Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowItinerari arrowLago Laus e il Rifugio Selleries

Lago Laus e il Rifugio Selleries

Scheda a cura di: Franco Voglino e Annalisa Porporato
Area: Alpi Graie, Gruppo: Alpi di Lanzo, Stato: Italia, Regione: Piemonte

Dal rifugio Selleries si scendono i gradini seguendo la segnaletica per la Cristalliera (numero 339) lungo il sentiero che scende leggermente. Accanto al laghetto delle rane si prende a sinistra il piccolo sentiero che si congiunge ad una pista più larga ed erbosa nei pressi del Rio Selleries che va attraversato. Subito dopo, nei pressi di un grande masso e di una vasca dell’acqua si imbocca sulla sinistra il sentiero che abbandona la pista (cartello Lago Manica) e comincia a salire con ampi tornanti fra pascoli e rocce. Questo è il tratto più ripido perché si superano qui quasi tutti i metri di dislivello, non scoraggiatevi dunque. Ad ogni piccolo bivio (sono tutti segnalati) si segue sempre il segno bianco-rosso ed eventuali scritte per Lago Manica.
Raggiunto un colletto il sentiero si pianifica e si arriva ad un bivio dove si trova un cartello di legno. Si prende a destra (Lago Laus 10 minuti) e con percorso quasi pianeggiante si raggiunge il Lago Laus (2259 mslm) passando accanto a vecchie bergerie dove è stato ricavato un piccolo bivacco utile in caso di freddo e pioggia (se lo utilizzate lasciate tutto in ordine, assicuratevi che la stufa sia spenta e lasciate qualcosa per i prossimi visitatori, grazie!). Il Lago Laus è immerso nel verde ed è caratterizzato da una sorta di isolotto tanto che il suo secondo nome è “Lago della Moutta”, un termine occitano che sta per “zolla di terra”.
Stando ad una voce tradizionale l’isolotto potrebbe essere artificiale poiché vi erano state ritrovate incisioni rupestri. Località religiosa? Ricovero per animali? Chissà…
Ad ogni modo le rive del lago sono basse e perfette, se il clima lo permette, per immergere i piedi nell’acqua e trascorrere piacevolmente la giornata giocando.
Variante di ritorno: proseguendo oltre il laghetto si riprende a salire in mezzo alle rocce fino allo spallone da cui scende la cascata in vista. Qui si trova il Lago La Manica (2365 mslm), incastonato fra pascoli e la grande pietraia ai piedi del monte Cristalliera.
Per il ritorno si può imboccare il sentiero che dal Lago La Manica scende direttamente verso il rifugio e che fa arrivare direttamente  al bivio incontrato in salita, senza più passare al lago Laus (100 metri di dislivello in più, almeno 1 km in più).

ACCESSO GENERALE

Dove: Val Chisone, Alpe Selleries, 10060 Roure (TO), altitudine 2023 mslm. Coordinate GPS Nord 45°02’50’’ Est 07°07’14’’.
In auto: Dalla SS23 della Val Chisone direzione Sestriere, giunti alla borgata di Depot (4 km dopo Villaretto) si prende a destra lungo la SP172 “Colle delle Finestre”. Si prosegue oltre il Centro Soggiorno e oltre il bivio del sentiero per il Forte di Fenestrelle percorrendo circa 8 km di strada asfaltata fino alla località Prà Catinat (poco prima di una caratteristica fontana), dove si prende la strada a destra, indicazioni “Rifugio Selleries”, percorrendo gli ultimi 5 km di strada sterrata. La strada è aperta dal 1 giugno al 30 ottobre. Al di fuori di questi periodi si deve parcheggiare presso il Centro Soggiorno e proseguire a piedi. Per chi arriva dalla Valle di Susa si può percorrere parte della militare dell’Assietta oltrepassando il Colle delle Finestre (2178 mslm - aperta dal 1 giugno al 30 ottobre). Parcheggi presso il rifugio.
Con mezzi alternativi: la stazione più vicina è la Stazione di Pinerolo della linea Torino-Pinerolo a 34 km (www.trenitalia.com). Fino a Depot ci sono collegamenti autobus con Torino, Pinerolo, Sestriere e la Francia (www.sadem.it - www.regione.piemonte.it/ptplweb/cercalineefermateorari.do).
A piedi: dal 1 settembre al 31 maggio la strada è chiusa. Dal Centro Soggiorno (1650 mslm) si percorre semplicemente la strada (alcuni sentierini “tagliano” i tornanti”) con 400 metri di dislivello, 7 km di distanza solo andata, 2 ore e 15 minuti di tempo, difficoltà media. D’inverno la pista è battuta ma è meglio utilizzare le racchette da neve.

NOTE

Rifugio di categoria C posizionato in mezzo ad ampi pascoli in una conca delimitata dalle mole dei Monti Rocciavrè (2778 mslm), Cristalliera (2801 mslm) e Orsiera (2890 mslm).
Consta di un imponente edificio a tre piani con un’ampia terrazza frontale che termina con una piccola chiesetta puntata verso la vallata sottostante.
Dopo un piccolo ingresso in cui si trova la rastrelliera dove si possono posare gli scarponi e prendere in prendere in prestito ciabatte di gomma, si entra nella zona del bancone bar e la vasta sala da pranzo, dominata da una bella stufa in ceramica blu, la cucina ed i servizi igienici. I menù proposti sono incentrati sulla tradizione montana in special modo piemontese ed occitana con un occhio di riguardo alla qualità e al km Ø come i formaggi forniti dalla famiglia Agù del vicino alpeggio. Per i piccoli mettono a disposizione seggiolone e stoviglie adeguate. Si trovano giochi di società e una libreria a disposizione.
I piani superiori sono accessibili tramite una scala interna, attrezzata con montascale per disabili, e vi si trovano le 12 camere da 2 a 6 letti normali e a castello per un totale di 40 posti letto. Ogni camera viene adeguata alle esigenze degli ospiti, un paio hanno bagno in camera mentre al piano si trovano comodi servizi in comune, anche per disabili, tutti con acqua calda. Il riscaldamento è fornito da bocchette di aria calda pompata in ogni camera.
Ovunque si trovano animali impagliati del Parco Orsiera-Rocciavrè, un modo per trovarsi faccia a faccia con lo stambecco o vedere la marmotta da vicino.
Lo spazio esterno è ampliato da un’ampia terrazza piastrellata e vi si trova una fresca fontana, mentre tutto attorno si aprono ampi pascoli. Alle spalle, in posizione ribassata, si trova un laghetto raggiungibile con una sorta di scalinata.

ULTERIORI INFORMAZIONI:
Curiosità:
Il rifugio è all’interno del Parco Naturale Orsiera-Rocciavrè, parco che risale al 1980 e che si trova a cavallo tra la Val Chisone e la Valle di Susa. A poca distanza (2,5 km dal bivio di Depot) si trova il grandioso Forte di Fenestrelle, simbolo della Provincia di Torino, che si estende per oltre 600 metri di dislivello con la più lunga scala coperta d’Europa formata da ben 4000 scalini! Si effettuano visite guidate di varie lunghezze e visite libere alla zona bassa del forte, nei pressi del bar-ristorante interno.
Un po’ di storia: L’edificio originale risale alla seconda metà dell’Ottocento, subì un primo ampliamento attorno al ’22 e una terza estensione verso gli anno ’50. Assai rinomato negli anni ’60 e ’70, visse in seguito un periodo di decadimento fino alla chiusura. Recuperato, venne nuovamente inaugurato nel 2006 con la nuova gestione ed è di proprietà della Regione Piemonte.
Contatti: Sylvie Bertin e Massimo Manavella – tel. +39.0121.842664 – www.rifugioselleries.it .
Apertura: Tutto l’anno, 365 giorni continuativi (previo contatto telefonico).
Copertura telefonica: scarsa per quasi tutti gli operatori. Dispone di telefono pubblico e collegamento WI-FI.
Attività: tra le varie cose serate a tema, festa della salita all’alpeggio (giugno), teatri, stage, concerti e mostre.
Link: Parco Naturale della Alpi Cozie: www.parchialpicozie.it – Parco Naturale Orsiera-Rocciavrè: www.parco-orsiera.it – Comunità montana: www.cmpinerolese.it – Turismo Torino e Provincia: www.turismotorino.org. – Forte di Fenestrelle: www.fortedifenestrelle.com

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Hotel a mille stelle. Rifugi baby friendly + passeggiate a misura di bambino in Piemonte. Di Franco Voglino e Annalisa Porporato, espressione editore 2014

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Lago Laus e il Rifugio Selleries"

Nessun commento per l'itinerario Lago Laus e il Rifugio Selleries

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

ORARIO

1 ora

DIFFICOLTÀ

Facile

LUNGHEZZA DISLIVELLO

4 km in totale

DISLIVELLO SALITA

250m

DISLIVELLO DISCESA

250m

PARTENZA

Rifugio Selleries

ARRIVO

Lago Laus

LIBRO/GUIDA

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

www.madotao.it

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA itinerari

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria
  • Tupac Amaru - Carpe Diem
    la cascata è stata salita nel 97 da carlotti e compagni. r ...
    2015-01-06 / francesco lamo