Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowItinerari arrowCima Monte Pelmo, via normale

Cima Monte Pelmo, via normale

Scheda a cura di: P. Lazzarin e P. Bonetti
Area: Dolomiti, Gruppo: Dolomiti di Zoldo, Cima: Monte Pelmo, Quota: 3159m

Da questo vertiginoso terrazzo, a quota 3000 m circa, si può apprezzare la vista di Civetta e Moiazza che chiudono lo sfondo a sudovest e quella del pianoro sommitale del Pelmetto, quasi in quota e vicinissimo, separato dal Pelmo dallo stretto intaglio della Fisura.

ACCESSO GENERALE

La Valzoldana si raggiunge facilmente dalla A27. Dalla fine dell’autostrada si procede verso Cortina, svoltando poi a sinistra al paese di Longarone. Si risale quindi tutta la valle lungo la statale 251, sino al valico di Forcella Staulanza 1766 m, presso il quale si parcheggia facilmente.

ACCESSO

Anche se sarebbe possibile proseguire con l'auto, è consigiabile parcheggiare sull'ampio e panoramico ripiano di pascolo di Col del Piàn (1554 m; a piedi ore 0. 15 da Zoppè). Da qui la rotabile (456) si inoltra a nord-est intagliando le pendici boscose del Col de la Viza, e porta a un bivio presso un piccolo slargo (1600 m ca; ridottissime possibilità di parcheggio; a piedi ore 0.15 da Col del Pian). La strada (456) fin qui seguita scende ora a destra verso nord-est, dove si trova il rifugio Talamini. Si prende invece la rotabile che sale verso nord lungo il fianco orientale del Col de La Vìza (sbarra e divieto di accesso con automezzi) con moderata pendenza. Giunti a quota 1693 m, essa piega decisamente a ovest, assume segnavia 493 e porta in breve a una sella prativa a settentrione del Col de La Vìza, dove si trova una bella baita recentemente ristrutturata.

ITINERARIO

Si continua ora con modestissima pendenza in direzione ovest, costeggiando le pendici prative del monte Penna, fino a un promontorio a quota 1799 m, dove la strada piega a nord e appare improvviso il Pelmo, in una inquadratura che ben giustifica l'immagine di enorme trono che gli viene attribuita. Presso il promontorio confluisce da sud il sentiero 471 (CM) che sale direttamente, ma più faticosamente, da Zoppè. Assumendo la numerazione di quest'ultimo , la strada si addentra a settentrione su terreno un pò dissestato. Il tracciato diventa ora un sentiero su terreno di frana in molti punti melmoso e poi riprende in buone condizioni fino a raggiungere la testata della valle del Rutorto, da dove in pochi minuti si arriva a un'ampia zona d'alto pascolo umida e argillosa (I Campi di Rutorto), dove in estate pascolano vacche e cavalli.

Qui si è letteralmente sovrastati dall'imponente struttura del Pelmo, che offre a est il suo versante più arrendevole, sul quale si può individuare la sottile linea della Cengia di Ball, che dalle ghiaie sottostanti la Spalla Est intaglia la basale consentendo l'accesso alla soglia del vallone orientale. A nord, su di un minuscolo colle, è ben visibile il rifugio Venezia, che si raggiunge in un paio di minuti (1946 m; ore 2 da Zoppè). Dal rifugio Venezia si sale a nord-ovest lungo il ben marcato sentiero 480, prima su terreno coperto da mughi e poi sul ghiaione, avvicinandosi al piede dell'altissima Spalla Est. Prima di raggiungerla si trova un bivio: sulla destra, verso nord, continua il sentiero 480 (sentiero Flaibani) che porta a Forcella di Val d'Arcia; si prende invece a sinistra (nord) un sentierino meno marcato, ma ben evidente, che punta direttamente alla base delle rocce, raggiungendole in corrispondenza di una paretina inclinata di roccia chiara (2100 m; ore 0.20 dal rifugio).

Con opportuni andirivieni, segnalati da vecchi bolli rossi, si supera senza difficoltà la breve parete e si raggiunge così la bancata con la quale ha inizio la cengia di Ball. Si percorre la cengia, che porta a sud in lieve ascesa lungo cornici roccioso-ghiaiose e tracce di sentiero (diversi ometti segnano il percorso che peraltro è assolutamete univoco), oltrepassando le rientranze formate da tre successivi canalini dove, nei tratti meno facili, si trovano infissi chiodi per eventuali manovre di assicurazione. Nel fondo dell'ultimo canale si trova quello che.viene considerato il passaggio chiave della cengia, il Passo del Gatto, dove una sporgenza della roccia costringe a procedere carponi oppure a superarla all'esterno con un passaggio d'arrampicata, facile ma esposto.

Oltre questo tratto la cengia diviene più agibile, un vero e proprio sentierino, anche se piuttosto aereo, e porta infine a sbucare sul bordo inferiore dell'enorme vallone detritico compreso fra le due spalle del monte. Da questo punto in avanti il carattere della salita cambia radicalmente: la traccia risale infatti lungamente e con numerosi zig zag, le ghiaie. A quota 2700 m circa ci si trova sotto una fascia di salti rocciosi che collega la Spalla Sud alla Spalla Est e sembra ostacolare il proseguimento. Seguendo le tracce e gli ometti, si superano invece i gradoni con opportuni andirivieni che permettono di evitare le difficoltà maggiori e si raggiunge così il circo superiore (il Vant), non visibile dal basso.

Si risale diagonalmente il vant verso ovest fra placche crepacciate, massi, ghiaie e macchie di neve fino a raggiungere l'arcuato ciglione occidentale del monte, che unisce la sommità alla Spalla Sud. Da questo vertiginoso terrazzo, a quota 3000 m circa, si può apprezzare la vista di Civetta e Moiazza che chiudono lo sfondo a sudovest e quella del pianoro sommitale del Pelmetto, quasi in quota e vicinissimo, separato dal Pelmo dallo stretto intaglio della Fisura. Bisogna ora piegare a nord/nord-est e superare la cresta sommitale, inizialmente sottocresta (a est), più in alto quasi sul filo e, per brevissimo tratto (con impressionante colpo d'occhio sulla parete nord), sul filo stesso. Le tracce e gli ometti tolgono comunque ogni dubbio sul percorso e portano infine alla sommità (3159 m; ore 6), da dove la vista spazia tutt'intorno su un immenso panorama.

DISCESA

La discesa si compie a ritroso lungo il percorso di andata dalla cima del Pelmo al rifugio Venezia; da qui si segue la strada fino a Col del Piàn e infine si giunge a Zoppè (1554 m; ore 3-4).

MATERIALE

Normale equipaggiamento da escursionismo in quota; è consigliato l’utilizzo della corda

NOTE DIFFICOLTÀ

Difficoltà escursionistico-alpinistiche con tratti esposti non attrezzati lungo la cengia e la cresta terminale.

NOTE

Rifugio Venezia - Alba Maria De luca

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

P. Lazzarin e P. Bonetti, "Escursioni - Val di Zoldo", Cierre Edizioni 1997; G. Angelini e P. Sommavilla, "Pelmo e Dolomiti di Zoldo", CAI-TCI 1983.
Tabacco foglio 025 ( scala 1:25.000) "Dolomiti di Zoldo, Cadorine e Agordine".
“Sulle Orme dei dinosauri . Escursioni ed arrampicate. Gruppo del Pelmo"  di Paolo Michielini

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Cima Monte Pelmo, via normale"

26-04-2009, NICOLO' VIANELLO
l' ho fatto in solitaria partendo dal staulanza. l'unico problema è che ho preso il sentiero opposto che conduce sull'altro versante in direzione forcella d'arcia quindi mi sono ritrovato a compiere una vera e propria impresa che ho portato a termine arrivando al staulanza alle 19.30 col buio pesto!
30-06-2003, Pravato Claudio
La vista che si ha dalla cima è sicuramente qualcosa di spettacolare; il vuoto che sovrasta la parete nord toglie il fiato. Ho trovato la cengia di Ball un pò rischiosa per un neofita: il passo del Gatto è il punto più sicuro della cengia ed è assicurato mentre il resto procede su terrazzini esposti con parecchia ghiaia e della larghezza di qualche spanna. I ghiaioni sopra la cengia non finiscono mai.
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

da Luglio ad Ottobre, evitare le giornate più calde.

FREQUENTAZIONE

Bassa

ORARIO

Circa 6 ore in salita, 3-4 in discesa.

DIFFICOLTÀ

Difficile

VERSANTE

sud

DISLIVELLO SALITA

circa 1600 m da Zoppè di Cadore, 1200 dal Rifugio Venezia.

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA itinerari

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
Grivel # Shuttle
Shuttle
Wild Climb # BAT e Bat Lady
BAT e Bat Lady
AKU # Arriba II GTX
Arriba II GTX
Arc'teryx # Alpha FL Pack 35/45
Alpha FL Pack 35/45
Lizard # Duo
Duo
S.C.A.R.P.A. # Zen Pro
Zen Pro
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale