Home page Planetmountain.com

arrowTrekking arrowItinerari con le ciaspe arrowLa passeggiata storica, da Angrogna San Lorenzo

La passeggiata storica, da Angrogna San Lorenzo

Scheda a cura di:
Area: Alpi occidentali, Gruppo: Val Pellice, Quota: 847m

Una passeggiata breve e facile, che permette di osservare interessanti luoghi della storia valdese: la Ghièisa d’la Tana, che la tradizione locale individua come luogo di rifugio e di culto durante le persecuzioni; la scuola museo degli Odin-Bertot; la stele di Chanforan, a ricordo del sinodo del 1532; il museo del Serre, dedicato alla donna.

ACCESSO GENERALE

Da Torino (zona Mirafiori) o dalla tangenziale si imbocca il raccordo autostradale per Orbassano e Pinerolo: attualmente l’autostrada termina a None, da cui
si prosegue verso Airasca; qui ci si immette sulla statale 23, e più avanti si percorre la circonvallazione di Pinerolo: dove si biforca, si segue il ramo di sinistra per la Val Pellice.
Si aggira Bricherasio, e alla rotonda del ponte di Bibiana si entra in Val Pellice, raggiungendo Luserna San Giovanni. Qui si stacca sulla sinistra la strada per Rorà, mentre subito dopo
il passaggio a livello si stacca a destra la strada per Angrogna. La strada principale continua invece lungo la valle, toccando subito Torre Pellice, e quindi in successione Villar Pellice e Bobbio Pellice, da cui con tracciato più stretto giunge a Villanova. Da Torino si può raggiungere Pinerolo in treno, da cui i bus Fs sostitutivi conducono a Torre Pellice. La Sapav (tel. 0121 322032 e 0121 803380) effettua servizio tra Torre Pellice e Bobbio Pellice, e alcuni collegamenti con Torino.

ACCESSO

Attraversata Luserna San Giovanni, poco dopo il passaggio a livello si trova sulla destra (poco visibile) il bivio per Angrogna (continuando sulla strada principale, al 1° semaforo di Torre Pellice, parte un’altra strada per Angrogna). Giunti al nucleo di San Lorenzo (782 m, municipio, tempio valdese, locanda, negozio di alimentari), si gira a destra, toccando la chiesa cattolica e salendo al successivo tornante: qui si va a sinistra, in piano, raggiungendo subito un parcheggio.

ITINERARIO

Dal piazzale si prosegue a piedi, sullo stradello pianeggiante tra faggi e castagni, raggiungendo presto la zona delle “tane”: sulla destra si notano diversi roccioni che nascondono anfratti naturali. Poco più avanti, in corrispondenza di una staccionata, si stacca sulla sinistra il ripido sentiero (poco visibile se c’è neve) che scende tra i roccioni con gradini e mancorrenti, poi piega a sinistra, e con un breve tratto a mezza costa raggiunge l’imbocco della Ghieisa d’la Tana, con alcune targhe che celebrano il luogo. Alla luce di una pila si supera lo stretto cunicolo iniziale, uscendo in una vastissima caverna dove la luce scende dall’alto attraverso un piccolo foro tra le rocce, creando un ambiente di grande suggestione.
Risaliti alla stradina, si riprende il cammino pianeggiante che porta senza fatica alla scuola-museo degli Odin-Bertot: si tratta di una delle tante scuolette fatte costruire dal colonnello Beckwith; all’interno sono stati conservati gli arredi e il materiale didattico ottocentesco.
Ora si prosegue sullo stradello asfaltato, in lieve salita e poi pianeggiante, che dopo alcune cascine porta alla radura di Chanforan, con la stele eretta nel 1932, per ricordare il sinodo che nel 1532 sancì l’adesione dei valdesi alla Riforma protestante.
Con un ultimo tratto in discesa si raggiunge infine la bella borgata del Serre, disposta su uno sperone che domina la valle: qui si trova un luminoso tempio valdese in stile neogotico, e il piccolo museo dedicato alla condizione della donna nelle valli valdesi.

DISCESA

Si ripercorre il percorso di andata. Oppure si segue la carrozzabile in lieve discesa che collega il Serre a San Lorenzo: da qui, seguendo la strada fatta in auto, si raggiunge il parcheggio.

MATERIALE

Normale dotazione escursionistica da neve, ciaspes, bastoncini. Inoltre piccozza, ramponi, corda.

NOTE DIFFICOLTÀ

Facile passeggiata; con neve o ghiaccio attenzione nella discesa alla Ghieisa d’la Tana.

NOTE

L’itinerario di rado è innevato, e si può percorrere senza racchette; per la Ghièisa d’la Tana indispensabile una torcia elettrica; per la visita della scuola-museo e del museo del Serre contattare con almeno un giorno d’anticipo la Fondazione “Il Barba” (tel. 0121 950203, lunedì - venerdì ore 9-12) o il signor Adriano Chauvie (tel. 0121 944184 e 0121 932384).

Atl 2 Montagnedoc, via Giolitti 7/9, 10064 Pinerolo (To), tel. 0121 745589, e
0121 794003, fax. 0121 372084, e-mail pinerolo@montagnedoc.it (www.montagnedoc.it).
Ufficio turistico comunale di Luserna San Giovanni, via Ribet 1, 10062 Luserna
San Giovanni (To), tel. 0121 902441, fax 0121 902470.
Ufficio turistico comunale di Torre Pellice, via Repubblica 3, 10066 Torre Pellice (To), tel. 0121 91875, fax 0121 933353, e-mail protorre@libero.it.
Comunità montana Val Pellice, corso Lombardini 2, 10066 Torre Pellice (To),
tel. 0121 9524206, 0121 9524201, 0121 932625, e-mail cultura@valpellice.to.it.

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Igc, scala 1:25.000, foglio 106 Monviso, Sampeyre, Bobbio Pellice.
Igc, scala 1:50.000, foglio 1 Valli di Susa, Chisone e Germanasca.
Igc, scala 1:50.000, foglio 6 Monviso.

Valli pinerolesi - scialpinismo, di Eraldo Quero, ediz. Cda, Torino 1993.
Le Valli Valdesi, di Giorgio Tourn, ediz. Claudiana, Torino 2002.
La Val d’Angrogna, di Benna, Bertone, Fabbrini, Jalla, Mantovani, ediz. Cda, Torino 1999.
Scialpinismo tra Piemonte e Francia, di Roberto Aruga,
ediz. Cda, Torino 1999.
Piemonte in sci, itinerari di fondo escursionismo, di Rosanna Carnisio, ediz. Cda, Torino 1991.
Alpi Cozie Centrali, Guida dei Monti d’Italia, Cai - Tci, Milano 1982.
Le valli valdesi, ediz. Kosmos, Torino 1992.
Osterie, locande e prodotti tipici - Valli del Pinerolese, Valle di Susa, Valli di Lanzo e del Canavese di M. Blatto e F. Chiaretta, Le guide di Alp, Torino 2000.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "La passeggiata storica, da Angrogna San Lorenzo"

Nessun commento per l'itinerario La passeggiata storica, da Angrogna San Lorenzo

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

Tutto l’anno

ORARIO

1.45 ore a/r escluse le soste.

DIFFICOLTÀ

Facile

VERSANTE

sud

DISLIVELLO SALITA

100 m

LINK ZONA

Vai all'articolo

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA itinerari con le ciaspe

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

EXPO / Prodotti
Lizard # Alp
Alp
Ferrino # Cybersafe 20
Cybersafe 20
Salewa # Giacca Salewa Kali
Giacca Salewa Kali
La Sportiva # Primus Hoody
Primus Hoody
Zamberlan # Everest
Everest
Kong # Argon S
Argon S
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
L'ultimo tiro della Via dei Ragni, Cerro Torre
archivio Cominetti, Lucco, Salvaterra