Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowItinerari arrowIl giro del Pelmo

Il giro del Pelmo

Scheda a cura di: P. Lazzarin e P. Bonetti
Area: Dolomiti, Gruppo: Dolomiti di Zoldo, Cima: Monte Pelmo, Quota: 2474m

Potenza e isolamento, i caratteri della fortezza, ricorrono nelle descrizioni di tanti viaggiatori e alpinisti al cospetto di questa imponente montagna.
L’architettura compatta di questo massiccio, costituito in realtà da due monti, Pelmo e Pelmetto, disgiunti da un canalone (La Fisura) che in alto culmina in una stretta forcella (ghiaiosa e assolata a sud; oscura e ghiacciata a nord) consente di contornarne la base in poco più di cinque ore.

E’ un itinerario bellissimo e vario, non particolarmente faticoso, che porta ad ammirare tutti e quattro i versanti del monte: le imponenti e giallastre pareti meridionali, l'enorme vallone orientale (che ha suscitato l'immagine fantasiosa di un ciclopico scranno, "El Caregòn del Padreterno"), l'articolato fianco settentrionale, complicato nella struttura dal nodo secondario delle Cime di Forca Rossa, per concludere con l'imponente e severa parete nord-ovest.

ACCESSO GENERALE

La Valzoldana si raggiunge facilmente dalla A27. Dalla fine dell’autostrada si procede verso Cortina, svoltando poi a sinistra al paese di Longarone. Si risale quindi tutta la valle lungo la statale 251, sino al valico di Forcella Staulanza 1766 m, presso il quale si parcheggia facilmente.

ACCESSO

Il giro del Pelmo può essere compiuto facendo base al valico stradale di Forcella Staulanza, con risparmio di quota rispetto ad altri possibili approcci.

ITINERARIO

L’anello si inizia salendo per l'antico Tríòl dei Cavai che porta a uscire dal bosco presso il piede dello spigolo occidentale del Pelmetto (da dove parte un sentierino che sale al masso con le orme dei dinosauri) e poi si distende sul versante meridionale del monte, raggiungendo, sotto la verticale della Fisura, l'ampia zona di pascolo de Le Mandre, panoramica e di solare bellezza, con i caratteri tipici dell'iconografia classica dolomitica. Si continua attraverso l'aperta zona de I Lach aggirando il crestone sud-orientale del Pelmo in corrispondenza di una singolare e nettissima architettura rocciosa a baldacchino (chiamata Dambra, zoccolo, per la sua caratteristica forma) e si raggiunge un'altra zona di pascolo, denominata Campi di Rutorto sul versante orientale del monte, dove si trova il rifugio De Luca.

DISCESA

Dal rifugio, dove la vista si apre su Cadore e Ampezzo e i suoi colossi, Antelao e Sorapiss, inizia il tratto più faticoso dell'itinerar'io, la salita a Forcella di Vai d'Arcia, che permette di passare in versante nord. Il terreno è qui scosceso, ma la salita è facilitata da un sentiero parzialmente attrezzato, che permette di superare le difficoltà alla base del Torrione inferiore di Forca Rossa. E’ il cosiddetto sentiero Flaibani, che ricalca un percorso utilizzato fin dai tempi antichi dai cacciatori di camosci e che, dopo la nascita del rifugio Città di Fiume (1964) sul versante nord del Pelmo, si pensò di rendere accessibile agli escursionisti realizzando un facile collegamento con il rifugio Venezia.

Salendo alla forcella non si può fare a meno di notare la sofferta conformazione delle Cime di Val d'Arcia, a faglie ripiegate che a tratti si presentano come lisce lastronate di roccia. Ci si affaccia infine sul versante nord, poi l'itinerario abbandona il sentiero Flaibani, che scende direttamente al rifugio Fiume, per imboccare un sentiero non numerato che taglia diagonalmente l'enorme fiumana detritica al piede della parete nord del Pelmo. Nel settembre del 1994 una frana ha devastato il ghiaione nella zona sottostante il Pelmetto, mettendo a nudo, nella parte alta, il ghiacciaio sottostante. Per un certo tratto il sentiero è stato asportato, ma il passaggio della frana è rimasto agibile senza particolari difficoltà permettendo di giungere nella maniera più breve a Forcella Staulanza.

MATERIALE

normale equipaggiamento da escursionismo; è consigliato l’utilizzo dell’equipaggiamento da ferrata per la presenza di un breve tratto attrezzato

NOTE DIFFICOLTÀ

itinerario per escursionisti allenati, breve tratto attrezzato non impegnativo, per raggiungere la Forcella Val d’Arcia.

NOTE

Rifugio Citta' di Fiume
Rifugio Venezia - Alba Maria De luca

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

P. Lazzarin e P. Bonetti, "Escursioni - Val di Zoldo", Cierre Edizioni 1997; G. Angelini e P. Sommavilla, "Pelmo e Dolomiti di Zoldo", CAI-TCI 1983.
“Sulle Orme dei dinosauri . Escursioni ed arrampicate. Gruppo del Pelmo"  di Paolo Michielini

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Il giro del Pelmo"

08-08-2008, Alessandro Berti
Difficile la salita alla Val d'Arcia soprattutto da dove comincia il tratto attrezzato, non adatto a escursionisti poco allenati. Fatica ripagata dalla vista della Marmolada e del gruppo Sella in cima alla forcella.
18-09-2007, Matteo
Il giro del Pelmo è un percorso affscinante che consiglio svolgere in senso antiorario. Partendo dalla forcella staulanza si prosegue verso rifugio Venezia e lungo il tragitto è possibile fare una deviazione per vedere le impronte di dinosauri (nulla di impressionante). Dal Venezia si prosegue per la forcella val d'arcia che nel primo tratto risulta poco impegnativa. Dopo due passaggi esposti con l'ausilio per i meno esperti della corda fissa, l'ultimo tratto della forcella richiede un pò d'impegno. Necessario l'allenamento per arrivare in cima senza risentirne, ma comunque fattibile se preso con la dovuta calma. Da li si prosegue sulla destra del canalone per andare al rifugio città di fiume da dove ci si ricollega alla forcella Staulanza. Ci abbiamo messo quasi 7 ore con la deviazione iniziale e una bella sosta al rifugio Venezia. Se allenati è fattibile in 5 orette. Consigliato.
27-08-2004, giuseppe candito
siamo due amici 40enni amanti della montagna; convinti dalla lettura dei commenti nel vostro sito ci siamo proposti di fare il giro in due giorni (per farlo in piacevolezza e non con spirito competitivo)con appoggio ai rifugi venezia e fiume. Purtroppo per poterlo fare in 6 ore come dite nel sito la preparazione fisica deve essere ottima e non solo buona. Le difficolta tecniche incontrate possono essere di tipo EE (escursionisti esperti), definire ridicola la ferrata come nel commento precedente può indurre in errore gli escursionisti meno allenati.
10-08-2003, DE BENETTI LEONARDO
Bella escursione di una giornata tra verde e ghiaione leggero. Il mio consiglio è di fare il giro antiorario da Forcella Staulanza.Ridicolo il tratto di finta "ferrata".
25-03-2002, Nicola Tremolada
Bellissimo itinerario di una giornata. Il passaggio attrezzato prima della Forcella d'Arcia non è assolutamente impegnativo.
25-03-2002, Nicola Tremolada
Bellissimo itinerario di una giornata. Il passaggio attrezzato prima della Forcella d'Arcia non è assolutamente impegnativo.
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

da Giugno ad Ottobre

FREQUENTAZIONE

Media

ORARIO

6 ore circa

DIFFICOLTÀ

Media

VERSANTE

sud

DISLIVELLO SALITA

700 m da Forcella Staulanza 1766 m a Forcella Val d’Arcia 2474 m.

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA itinerari

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria