Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowItinerari arrowCorno dei Tre Signori

Corno dei Tre Signori

Scheda a cura di: Eraldo Meraldi, Guida Alpina
Area: Alpi Retiche, Gruppo: Ortles Cevedale, Quota: 3360m

Quando la Valtellina era in possesso della Svizzera, venivano ad unirsi su questa vetta i confini della Svizzera, della Repubblica di Venezia e del Ducato di Milano; da ciò il nome attuale, forse anche perché i suoi ghiacciai alimentano tre fiumi: l’Oglio, l’Adda e il Noce.
Elegantissima slanciata piramide di roccia da tre parti, di ghiaccio verso la Val di Pejo, isolata tra due passi frequentati, di Gavia e della Sforzellina; offre un panorama meraviglioso, pari a quello del Tresero; l’ascensione di questo “pilastro angolare” non facilissima da nessun lato, è da anteporsi a quella di altre vette più famose e di maggior altezza per la varietà ed interesse ricompensanti ad usura della fatica non grande, partendo dal Rifugio di Gavia. Per discreti alpinisti la miglior combinazione è quella della cresta N con quella S o SE; per ottimi la salita per il versante NE con discesa per la cresta NO.
Storia alpinistica: 1° ascensione ricordata: P.Damiani, F.Gamba e G.Duina – 11 agosto 1876 per il versante O e cresta S.
Questa è la presentazione del Corno dei Tre Signori presa integralmente dalla Guida dei Monti d’Italia del Club Alpino Italiano – Regione dell’Ortler – di Aldo Bonaccossa, edita nel lontano 1915.
La via normale al Corno dei Tre Signori è tutt’altro che banale perché si svolge prevalentemente su sfasciumi e detriti mobili. La parte finale è invece di roccia relativamente solida e facile. Comunque è una bella ascensione in luoghi solitari al di fuori dalle rotte comuni. Come su tutte le montagne il panorama dalla vetta è splendido e gli orizzonti sono sempre lontani.

ACCESSO GENERALE

Da Bormio a S.Caterina Valfurva e salire seguendo la strada del Gavia fino al passo omonimo.  Oppure da Ponte di Legno in Val Camonica, salire lungo la strada del Gavia fino al passo.

ITINERARIO

Dal Passo Gavia, verso est passando sopra il lago Bianco, si segue la vecchia mulattiera militare (1915-18) dove alla prima deviazione si lascia sulla destra la salita per il Monte Gaviola e si passa su un bellissimo ponte perfettamente intatto con un opera muraria ad opera d’arte. Dopo circa 20 min. al primo tornante si abbandona la mulattiera per seguire le tracce del sentiero che sale verso destra e si risale un tratto ripido che porta in una conca al centro del vallone. Si attraversa il pianoro e si seguono i molti segnavia fra i massi dei pendii che scendono dalla fascia rocciosa tra il Corno dei Tre Signori e il Corno dei Camosci. Si arriva così alla base di un canalone posto all’estrema destra, quasi a ridosso del Corno dei Camosci: se innevato, lo si risale con piccozza e ramponi fino allo spartiacque. Altrimenti si raggiunge una corda alla base della parete che permette di superare la scomoda placca iniziale e si risale la parete per gradoni rocciosi e terriccio verso sinistra aiutati da una catena. Seguono altri tratti attrezzati alternati a sfasciumi fino all’ultima cengia che percorsa verso sinistra conduce direttamente alla Bocchetta del Corno dei Tre Signori. Dalla bocchetta si scende verso sinistra, breve tratto con catena e si raggiunge la sottostante conca di massi. Si prosegue a ridosso della cresta, su terreno morenico e si punta verso l’evidente barriera rocciosa. Si continua andando verso il ripido canale al centro della parete rocciosa della cresta est.  Si risale il canale per rocce rotte e lame rocciose. In cima al canale si sale una placca inclinata e fessurata e si continua per una placca liscia solcata da una fessura arrivando sulla cresta molto esposta. La si segue agevolmente arrivando brevemente alla croce di vetta. Discesa: lungo la via di salita.

MATERIALE

Abbigliamento da montagna, scarponcini da trekking, corda 30 m, imbracatura, casco, bastoncini, zainetto, occhiali; ramponi e piccozza in presenza di neve.

NOTE

Punti di appoggio: Rifugio Bonetta e Rifugio Berni al Passo Gavia
Tipo di salita: sentiero, traccia e roccette, brevi passaggi su roccia


CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Kompass 072 Ortles/Cevedale 1:50 000  Tabacco N. 08 Ortles-Cevedale 1:25.000

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Corno dei Tre Signori"

Nessun commento per l'itinerario Corno dei Tre Signori

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

giugno - ottobre

ORARIO

2 - 3,30 h Tempo complessivo a/r: 4 - 7 h

DIFFICOLTÀ

EE - II - F+

VERSANTE

O, S, E

DISLIVELLO SALITA

800m

DISLIVELLO DISCESA

800m

PARTENZA

Passo Gavia 2618m

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA itinerari

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
Wild Climb # Opera
Opera
Arc'teryx # Atom LT Hoody
Atom LT Hoody
Zamberlan # Tofane GT RR
Tofane GT RR
Ferrino # Gariwerd Pant
Gariwerd Pant
Climbing Technology # Multi Chain
Multi Chain
Ortovox # Ortovox Merino fleece logo Hoody
Ortovox Merino fleece logo Hoody
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon