funivia che sale al lagazuoi (Ladri!!!!)
06-06-2008, carlo giorgioni
ferrata da "chapeau" Impegnativa lungo tutto il percorso, ho potuto farla sia prima che dopo il corso di arrampicata, e dopo ho potuto farla senza toccar le corde.Panorama ed esposizione eccelsi, curiosamente il punto più difficile è l'ultimo mtero di discesa,dove bisogna metteregiù il piede e cercare " a tentoni" l'appoggio su una roccetta strampiobante, senza poterlo vedere.La rifarei anche domani
02-09-2007, serman serman
Stupenda in tutti in sensi : panorama mozzafiato (gruppo del sella marmolada civetta tofana di rozes e le stesse cime di fanis)a 360 gradi .Tanti complimenti anche se un pò di parte a mio figlio Matteo di 13 anni sempre in testa e agilissimo nell' arrampicarsi . A differenza di altre ferrate quì abbiamo dovuto attaccarsi di peso alle corde un pò per l'inesperienza ma sopratutto per le mancanza di appigli .Stupendo il tratto finale molto esposto e se ti guardi attorno ti sembra di essere dentro a una cartolina. Molto bella la ferrata di ritorno necessario però un paio di guanti
27-08-2007, Daniele Valtancoli
Finalmente! Con un affiatato gruppo di amici, abbiamo affrontato la famosa Ferrata. Niente da dire, favolosa, sia come attrezzatura, sia come difficoltà e come panorama! Passaggi chiave da non sottovalutare, ma con dovuta capacità e tecnica non sono impossibili.
02-07-2007, celio franchi
giudicare una ferrata è sempre molto relativo. Per me la Tomaselli è fantastica, tanta adrenalina, bei passaggi impegnativi, panorama superbo. Il cavo è nuovissimo, complimenti alle Giude di Cortina ! Occhio alla ferrata di discesa, merita massimo rispetto. Attenzione al sentiero di rientro: non è molto chiaro. Ho sentito dire che alla fine della ferrata di discesa, scendendo il canalino a sinistra e risalendo successivamente a sinistra, si incontra una galleria di 50 m che attraversa la cresta di Fanis e, con una bella cengia, si possa raggiungere nuovamente sulla ferrata di salita nella parete SO. Se qualcuno potesse darmi ulteriori delucidazioni, gliene sarei grato.
14-10-2006, Roberto Tartaglia
Decisamente molto bella con un panorama dalla cima veramente notevole, le difficoltà sono rappresentate dalla parte iniziale ma il tratto è breve, occorre, a mio avviso, porre attenzione nella discesa. buon divertimento.
05-10-2006, Filippo Dri
Via impegnativa ed esposta ma veramente entusiasmante. I passaggi più tecnici sono tranquillamente affrontabili da un escursionista con una buona preparazione atletica ed un minimo di esperienza alpinistica. A mio avviso è una delle più belle vie attrezzate delle dolomiti ed il panorama è davvero mozzafiato! L'escursione con partenza dal parcheggio del Lagazuoi è fattibile in mezza giornata.
30-09-2006, matilde buso
l'ho eseguita al contrario partendo dalla forcella Lagazuoi e da questa parte forse e' piu' impegnativa: pioveva e la roccia era scivolosa, soprattutto nella discesa verso il bivacco Della Chiesa. il panorama e' incredibile proprio perche' il percorso e' esposto e a picco sulla valle.consiglio vivamente un'attrezzatura adeguata per i numerosi punti pericolosi. bella bella bella anche per la mia compagnia"!
22-09-2006, francesco boccacci
bella,divertente e impegnativa!!
10-09-2006, A. Raffaele
Bellissima sia dal punto di vista panoramico che tecnico.Ben attrezzata, forse fa più "impressione" rispetto alla realtà.Difficili il traverso iniziale e un paio di punti in discesa. Attenzione al canalone franoso in discesa!Grande soddisfazione!!!
06-09-2006, balbo omero
tracciato molto frequentato e quindi con appigli levigati dai numerosi passaggi.Comunque basta spostarsi di pochi cm per trovarne altri con perfetta aderenza. Sempre ben attrezzato anche in discesa. Attenzione al ghiaione finale abbastanza franoso.
04-08-2006, francesco cantini
bellissima, forse per la giornata stupenda, forse per la compagnia, forse perche' se lo merita davvero..... l'unico commento aggiuntivo è che possiedo il libro sulle ferrate di hans kammerer da qualche anno e mi sono accorto che per ferrare un po' meno sportivamente in maniera piu' rilassante bisogna aggiungere al tempo complessivo almeno 1 ora
08-08-2005, antonella t.
la ferrata si presenta ottimamente attrezzata ma decisamente meno spaventosa e faticosa di quanto viene raccontato: la si può affrontare in completa tranquillità e sicurezza. in merito all'esposizione mi aspettavo decisamente di peggio!attenzione all'elevata frequentazione, meglio partire presto magari dormendo al lagazuoi.panorama dalla cima mozzafiato.
27-07-2005, Renzo Rossini
affascinante e molto impegnativa sicuramente la più difficile che abbia mai fatto. Ho 50 anni e per me è stato il coronamento di un sogno.
06-09-2004, Luca Bruzzone
Bellissima via ferrata, senza dubbio una delle più difficili che abbia mai fatto insieme alla Piazzetta. Davvero fantastico il panorama in cima. Non semplice la discesa, ma le sensazioni che si provano a "stare sopra" a questa via sono uniche!I consigli sono soggettivi, ma direi che è sconsigliata a chi non possiede fermezza di piede e a chi si lascia facilmente impressionare.
12-08-2004, Luca Panfilo
Bellissima, difficile e atletica; un solo difetto, ... forse un pò breve, ma va bene così.
05-08-2004, BACIO E PEPPE
Bello ed ardito percorso, stupendo il panorama e emozionante la ferrata.Esposta quanto basta per divertirsi, ma stare sempre abbottonati.
04-08-2004, peppe
Ferrata di estrema bellezza, sia dal punto di vista tecnico e panoramico.Dura ma appagante.Attenzione al tempo, in caso di temporale fermarsi e non salire assolutamente sulla cima.
01-08-2004, Rampinelli Vincenzo
Indispensabile caschetto per l'elevata presenza di detriti in parete che, anche prestando la massima attenzione, tendono a cadere verso il basso con elevato rischio per chi segue. 2 brevi tratti particolarmente impegnativi richiedono, per essere superati in tranquillità, conoscenze tecniche da autentici rocciatori. Concludendo ritengo che possa essere classificata come "Via Ferrata Difficilissima"
17-07-2004, Andy Gillham
The ascent route was being re-cabled the day we climbed it. The new cables are tighter than the old and a short section in the middle of the climb follows a new route. At the moment this section contains many loose stones.
13-01-2004, Marco Manfrini
Tale ferrata presenta una piacevole salita e regala a chi la sale con rispetto grosse soddisfazioni. Viene sempre indicata come una delle ferrate più difficili delle dolomiti ma secondo me è una delle più logiche e belle ferrate, ma sicuramente non è estremamente difficile.Quando l'ho percorsa l'ultima volta ho trovato posizionate nei passaggi più duri delle grappe di ferro e devo dire che potevano risparmiarsele.
10-12-2003, poli mario
splendida salita in solitaria, ma ero molto più giovane. ripetuta poi con figlio e amici del "recinto"nel 1982
10-12-2003, poli mario
splendida salita in solitaria, ma ero molto più giovane. ripetuta poi con figlio e amici del "recinto"nel 1982
01-11-2003, franco gazzoli
la + bella delle dolomiti
13-10-2003, Herman P
Come tutte le vie ferrate sulle dolomiti anche questa è stupenda, comunque molto sopravvalutata, nessuna difficoltà elevata, esposizione come molte altre, una delusione per la difficoltà che pensavo avesse e da come l'hanno descritta libri di montagna. Comunque bel panorama e bella ferrata
25-08-2003, ALESSANDRO DE ZORDI
ammetto di aver sottovalutato questa ferrata, vista la mia esperienza che consideravo piu che suffiente, maturata su decine di ferrate tra cui la costantini, la stella alpina sull'Agner e ancora altre considerate impegnative. Eppure questa seppur breve ferrata, mi ha messo in tensione in almeno due momenti, il famoso traverso iniziale verso sinistra e il camino verticale appena sotto la cresta, anche perche affrontati "in coda" e quindi con tempi di permanenza piu lunghi del necessario "in trazione". consiglio serenita e concentrazione nell'affrontarla e un buon dasaggio delle forze in salita, per non trovarsi con le braccia stanche in discesa, ove due passaggi verticali e con pochi appigli richiedono un uso deciso della fune.
10-08-2003, Matteo Galeazzi
sicuramente è stata la ferrata più difficile che ho fatto, soprattutto dal punto di vista tecnico.Richiede buon allenamento e concentrazione,non è assolutamente da sottovalutare la discesa che può essere pericolosa per chi come me non ha molta esperienza.L'inizio della salita è il pezzo più difficile mentre l'ultimo il più spettacolare e divertente che ripaga di tutte le fatiche se non ci si fa impressionare troppo dai strapiombi
27-07-2003, lele stc
Via molto aerea e tecnica.Già dal primo attacco è possibile capire di che "pasta" è fatta.Stupendi i passaggi verso la cima,aerei, verticali e molto tecnici.Salita non facile, che richiede buone doti di alpinismo ( soprattutto il pezzo iniziale e quello finale ).In cima il panorama lascia senza fiato!
20-07-2003, nicola franchin
Ferrata difficile ma non impossibile con tratti esposti. (alcuni amici me l'avevano presentata molto difficile) comunque sempre prudenza, mai sottovalutare
22-08-2002, V Lorenzo
Ho poca esperienze nelle ferrate, infatti era la seconda ferrata che facevo. Quindi consiglio per i principianti rimanere calmi e se non si è convinti ritornare indietro. Il primo tratto è il più difficile completamente esposto occorre essere in buona forma fisica. Ma se arrivate in cima la soddisfazione e il panorama ripagano ampiamente dell'avventura.Obbligo del casco!
15-07-2002, Francesco Mattucci
Superba come sempre niente da aggiungere. Peccato solo la prima corsa della funivia alle 9:00 e non più alle 8:30. Pensando che la sola andata costa 7.50 E. viene voglia di salire a Forcella Lagazuoi a piedi....
13-07-2002, Massimo Cosmo
Ottima via ferrata, molto aerea e tecnica, corde ben tese, molti passaggi in opposizione, panorama grandioso, non guastano 20 mt. di corda per assicurarsi nelle parti non protette e leggermente a rischio.
24-02-2002, Gianluca Miatto
Ferrata molto tecnica, paesaggio insuperabile...Strepitosa!
16-11-2001, Luca Bardella
corta ma atletica
14-10-2001, Massimo Colaiacomo
Ferrata bella, impegnativa nella parte iniziale con due passaggi esposti. Due piccoli terrazzi a metà percorso consentono di tirare il fiato prima di uscire sulla sommità finale. La via ferrata confina con il piacere della roccia pura
04-09-2001, Davide Passoni
Sensazionale! Una delle più belle ferrate in assoluto. La traversa dopo l'attacco e il camino prima della paretina finale mi hanno lasciano un pò "senza braccia": gli appigli sono pochi e bisogna tirare un pò sulla corda. Occhio a 2 passaggi belli verticali in discesa (quindi non bevete troppa grappa quando siete in vetta...). Il colpo d'occhio panoramico è quasi senza pari: da un lato il vallone del Lagazuoi, dall'altro la Val Travenanzes con la Tofana di Rosez. Se vi siete trovati bene su questa ferrata, provate la Costantini (Moiazza)...
20-08-2001, Roberto Passerini
Assolutamente eccezionale, molto impegnativa ma di grande impatto e soddisfazione una volta in cima. Una buona palestra per testare la propria preparazione fisica. La prima corsa della funivia è alle 9 e non alle 8.30 come lo scorso anno.
18-08-2001, Michele Grossi
L'avvicinamento all'attacco della ferrata dal Rif.Lagazuoi è stato un po'istintivo per la mancanza di segnali sulle morene, ma allietato dalla compagnia di cinque caprioli in cengia (obbligatorio il casco). La ferrata, molto tecnica, ha messo a dura prova le nostre capacità, ma in alcuni tratti ci siamo divertiti come in arrampicata. Attenzione ad un chiodo staccato che fa oscillare molto il cavo metallico a metà percorso in un tratto orizzontale. Il aggiungimento della Cima Fanis e l'immenso paesaggio ci ha ripagato di ogni fatica.La discesa è impegnativa e presenta alcuni tratti da brivido, compreso uno stormo di sassi ... stranamente precipitati dalla cima.Rientro al Passo Falzarego piacevole su sentiero molto frequentato.
10-08-2001, Pistolesi Matteo
Ferrata molto impegnativa ma di grande bellezza
25-07-2001, Canazei Lorenz Enzo
Nonostante l'abbia fatta già fatta una ventina d'anni fa' mantiene sempre un fascino particolare, sia per la spettacolarità della salita (e discesa) che per la specificità dell'ambiente in cui essa è inserita. Consiglierei di non dimenticarsi i guanti da ciclista, sprattutto per la discesa. Inoltre vorrei fare un complimento a questo sito dedicato alle ferrate, augurandomi che vengano inserite anche quelle di altre zone.
17-07-2001, Nicola Tremolada
Bellissima ed impegnativa! Una serie di pareti abbastanza esposte che conducono alla cresta fino ad affrontare l'ultima placca verticale molto suggestiva. Consiglio di partire presto per non essere costretti a 'mettersi in coda' per la salita.
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

From June to October, depending on snow conditions.

FREQUENTAZIONE

high

ORARIO

3 hours - total 5.30

DIFFICOLTÀ

Very Difficult

VERSANTE

Southwest

DISLIVELLO SALITA

500m

DISLIVELLO FERRATA

300m

PDF

Via Ferrata Cesco Tomaselli

PDF

Via Ferrata Cesco Tomaselli

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA Vie ferrate

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
Lizard # Kross Terra 3S
Kross Terra 3S
Ferrino # Kunene
Kunene
Zamberlan # Parrot RR
Parrot RR
Grivel # G22 NM
G22 NM
Icebreaker # Quantum Vest
Quantum Vest
Wild Climb # Pantera 2.0
Pantera 2.0
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini