Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowItinerari arrowMonte Solena

Monte Solena

Scheda a cura di: Eraldo Meraldi, Guida Alpina
Area: Alpi Retiche, Gruppo: Alpi di Livigno, Cima: Monte Solena, Quota: 2915m, Stato: Italia, Regione: Lombardia

Il Monte Solena anche se non raggiunge i 3000 metri di quota è una montagna molto interessante che fa da spalla al termine della cresta sud del più famoso ed imponente Piz Schumbraida. La sua tozza mole triangolare è visibile già dalla conca di Bormio. Dalla cima si possono godere panorami mozzafiato sulla sottostante Val Fraele con i suoi laghi artificiali di Cancano e di S.Giacomo di Fraele, e sull’insieme di tutte le vette del circondario, in particolare sulle stratificate e frastagliate Cime di Plator e Doscopa, sul bellissimo versante settentrionale della Cima Piazzi, sul gruppo del Bernina e sulla zona dell’Ortles, più lontano verso sud le Orobie Valtellinesi.

ACCESSO GENERALE

Da Bormio – Alta Valtellina (SO) si percorre la S.S. 301 in direzione di Livigno. Giunti alla località Fior d’Alpe, seguendo le indicazioni sulla destra si segue la strada per i Laghi di Cancano. Dopo aver salito numerosi tornanti, si passa in prossimità delle suggestive Torri di Fraele dove termina la strada asfaltata. Si prosegue ora passando il piccolo Lago di Monte Scale fino ad un ampio piazzale con caseggiati entrando così nella Val Fraele. Poco dopo si segue la strada che scende sulla destra fino all’imponente muraglione della diga di Cancano, lo si supera e si sale alla caratteristica Chiesetta di Cancano (1952 m) dove è possibile posteggiare sul retro. Di fronte in posizione dominante e panoramica si trova il Ristoro Solena. E’ possibile continuare ancora con l’auto su stradina pianeggiante fino al posteggio (1937 m) che immette nella Val Forcola, poco dopo il Grasso di Solena.

ITINERARIO

Dal Ristoro Solena posto nelle vicinanze della Chiesetta di Cancano, oppure dal posteggio di Val Forcola, ci si porta al Grasso di Solena (2001 m). Sarete accolti da un bellissimo prato ondulato che circonda l’alpeggio e arrivati dietro il caseggiato, ci si porta qualche decina di metri verso destra dove inizia a salire il sentiero che si addentra nella fitta boscaglia di pini mughi. Dopo aver superato un tornante si arriva ad una bella radura pianeggiante (2050 m) dove un tempo arrivavano a pascolare le mandrie di mucche. Il luogo è molto tranquillo e merita una sosta. Dopo aver attraversato verso nord tutta la radura ci si addentra di nuovo nel bosco fino ad un’altra piccola radura al limite della vegetazione arborea (2250 m circa). Si continua a salire con qualche tornante tra due piccoli promontori rocciosi fino ad un ampio terrazzone erboso da dove si gode una magnifica vista sull’intera vallata e sui laghi artificiali sottostanti. Poco sotto la dorsale verso nord si nota un piccolo rude bivacco in sasso e ricoperto di lamiera, ora abbandonato. Si prosegue verso destra seguendo per un tratto l’evidente sentiero fino alla dorsale per poi proseguire su terreno ripido lungo la stessa, andando a guadagnare così il terrazzo superiore  che si supera con una lunga diagonale ascendente verso sinistra. Giunti sulla verticale del ripido costone finale, prima erboso poi detritico posto alla destra della Val Pozzaglie, lo si risale su tracce discontinue arrivando ad una zona rocciosa che si supera andando verso sinistra per poi rientrare a destra sul costone a circa 2750 m di quota e lo si risale per un breve tratto sul filo per poi passare a sinistra di alcune guglie. L’ultimo tratto sempre ripido e ghiaioso lo si risale un po’ a zig zag arrivando così sull’anticima posta a 2901 m dove è presente un paletto metallico.                                                                                                                             Il tratto che dall’anticima conduce alla cima va affrontato con la massima attenzione solo da persone esperte. Pochi metri prima di giungere sull’anticima si prende a destra una cengetta che porta nell’evidente canalino per proseguire poi in traversata leggermente ascendente, su ghiaie ripide, roccette instabili e cengette ricoperte da infido ghiaino, tenendosi sempre qualche metro al di sotto del filo di cresta per scavalcare agevolmente un secondo canalino dopo il quale, con un paio di passi facili su roccette friabili, si arriva sull'aerea cima.  

DISCESA

Lungo l’itinerario di salita, stando attenti al breve tratto delle roccette dove è presente detrito.

MATERIALE

Scarponcini da trekking, bastoncini, zainetto, giacca a vento, occhiali, berretto, guanti, macchina fotografica.

NOTE

Il toponimo Fraele si riconduce forse a “fabrelle” da “faber”, fabbro, con riferimento alle antiche miniere di ferro per le quali la valle era conosciuta.
Plator, il termine deriva da “platea”, “pianura”, piastra.
Solena, mi permetto di avanzare che il sole, montagna soleggiata centri molto.
La bella Chiesetta di Cancano sorge nei pressi del Ristoro Solena ed è dedicata a Sant’Erasmo ed eretta nel anno1934 a ricordo dei tanti operai caduti durante la realizzazione delle opere per la costituzione degli invasi artificiali. Nel 1961, per far posto al nuovo invaso, la Chiesa venne riportata in tutte le sue componenti (facciata, vetrate, serramenti, ecc.) qui attualmente dove si trova. Le pitture e i disegni delle vetrate sono di Carlo Prada di Milano. Le colonne tortili e la cancellata centrale provengono da una villa veneta in rovina. Le colonne laterali sono state realizzate da un artigiano del posto.

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Cartografia: Cartografia: Kompass 072 Parco Nazionale dello Stelvio 1:50 00
Kompass 96 Bormio – Livigno 1:50.000
Punti d’appoggioa Cancano: Ristoro Solena tel. 348.7366439 – Ristoro Monte Scale tel.0432.904660 – Chalet Villa Valania tel. 0342.903312
Coordinate Ristoro Solena: n 46° 31’9,36” – e 10°19’20,98”

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Monte Solena"

Nessun commento per l'itinerario Monte Solena

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

Da giugno a ottobre fino alle prime nevicate

ORARIO

2-2,30 ore all’anticima – 2,30-2,45 alla cima.

DIFFICOLTÀ

EE - escursionisti esperti.

VERSANTE

Sud

DISLIVELLO SALITA

963 m dalla Chiesetta di Cancano, Ristoro Solena – 978 m dal posteggio dopo il Grasso di Solena.

PARTENZA

Chiesetta di Cancano 1952m, oppure posteggio dopo il Grasso di Solena 1937 m

PDF

Monte Solena

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

www.guidealpinealtavaltellina.it

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA itinerari

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria
  • Tupac Amaru - Carpe Diem
    la cascata è stata salita nel 97 da carlotti e compagni. r ...
    2015-01-06 / francesco lamo