Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowItinerari arrowPasso della Forchetta e il Rifugio Salvin

Passo della Forchetta e il Rifugio Salvin

Scheda a cura di: Franco Voglino e Annalisa Porporato
Area: Alpi Graie, Gruppo: Alpi di Lanzo, Cima: Passo della Forchetta, Valli di Lanzo, Stato: Italia, Regione: Piemonte

Si segue la strada sterrata chiusa al traffico che passa subito a monte del rifugio e che inizialmente scende un poco. Appena entra nel bosco fate caso al primo edificio incontrato sulla destra, si può vedere come abbia ancora l’antica volta a botte completamente di pietra, una bellezza architettonica!
Poco oltre si incontra un bivio che va preso a destra, sempre lungo la sterrata. Si comincia a salire gradualmente toccando varie borgate ormai in rovina e compiendo tutto il giro dell’ampio vallone. In vista si vede già, in lontananza, la meta.
L’andamento è alquanto irregolare con continui sali e scendi, ma mai troppo accentuati e sempre con un panorama di prim’ordine su Lanzo e Torino
Giunti nei pressi della borgata che già si vedeva in lontananza la sterrata si congiunge con una strada più ampia che giunge da Chiaves e che salirebbe fino al lago di Monastero (altra bellissima passeggiata possibile direttamente dal rifugio: 450 metri di dislivello, 4 km solo andata, circa 2 ore e 30 minuti).
Va seguita questa strada verso destra, in salita, arrivando in breve al Passo della Forchetta (1666 mslm), caratterizzato da un monumento a ricordo dei partigiani Peroglio e Marino. Da qui si apre la vista sulle cime delle Valli di Lanzo, segnalate da un pannello didattico. Il ritorno è sulla via dell’andata.

ACCESSO GENERALE

Dove: Alta Val Tesso/Valli di Lanzo, borgata Salvin, 10070 Monastero di Lanzo (TO), altitudine 1580 mslm. Coordinate GPS Nord 45°20’59’’ Est 7°25'56’’.
In auto: da Lanzo Torinese si seguono le indicazioni per Chiaves fino a Monastero di Lanzo, da qui si segue la segnaletica per la frazione Mecca. Quindi si deve prestare attenzione ai piccoli cartelli di legno che indicano Rifugio Salvin e Santuario della Marsaglia. Verso la fine della borgata Mecca si deve imboccare una sterrata sulla destra evidenziata da un pannello di legno. Da qui si percorrono circa 8 km di strada in parte asfaltata e in parte no. Si deve proseguire oltre il Santuario della Marsaglia (fontana) fino al termine della strada carrozzabile. Ampio parcheggio sull’ultima curva e lungo l’ultimo tratto di strada prima di raggiungere l’edificio vero e proprio.
Con mezzi alternativi: La stazione ferroviaria più vicina è quella di Lanzo Torinese lungo la linea Torino-Ceres (www.comune.torino.it/gtt). Da qui si devono utilizzare pulmini locali (info presso il rifugio stesso).

NOTE

Rifugio di categoria A posto in posizione panoramica adagiato sui pascoli con una vista grandiosa verso Lanzo e, in lontananza, verso Torino.
Consta di un edificio che denota ancora l’originale struttura di malga di montagna con il lato a valle di due piani mentre il lato a monte è a un solo piano.
Dal lato a monte si trova l’ingresso sul bar con i servizi igienici (uno attrezzato per disabili motori e fornito di fasciatoio), la cucina, e la sala da pranzo riscaldata da un caminetto. Il menù è solitamente fisso e la cucina ben curata con prodotti a km Ø come i tomini serviti con bagnetto verde o i salami qui prodotti. E’ possibile assaggiare il “salame di turgia”, Paniere di Prodotti Tipici della Provincia di Torino e tipicità della Valli di Lanzo. Consiste in un insaccato a base di carne bovina, lardo, pancetta, aglio e vino rosso. Per i bambini si premurano di offrire eventuali alternative ai piatti troppo “forti” e vengono fornite su richiesta stoviglie infrangibili e seggioloni.
Sempre a questo piano, lungo l’ala più lunga, si aprono verso il cortile le porte delle 8 camere che possono ospitare ciascuna da 4 a 2 persone con letto a castello e letto matrimoniale, per un totale di 32 posti letto. Una stanza è strutturata per ospitare anche disabili motori mentre le stesse possono essere messe in comunicazione a tre a tre. Ogni camera è fornita di bagno con acqua calda e vengono fornite le lenzuola.
Tutte le stanze sono riscaldate da termosifoni alimentati da una caldaia a legna e pannelli solari.
Di fronte a questo edificio se ne trova, a livello, un secondo che ospita tavoli e panche, utilizzato per mangiare in caso di surplus di ospiti e per le attività didattiche, e da una tettoia che ospita un tavolo da ping-pong e un calciobalilla.
Verso il lato a valle si trova, al di sotto dal piano delle stanze e della sala da pranzo, quella che un tempo era la stalla. Oggi ospita i locali di lavoro per la produzione di formaggi e pane ed un ampio salone utilizzato per la didattica e, in caso di necessità, per ospitare la mole di persone giunte a pranzo in caso di feste speciali.
Poco più a valle si trova la stalla e altri edifici, alcuni ristrutturati e altri no che formano la borgata montana di Salvin. Lungo la strada di accesso, nei pressi del parcheggio, si trova un’altalena doppia ed una bascula.
Baita Allen: merita una voce a parte. Si tratta di un edificio presente in zona, a pochi passi dal rifugio, ma completamente indipendente. Può essere affittato per week-end o settimane ed è fornito di cucina e piccolo frigorifero. Può ospitare tranquillamente da due fino ad un massimo di quattro persone.
ULTERIORI INFORMAZIONI:
Curiosità: Nell’azienda del rifugio vengono prodotti formaggi, pane e burro. Mentre i primi è possibile acquistarli, pane e burro non sono in vendita poiché la produzione è appena sufficiente per coprire il fabbisogno dell’agriturismo. Per assaggiarli è necessario pranzare in loco! – Vengono allevate mucche e le caratteristiche Capre Fiorinà, una specie autoctona che ha rischiato l’estinzione prima di essere, finalmente recuperata. – Il monumento al Passo della Forchetta ricorda Michelangelo Peroglio e Mario Marino che nel 28 aprile 1944 sacrificarono la propria vita per proteggere la ritirata dei propri compagni, sorpresi da una pattuglia nazifascista.
Marchi: fa parte di Campagna Amica, marchio di qualità della Coldiretti (www.piemonte.campagnamica.it), e di Terra Nostra, marchio di qualità della Coldiretti che unisce agriturismo e ambiente (www.terranostra.it).
Un po’ di storia: in origine si trattava di una tipica borgata montana utilizzata per l’alpeggio di quota. Rifatte nel 1985, nacque il rifugio che in breve divenne anche agriturismo e fattoria didattica. È stato completamente rinnovato nel 2007 ed è di proprietà privata.

Contatti: Susan Allen, Giuseppe Tomasino, tel. +39.0123.27205 – +39.0123.4325 – +39.335.5481419 – rifugiosalvin@alice.it – www.rifugiosalvin.it.
Apertura: aperto solitamente da Pasqua a fine novembre, o alle prime gelate, come rifugio. Gli animali salgono all’alpeggio verso il primo di maggio  per discenderne tra fine settembre/ottobre. Le date possono subire variazioni in base al meteo stagionale.
Copertura telefonica: solo all’esterno dell’edificio, sono forniti di ponte radio.
Attività: il rifugio è anche Fattoria Didattica e propone attività alle scuole e a gruppi, come la produzione dei tomini e la panificazione che avviene in un forno a legna. Anche le singole famiglie possono partecipare alle attività, previo contatto telefonico poiché, il formaggio in particolare, viene fatto tutti i giorni quindi è sufficiente mettersi d’accordo sull’ora. In estate dal lunedì al venerdì ospita gruppi per l’Estate Ragazzi. Si svolgono campi per l’apprendimento della lingua inglese. A luglio si svolgono concerti mentre a fine settembre/ottobre si svolge la Festa del Maiale. Possono ospitare anche cavalli in appositi box.
Link: Comunità Montana Valli di Lanzo Ceronda e Casternone: www.comunitamontanavlcc.it. CAI sezione di Lanzo Torinese: www.cailanzo.it. Turismo Torino e Provincia: www.turismotorino.org.

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Hotel a mille stelle. Rifugi baby friendly + passeggiate a misura di bambino in Piemonte. Di Franco Voglino e Annalisa Porporato, espressione editore 2014

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Passo della Forchetta e il Rifugio Salvin"

Nessun commento per l'itinerario Passo della Forchetta e il Rifugio Salvin

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

ORARIO

1 ora e 30 minuti di percorrenza

DIFFICOLTÀ

Facile

LUNGHEZZA DISLIVELLO

3km

DISLIVELLO SALITA

150m

DISLIVELLO DISCESA

150m

PARTENZA

Rifugio Salvin

ARRIVO

Passo della Forchetta

LIBRO/GUIDA

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

www.madotao.it

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA itinerari

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria