SPECIAL HOME
POSTA

L'esperto risponde

FOTOGRAFI

Foto d'autore

PROTAGONISTI

Interviste

WEBLINK

Link di montagna

Sito della settimana

CERCO VENDO

'Usato' di montagna

Inserisci un annuncio

PANORAMI A 360°

Alpi, Himalaya

LIBRI E VIDEO

Novità

Narrativa

Guide

Film

Carte
 

Newsletter

Forum

Spedizioni

Materiali

Expo

Search
Deserti
Carla Perotti

DESERTI
Ed. Corbaccio, 1998

Pag. 206
Fotografie a colori
Prezzo di copertina L. 26.000


Tenéré, Salar de Uyuni, Kalahari, tre zone desertiche, ognuna con una sua particolarità. Carla Perotti le ha attraversate, compiendo delle vere imprese.
Mnet Libri
Le recensioni di Mnet

torna all'indice 
Deserti, luoghi aridi ed isolati. Queste terre inospitali da sempre rappresentano la difficoltà del vivere, il silenzio e la meditazione. Come ideali transiti, per una qualche "terra promessa" materiale o spirituale, sono da secoli immutati testimoni della storia della terra e degli uomini.
Forse per tutto questo, o nonostante tutto questo, i deserti, come il mare e la montagna (in qualche modo "deserti" anch'essi), popolano i sogni di molti uomini e donne che ne sono irresistibilmente attratti.
Un’attrazione che l’autrice di questo libro, esploratrice e documentarista, ha sicuramente avvertito come desideri a lungo covati e irrinunciabili, divenuti realtà con l'attraversamento dei deserti del Tenéré, dello Shalar de Uyuni e del Kalahari.

Tre storie, tre avventure eccezionali e diverse come i territori che ne sono protagonisti, a ciascuna Carla Perotti ha dedicato uno dei capitoli di questo suo primo libro. L’autrice, come in un diario, racconta gli avvenimenti, le difficoltà ed i sentimenti che hanno caratterizzato di volta in volta l’attraversamento a dorso di dromedario del Tenéré al seguito di una carovana del sale dei mitici Tuareg, la solitaria traversata a piedi dello Shalar de Uyuni il più alto lago salato della terra, l’incontro con il popolo boscimane e l’attraversamento con il loro aiuto e sempre a piedi del Kalahari.

Dal racconto traspare, quasi con una certa monotonia, la caparbietà e la forza di volontà richieste alla protagonista da queste imprese, la sua capacità di concentrarsi verso la meta ma anche - come dei lampi che squarciano il testo - irrompe l’essenza stessa del deserto attraverso lo stupore per i cromatismi delle sabbie allo scambiarsi del sole con la luna, la naturalezza ed il fascino delle genti del deserto compagne d’avventura della protagonista, l’atavica paura scatenata dal ruggito del leone o l’incredibile solitudine provata nello Shalar de Uyuni.

E’ soprattutto per quest’ultimo aspetto che Deserti, già dal titolo e al di là delle imprese che racconta, ha il potere di esercitare quella particolare malia che solo i territori selvaggi e carichi di storia e mistero evocano da sempre.


| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.