SPECIAL HOME
POSTA

L'esperto risponde

FOTOGRAFI

Foto d'autore

PROTAGONISTI

Interviste

WEBLINK

Link di montagna

Sito della settimana

CERCO VENDO

'Usato' di montagna

Inserisci un annuncio

PANORAMI A 360°

Alpi, Himalaya

LIBRI E VIDEO

Novità

Narrativa

Guide

Film

Carte
 

Newsletter

Forum

Spedizioni

Materiali

Expo

Search
sentieri sotto la neve Riccardo Cassin

LA SUD DEL MCKINLEY
e Breve storia del Denali di Mirella Tenderini


Collana Le tracce
Centro Documentazione Alpina, 2000


pagg. 126
prezzo di copertina £ 26.000
foto b.n.



Mnet Libri
Le recensioni di Mnet
torna all'indice 
Alaska 1965. 3° campo sulla Cresta Sud del McKinley. Per la spedizione ‘Città di Lecco’ è il giorno decisivo. Riccardo Cassin e i suoi compagni, Gigi Alippi, Jack Canali, Romano Perego, Luigi Airoldi e Annibale Zucchi si preparano per "l’assalto finale". Devono superare ancora 1200 metri di dislivello per arrivare in vetta. Ci arrivarono, tutti e sei.

Poi, nella discesa, tre di loro soffrirono di congelamenti, molto gravi nel caso di Jack Canali. Ma restando uniti e aiutandosi, non senza difficoltà e ancora una volta tutti assieme, ridiscesero fino al campo base. Avevano effettuato la prima salita della difficile Cresta Sud della montagna più alta del Nord America, una delle più ‘fredde’ del Mondo. Era un’impresa e come tale fu accolta, soprattutto negli Stati Uniti.
Al ritorno Riccardo Cassin scrisse ‘La Sud del McKinley’, ora ripubblicato dal Centro di Documentazione Alpina assieme all’interessante storia alpinistica del McKinley di Mirella Tenderini.

Cassin presenta il libro come un semplice diario della spedizione, una trasposizione di quello che aveva scritto durante la spedizione, senza alcuna pretesa letteraria. Un diario molto bello ed interessante c’è da aggiungere. Leggendolo, si rivivono i pensieri, le difficoltà piccole e grandi, gli incontri, le preoccupazioni come si succedevano e presentavano a Cassin giorno dopo giorno. Con immediatezza si entra nella storia da cui, senza grandi iperboli o parole pompose per descrivere le difficoltà e i pericoli superati, affiorano grande umanità ma anche fermezza e forza.

Come all’ultimo campo prima della partenza verso la cima, "Ognuno sa fin troppo bene che in questa sola giornata dovrà dare tutto se stesso, senza badare a misurare le forze" scrive Cassin che aggiunge: "Il McKinley deve essere l’unico pensiero: per tutto il resto ci sarà tempo domani". Semplice... e solido come la roccia delle sue montagne.

| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.